World Affairs/Iran e Russia condannano il saccheggio del petrolio siriano ad op...

Iran e Russia condannano il saccheggio del petrolio siriano ad opera degli Stati Uniti

 

l'AntiDiplomatico ha bisogno del tuo aiuto. Una tua piccola donazione può essere vitale per la nostra battaglia di informazione.

L'Iran e la Russia condannano gli sforzi degli Stati Uniti di mantenere la sua presenza militare in Siria al fine di sfruttare illegalmente le risorse naturali e il petrolio del paese arabo


Il ministro degli Esteri iraniano, Mohamad Yavad Zarif, in una conferenza stampa trilaterale con le sue controparti provenienti da Russia e Turchia, Sergey Lavrov e Mevlut Cavusoglu, rispettivamente, ha ironizzato sull'invio di forze militari statunitensi nella Siria orientale per "proteggere" i campi petroliferi, come dice Washington.
 
"Beh, sembra che gli Stati Uniti rimarranno per proteggere il petrolio, ma almeno il presidente [Donald] Trump è onesto nel dire ciò che intende fare", ha ironizzato il capo della Diplomazia persiana.
 
Lunedì scorso, il segretario alla Difesa degli Stati Uniti Mark Esper ha annunciato che le forze statunitensi "rimarranno dispiegate" nella provincia orientale di Deir Ezzor per proteggere i depositi di idrocarburi.
 
Il ministro degli Esteri russo, da parte sua, ricorda a Washington che i tribunali internazionali considerano "l'illegale" lo sfruttamento delle risorse naturali di un paese indipendente senza il loro permesso.
 
“Negli Stati Uniti stessi c'è una discussione nella comunità di esperti su come valutare ciò che sta accadendo ora [...] gli esperti esprimono un'opinione con la quale siamo assolutamente d'accordo [...] citando decisioni dei tribunali internazionali su situazioni simili ", nel senso che" qualsiasi sfruttamento delle risorse naturali di uno stato sovrano senza il loro consenso è illegale ", ha affermato Lavrov.
 
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa