/ Israele ruba altra terra ai palestinesi con il pretesto di creare...

Israele ruba altra terra ai palestinesi con il pretesto di creare riserve naturali

 

Il regime israeliano continua la sua politica di confisca delle terre palestinesi con la scusa di istituire riserve naturali nei territori occupati


Mercoledì scorso, il ministro israeliano per gli affari militari Naftali Bennett ha approvato la creazione di sette nuove riserve naturali nella Cisgiordania occupata, provocando una reazione dalla Palestina, che ha promesso di presentare una denuncia alla Corte penale internazionale (ICC) per l'ultimo "Schema" per rubare più terra palestinese.

 
Inoltre, Tel Aviv ha anche annunciato l'espansione di 12 riserve naturali esistenti in Cisgiordania, tra cui Qumran, dove furono ritrovati i manoscritti del Mar Morto.
 
L'organizzazione pacifista israeliana Peace Now ha affermato che le riserve designate ammontano a circa 13.000 acri (5300 ettari), di cui circa il 40% di proprietà privata palestinese.

 
Hagit Ofran di Peace Now ha ricordato che le leggi israeliane che regolano le riserve naturali vietano ai palestinesi di coltivare la propria terra.
 
Il ministero degli Esteri palestinese ha considerato questa misura del regime israeliano come un tentativo di sviluppare ulteriormente gli insediamenti israeliani e afferma che porterà la questione all'ICC con sede a L'Aia.
 
"Il Ministero degli Affari Esteri condanna nel modo più deciso le decisioni colonialiste ed espansionistiche di Bennett e afferma che le cosiddette riserve naturali sono solo un altro schema per l'appropriazione e il sequestro delle terre palestinesi", ha spiegato in una nota, aggiungendo che il progetto mira a "sostenere gli insediamenti nella Cisgiordania occupata".
 
Secondo gli esperti, la misura sarebbe la prima nel suo genere dopo la firma degli accordi di Oslo tra Israele e OLP nel 1993.
 
I palestinesi e la maggioranza della comunità internazionale considerano gli insediamenti israeliani "illegali".
 
La risoluzione 2334 del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite (UNSC), che è stata adottata nel dicembre 2016 , ha dichiarato che gli insediamenti nella West Bank e Gerusalemme Est "sono una flagrante violazione secondo il diritto internazionale".
 
 
Fonte: Foto AFP
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa