Israele senza pietà. Prigioniero palestinese da 125 giorni in sciopero della fame è vicino alla morte

Israele senza pietà. Prigioniero palestinese da 125 giorni in sciopero della fame è vicino alla morte

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Le condizioni fisiche del prigioniero palestinese Kayed Fasfus si stanno deteriorando rapidamente poiché ha iniziato uno sciopero della fame da 125 giorni.

"Ringrazio la nazione palestinese per gli sforzi compiuti per sostenere i prigionieri... Spero che aumentino il loro sostegno ai prigionieri" , ha dichiarato Kayed Fasfus, in un'intervista.

Da parte sua, il fratello del prigioniero palestinese, Khaled Fasfus, ha sottolineato che la salute di Kayed si sta deteriorando rapidamente e in modo tangibile.

“Le condizioni fisiche di Kayed sono molto critiche. In modo che la sua morte improvvisa sia possibile in qualsiasi momento ”, ha affermato a questo proposito.

Ha ricordato che suo fratello si rifiuta di assumere integratori alimentari e di sottoporsi a esami medici da specialisti israeliani.

Dopo aver affermato che il sistema nervoso di Kayed è stato danneggiato dallo sciopero della fame in corso, Khaled ha aggiunto che suo fratello dorme gran parte della giornata, così come da ieri ha perso la capacità di parlare.

Fasfus, 34 anni, ha fatto uno sciopero della fame a tempo indeterminato per chiedere la fine della sua detenzione amministrativa, una controversa politica adottata dalle autorità del regime di Tel Aviv che consente l'arresto e la detenzione di una persona senza accusa, né processo e anche di fornire prove contro senza un controllo giurisdizionale equo.

Il 13 novembre, i medici del centro medico militare di Barzilai (ad Ascalon), dove Fasfus è in cura da quasi due mesi, hanno riferito che il prigioniero potrebbe subire una morte improvvisa  per la comparsa dei segni di un coagulo di sangue.

I referti medici mostrano che Fasfus soffre anche di battito cardiaco irregolare, problemi ai reni, bassa pressione sanguigna e una grave diminuzione dei liquidi corporei e delle vitamine.

Tuttavia, tenendo conto della situazione critica del prigioniero palestinese, una corte suprema del regime israeliano ha respinto la sua richiesta di rilascio immediato.

Questa è stata la quarta volta che il tribunale israeliano ha negato la richiesta di rilascio di Fasfus e ha mostrato indifferenza per lo stato di salute del prigioniero palestinese, che rischia la morte.

Insieme a Fasfus, ci sono altri quattro prigionieri palestinesi che hanno fatto uno sciopero della fame per una causa simile. I cinque palestinesi hanno chiesto la fine della loro detenzione, che si basa su un "file segreto", che nemmeno i loro avvocati possono vedere. 

I cosiddetti file sono forniti dal servizio di intelligence israeliano.

Lo sciopero della fame dei prigionieri palestinesi è iniziato per chiedere la fine delle misure abusive imposte dalle autorità israeliane. Fa parte di una lotta e ribellione contro il regolamento carcerario del regime di Tel Aviv, aggravato negli ultimi mesi.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

L'agenda Draghi-Meloni di Giorgio Cremaschi L'agenda Draghi-Meloni

L'agenda Draghi-Meloni

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)   di Bruno Guigue Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA di Alberto Fazolo 28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA

28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA

Torna a salire la tensione tra Grecia e Turchia di Antonio Di Siena Torna a salire la tensione tra Grecia e Turchia

Torna a salire la tensione tra Grecia e Turchia

Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico di Gilberto Trombetta Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico

Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia di Giuseppe Masala Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia

Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra di Damiano Mazzotti Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti