Italexit, sovranità e Nato. Alcune domande per il dibattito

Italexit, sovranità e Nato. Alcune domande per il dibattito

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


Recuperare la nostra sovranità è il primo obiettivo che come popolo ci dobbiamo prefissare. 

Tutte le forze progressiste che mirano al socialismo per relegare nella spazzatura della storia questo trentennio di barbarie liberiste sanno - o dovrebbero sapere per essere credibili - che tutti i loro proclama sono vani finché il potere reale viene detenuto da Bruxelles, Berlino, Francoforte e Washington. E, soprattutto, Washington.


 
Sul nuovo partito fondato dal senatore Paragone, Italexit, è veramente troppo presto per prendere una posizione netta. Siamo ad alcune dichiarazioni, un manifesto molto ben scritto, energie molto interessanti a cui diamo e daremo spazio per le battaglie in comune sulla sovranità monetaria e fiscale. Ma troppo poco (e male dal nostro punto di vista) è stato fatto e detto su un aspetto determinante che riguarda il pieno recupero della nostra sovranità, senza il quale, dal nostro punto di vista, i punti indicati dal Manifesto restano difficilmente perseguibili.
 
Due domande su tutte. Come si può pensare di recuperare la sovranità nazionale dentro la Nato...?  E, ancora più nel dettaglio: Come si può pensare di mettere in un cassetto le barbarie degli ultimi trent’anni quando il tempio del neo-liberismo conserva 40 bombe nucleari sul nostro territorio?
 
E’ con questo spirito, assolutamente costruttivo e aperto a lanciare un dibattito, che riceviamo e rilanciamo uno scritto di Alessandro Pascale che articola queste domande. Del resto, non porsi questi problemi oggi potrebbe rendere vani tutti gli sforzi per il recupero pieno della nostra sovranità domani.


La redazione 

.................................

di Alessandro Pascale


Come ha giustamente fatto notare più volte il compagno Matteo Luca Andriola, a cui peraltro va la mia solidarietà per le gravi minacce ricevute in questi giorni, il problema principale di Italexit, la nuova organizzazione promossa da Paragone, è che non dice mezza parola sulla NATO, non cogliendo un dato essenziale: quasi tutti i paesi dell'UE sono anche membri della NATO, e seppur con qualche distinguo, sono tutti proni (Italia compresa) al progetto imperiale portato avanti da Washington, che prevede il mantenimento del controllo assoluto delle risorse dell'Africa e del Medio Oriente, oltre che l'eventuale repressione di avversari interni, da compiersi con ogni mezzo.


Non ci sarà emancipazione nazionale (e quindi anche popolare) possibile finché non avremo rescisso con una rivoluzione il blocco sociale e politico che ha mantenuto l'Italia su questi binari fin dal viaggio di De Gasperi negli USA. La lotta all'imperialismo è complessa e articolata ma occorre ricordare chi è il primo nemico alla cui tonaca si attaccano con disperazione i più importanti gruppi borghesi del nostrano "complesso industrial-militare".


Finché saremo nella NATO saremo complici dell'Impero. Potenza imperialista di medio livello, ma partner subalterno all'ordine americano fondato sul dominio delle multinazionali e di un'élite ristretta di migliaia di persone che pretendono di governare il mondo in virtù della propria forza militare o economica. Non c'è possibile riscatto popolare in un contesto simile, neanche dopo aver eventualmente compiuto il miracolo di scissione dall'UE. Finché non usciremo dalla NATO saremo sempre una semicolonia a sovranità limitata, con una classe borghese connivente che preferirà abbandonare al macello il popolo e la nazione, piuttosto che i propri averi.

L'agenda Draghi-Meloni di Giorgio Cremaschi L'agenda Draghi-Meloni

L'agenda Draghi-Meloni

L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE di Marinella Mondaini L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE

L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)   di Bruno Guigue Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA di Alberto Fazolo 28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA

28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso" di Antonio Di Siena Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva? di Michelangelo Severgnini Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva?

Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva?

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo di Paolo Pioppi Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo

Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra di Damiano Mazzotti Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti