Jeffrey Sachs - "Gilad Erdan fa un favore al mondo rendendo evidente la strategia di Israele destinata al fallimento"

Jeffrey Sachs - "Gilad Erdan fa un favore al mondo rendendo evidente la strategia di Israele destinata al fallimento"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

di JEFFREY D. SACHS* – COMMON DREAMS


L'approccio tattico del Likud si basa interamente sugli Stati Uniti per la sicurezza di Israele, come unica forza di blocco in una comunità mondiale sempre più unita e sconvolta dai massicci crimini di guerra israeliani. Per quanto tempo ancora potranno continuare in questo modo?

Abbiamo un ironico debito di gratitudine nei confronti dell'ambasciatore israeliano alle Nazioni Unite Gilad Erdan per aver promosso la causa dello Stato di Palestina alle Nazioni Unite. Pronunciando un discorso all'Assemblea Generale delle Nazioni Unite così sgangherato, assurdo, volgare, offensivo, indegno e poco diplomatico, Erdan ha contribuito a ottenere un voto schiacciante di 143 a 9 a favore dell'adesione della Palestina alle Nazioni Unite (gli altri si sono astenuti o non hanno votato). Ma soprattutto Erdan ha contribuito a chiarire l'approccio tattico di Israele e perché è destinato a fallire.

Consideriamo brevemente il contenuto del discorso di Erdan. Erdan ha affermato, in breve, che la Palestina è uguale ad Hamas e Hamas è uguale al Reich nazista di Hitler. Erdan ha ribadito ai delegati delle Nazioni Unite che le loro nazioni sostengono uno Stato di Palestina perché "molti di voi odiano gli ebrei". Ha poi stracciato la Carta delle Nazioni Unite sul palco, sostenendo che i delegati stavano facendo lo stesso votando per l'adesione della Palestina alle Nazioni Unite. Nel frattempo, lo stesso giorno del suo discorso e del voto all'ONU, Israele stava radunando le sue forze per un altro massacro di civili innocenti a Rafah.

Il discorso di Erdan ha raggiunto il livello di odio velenoso e di assurdità. La Palestina entrerà nell'ONU come Stato amante della pace, un impegno dichiarato con fermezza ed eloquenza dall'ambasciatore palestinese all'ONU, Riyad Mansour (qui al minuto 23:44). "Vogliamo la pace", ha dichiarato inequivocabilmente l'ambasciatore Mansour. Inoltre, la soluzione dei due Stati non avverrà ovviamente in un vuoto diplomatico. Secondo l'Iniziativa di pace araba del 2002, riaffermata dai Paesi arabi e islamici a Riyadh lo scorso novembre, i Paesi arabi e islamici si sono ripetutamente impegnati a sostenere la pace e la normalizzazione delle relazioni con Israele come parte della soluzione dei due Stati.

Contrariamente alle calunnie di Erdan, i governi dell'Assemblea Generale dell'ONU non sono ovviamente degli odiatori degli ebrei. Piuttosto, detestano l'aggressione del governo israeliano a Gaza, una carneficina così vasta che Israele è sul banco degli imputati della Corte internazionale di giustizia con l'accusa di genocidio. La stessa falsa accusa è stata rivolta agli studenti che protestano non contro gli ebrei, ma contro l'apartheid e il genocidio.

Ci si chiede quindi cosa stesse facendo Erdan per tenere un discorso così esagerato che poteva solo servire a rafforzare, e non a ridurre, lo schiacciante voto mondiale a favore della Palestina. Ovviamente, stava facendo quello che fanno tutti i politici nell'era dei social media. Stava facendo un'esibizione per i suoi adoranti 157 mila follower su X (ex Twitter) e per i sostenitori del partito di destra israeliano Likud.

All'inizio, ascoltando Erdan, ho semplicemente pensato che fosse uno squilibrato, che soffrisse di un trauma post-olocausto e che vedesse un Hitler in agguato in ogni ombra. Ma questa visione è ingenua. Erdan è una figura politica di grande esperienza, ben istruita e ben formata, e aveva il pieno controllo di un discorso accuratamente preparato (che comprendeva un poster e un distruggidocumenti come oggetti di scena). Il mio errore iniziale è stato quello di pensare che stesse parlando al resto degli ambasciatori delle Nazioni Unite e agli spettatori del dibattito come me.

 

La grande differenza tra la politica dell'era radiotelevisiva di un tempo e quella dell'era dei social media di oggi è che i politici non parlano più al grande pubblico. Ora comunicano quasi esclusivamente con la loro base e la "quasi base". Ogni persona oggi riceve un flusso personalizzato di "notizie" che è costruito congiuntamente da scelte individuali (quali siti web visitiamo), reti di "seguaci" digitali, algoritmi di piattaforme come Facebook, X e TikTok, e forzanti nascosti che includono le agenzie di intelligence, i propagandisti del governo, le aziende e gli operatori politici. Di conseguenza, i politici mobilitano e motivano la loro base, e non molto di più.

Il politico Erdan e il suo partito Likud combattono contro i palestinesi da molto più tempo di quanto Hamas ha dominato la politica di Gaza, anzi da più tempo di quanto Hamas esista. Erdan è cresciuto all'interno del partito, dalla sua ala giovanile in poi, in un movimento che si è sempre schierato strenuamente contro uno Stato palestinese e la soluzione dei due Stati. In effetti, il Likud ha a lungo trattato Hamas come un puntello politico, uno stratagemma per dividere i palestinesi e quindi per respingere gli appelli internazionali alla soluzione dei due Stati. Come riportano anche i media israeliani, i leader del Likud hanno lavorato con le nazioni arabe nel corso degli anni per mantenere Hamas sovvenzionata, in modo che potesse rappresentare una continua competizione con l'Autorità palestinese.

Da un lato, gli elettori americani, soprattutto quelli giovani, sono sconvolti dalla brutalità di Israele. Dall'altro, la posizione geopolitica dell'America si sta sgretolando.

Qual è dunque la strategia del Likud mentre Israele si isola sempre più dal resto del mondo? Anche in questo caso, le strategie politiche del passato di Erdan offrono un indizio. Erdan è stato uno dei politici israeliani più scaltri e di maggior successo nel costruire l'alleanza del Likud non solo con la ricca comunità ebraica americana, ma anche con la comunità cristiana evangelica americana. I sionisti cristiani sostengono ardentemente il controllo di Israele sulla Terra Santa, anche se come preludio al loro Armageddon, non esattamente il programma a lungo termine del Likud.

La convinzione tattica del Likud è che gli Stati Uniti saranno sempre presenti, sia che si tratti di un problema di salute, sia che si tratti di un problema di salute, perché la Lobby israeliana (sia ebraica che cristiano-evangelica) e il complesso militare-industriale statunitense saranno sempre presenti. La scommessa del Likud ha sempre funzionato in passato e crede che funzionerà anche in futuro. Certo, l'estremismo violento di Israele costerà a Biden il sostegno dei giovani elettori americani, ma se così fosse, questo significherebbe solo l'elezione di Trump a novembre, quindi ancora meglio per il Likud.

La strategia del Likud si basa interamente sugli Stati Uniti per la sicurezza di Israele, come unica forza di blocco in una comunità mondiale sempre più unita e sconvolta dai massicci crimini di guerra di Israele e favorevole a imporre la soluzione dei due Stati a un Israele assolutamente recalcitrante. Tuttavia, gli interessi fondamentali degli Stati Uniti - economici, finanziari, commerciali, diplomatici e militari - sono in contrasto con l'isolamento di Israele all'interno del sistema internazionale.

La lobby israeliana sarà colpita da una manovra a tenaglia. Da un lato, gli elettori americani, soprattutto quelli giovani, sono sconvolti dalla brutalità di Israele. Dall'altro lato, la posizione geopolitica dell'America si sta sgretolando. A breve, molti Paesi europei, tra cui Spagna, Irlanda e Norvegia, dovrebbero riconoscere la Palestina e accogliere la sua adesione alle Nazioni Unite. Erdan potrebbe finire in cima al mucchio del partito Likud, ma è probabile che il Likud e i suoi partner estremisti e violenti nella coalizione raggiungano presto i limiti della loro arroganza, violenza e crudeltà.

Traduzione de l’AntiDiplomatico

*È professore universitario e direttore del Centro per lo sviluppo sostenibile della Columbia University, dove ha diretto l'Earth Institute dal 2002 al 2016. È anche presidente del Sustainable Development Solutions Network delle Nazioni Unite e commissario della Commissione per lo sviluppo a banda larga delle Nazioni Unite. È stato consulente di tre Segretari generali delle Nazioni Unite e attualmente ricopre il ruolo di SDG Advocate sotto il Segretario generale Antonio Guterres. Sachs è autore, ultimamente, di "Una nuova politica estera: Beyond American Exceptionalism" (2020). Tra gli altri libri ricordiamo: "Costruire la nuova economia americana: Smart, Fair, and Sustainable" (2017) e "The Age of Sustainable Development" (2015) con Ban Ki-moon.

--------------------------------------------------------

A GAZA LA SITUAZIONE UMANITARIA E' FUORI CONTROLLO. LA PULIZIA ETNICA DECISA

C'E' UNA ONG, GAZZELLA ONLUS, CHE NON SI ARRENDE A QUESTE BARBARIE E OGNI GIORNO, EROICAMENTE, PORTA BENI DI PRIMA NECESSITA' ALLA POPOLAZIONE STREMATA




L'ANTIDIPLOMATICO E LAD EDIZIONI, INSIEME A Q EDIZIONI, E' IMPEGNATA ALLA RACCOLTA FONDI PER LA POPOLAZIONE DI GAZA

ACQUISTANDO IL LIBRO "IL RACCONTO DI SUAAD - PRIGIONIERA PALESTINESE" DAL NOSTRO SITO CONTRIBUIRETE ATTIVAMENTE ALL'INVIO DI AIUTI ALLA POPOLAZIONE DI GAZA

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*       di Geraldina Colotti Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*      

Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*  

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

L'Unione Europea nella percezione degli italiani di Leonardo Sinigaglia L'Unione Europea nella percezione degli italiani

L'Unione Europea nella percezione degli italiani

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics di Marinella Mondaini Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

A cosa serve la proposta di Putin di oggi di Giuseppe Masala A cosa serve la proposta di Putin di oggi

A cosa serve la proposta di Putin di oggi

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti