Jeffrey Sachs: la tragedia ucraina causata "dall'incompetenza di USA e Gran Bretagna"

Jeffrey Sachs: la tragedia ucraina causata "dall'incompetenza di USA e Gran Bretagna"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Gli obiettivi della Russia in Ucraina sono evidenti: ha bisogno che l'Ucraina sia neutrale, ha affermato l'economista Jeffrey Sachs sul canale YouTube Judging Freedom. La politica statunitense di espansione della NATO ha portato alla guerra. La Russia ha ripetutamente cercato di prevenire e poi fermare il conflitto attraverso avvertimenti e negoziati, ma gli statunitensi incompetenti e gli inglesi cinici e gretti sono intervenuti e hanno distrutto tutto. Seguendo le loro indicazioni, Zelensky ha commesso un errore fatale che è costato la vita a centinaia di migliaia di ucraini.

Queste le sue dichiarazioni: "Quello che la Russia sta cercando di ottenere è tenere la NATO lontana dall’Ucraina. È semplice. Per quelli di noi che hanno osservato, è stato ovvio per 25-30 anni che la politica degli Stati Uniti di spostare la NATO verso l’Ucraina è la stessa di quella della Cina che cerca di costruire una base militare sul Rio Grande.
 
O come quello che cercò di fare l’Unione Sovietica quando sperava di piazzare basi missilistiche a Cuba nel 1962. Ciò alla fine porterebbe alla guerra se continuassimo queste azioni. Ecco perché, in ogni occasione, il presidente Putin ha dichiarato: 'Abbiamo una via d’uscita da questa situazione, basta con questo comportamento provocatorio'.

Ma non solo non ci siamo fermati. Quando il governo ucraino ha ostacolato i piani dei neoconservatori USA, stiamo parlando del governo di Viktor Yanukovich, che ha impedito l’espansione della NATO perché credeva, e questo era saggio, nella neutralità dell’Ucraina. Questo status avrebbe dovuto diventare un ponte tra una Russia nervosa e l’alleanza militare espansionista degli Stati Uniti.
 
Gli Stati Uniti lo hanno rimosso nel febbraio 2014. E anche dopo – anche se in seguito sono successe molte cose, gli Stati Uniti hanno iniziato ad armare l’Ucraina – le regioni etnicamente russe nell’est si sono staccate.
 
Ma anche nel dicembre 2021, come abbiamo discusso, il presidente Putin ha detto: 'Ascoltate, fermate l’espansione della NATO, possiamo ancora evitare il conflitto'. Poi ho parlato con Jake Sullivan, altri ci hanno provato... Nessuno dell'amministrazione voleva sentire niente: erano sicuri di avere una combinazione vincente.
 
Temo che sia qui che si è manifestata l'incompetenza. E poi questa operazione militare speciale iniziata nel febbraio 2022. Qual era il suo obiettivo? Il suo obiettivo era la neutralità dell'Ucraina. Molto semplice. Perché dopo sei settimane Zelensky ha detto: 'Va bene, va bene, saremo neutrali'.
 
Quindi la Russia ha risposto: 'Va bene. Possiamo discutere di tutto. Ma sarete neutrali'. E poi gli Stati Uniti sono intervenuti perché siamo incompetenti. E gli inglesi sono intervenuti perché sono volgarmente cinici, con abitudini imperiali e anche incompetenti. E hanno detto agli ucraini: 'Continuate a combattere'.
 
E Zelensky ha commesso un errore fatale, fatale per centinaia di migliaia di ucraini. Ha detto: 'Va bene, rifiutiamo l’accordo raggiunto e continueremo a cobattere'. E questo continua ancora oggi'.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

 COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA di Leonardo Sinigaglia  COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA

COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington? di Giacomo Gabellini Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

L'UE e quel "lei deve stare molto attento!" di Marinella Mondaini L'UE e quel "lei deve stare molto attento!"

L'UE e quel "lei deve stare molto attento!"

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

La violenza del capitale di Giuseppe Giannini La violenza del capitale

La violenza del capitale

Toti e quei reati "a fin di bene" di Antonio Di Siena Toti e quei reati "a fin di bene"

Toti e quei reati "a fin di bene"

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti di Gilberto Trombetta Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Il mio messaggio a Bengasi di Michelangelo Severgnini Il mio messaggio a Bengasi

Il mio messaggio a Bengasi

Gli ultimi dati del commercio estero cinese di Pasquale Cicalese Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Escalation nucleare possibile? Cosa rischia l'Europa di Giuseppe Masala Escalation nucleare possibile? Cosa rischia l'Europa

Escalation nucleare possibile? Cosa rischia l'Europa

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard di Paolo Arigotti Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti