John Pilger: L'invasione dell'Afghanistan è sempre stato un progetto imperialista

John Pilger: L'invasione dell'Afghanistan è sempre stato un progetto imperialista

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

L'invasione dell'Afghanistan guidata dagli Stati Uniti nel 2001 dovrebbe essere chiamata per quello che è stata: una guerra imperialista lanciata con il pretesto di una lotta contro il terrorismo, ha ribadito a RT John Pilger, regista documentarista e tra i più grandi giornalisti viventi.

Pilger, durnate la trasmissione televisiva Going Underground, ha invitato a riflettere sulle lezioni che dovrebbero essere apprese da due decenni di occupazione in Afghanistan, che si è conclusa con un ignobile ritiro il mese scorso. Ha messo in guardia dal ricordare la disavventura militare come una sorta di “guerra buona” giustificata dalla minaccia del terrorismo. Proprio come le guerre in Vietnam o in Iraq, la guerra in Afghanistan è stata condotta nell'interesse dell'imperialismo occidentale.

Il termine non aveva nemmeno una connotazione negativa nel 19° secolo, ha detto Pilger. Al contrario, i britannici “hanno combattuto per la reputazione di essere imperialisti, signori cristiani che se ne andavano… per diffondere il potere del centro imperiale. Ed è quello che abbiamo avuto per 20 anni in Afghanistan”, ha spiegato.

Non c'è bisogno di sforzarsi per trovare una prova di ciò, sostiene Pilger. L'allora primo ministro britannico Tony Blair, "un imperialista quasi caricaturale", nelle parole di Pilger, era piuttosto schietto riguardo all'intenzione dell'occupazione quando la sostenne sulla scia degli attacchi terroristici dell'11 settembre. Ha definito l'ondata di sostegno all'azione militare "un momento da cogliere".

"Il caleidoscopio è stato scosso, i pezzi sono in movimento, presto si sistemeranno di nuovo", dichiarò Blair in un discorso nell'ottobre 2001. "Prima che lo facciano, riordiniamo questo mondo intorno a noi".

"Questa è una delle affermazioni più chiare di un imperialista", ha ricordato Pilger. “In altre parole, 'Stiamo entrando in un paese, lo faremo saltare in aria, lo cambieremo, mineremo la sua cultura, uccideremo la sua gente e lo faremo diventare un posto migliore.'"

L'invasione afgana è stata venduta con successo al pubblico occidentale sulla base del fatto che gli attacchi dell'11 settembre sono stati orchestrati dall'Afghanistan, dove Osama Bin Laden ha goduto dell'ospitalità del suo governo talebano secondo il codice d'onore pashtun. 

I talebani si sono offerti di consegnare la mente del terrorista per un processo in un paese terzo operante secondo la legge della sharia, se fossero state fornite prove della sua responsabilità per l'attacco.

La dura amministrazione Bush ha respinto l'accordo salva-faccia e ha invaso a tutta la forza.

In seguito ha rifiutato di accettare un accordo che il nuovo governante dell'Afghanistan scelto da Washington, Hamid Karzai, ha negoziato con i leader talebani. Gli islamisti si sono offerti di ritirarsi e prendere le distanze dalla politica in cambio di un'amnistia. Negata, sono andati in esilio o si sono nascosti, solo per emergere diversi anni dopo guidando un'insurrezione sempre più potente contro il governo di Kabul e i suoi sponsor occidentali.

Ironia della sorte, si dice che l'amministrazione Clinton abbia corteggiato il governo talebano a metà degli anni '90, cercando la loro cooperazione in un progetto ambizioso per costruire un oleodotto dal Turkmenistan al Pakistan e all'India. Il gas turkmeno potrebbe quindi essere venduto ai consumatori in Europa, in competizione con il carburante proveniente dall'Iran e dalla Russia.

"[L'Afghanistan sotto] i talebani era stato uno stato cliente degli Stati Uniti", ha evidenziato Pilger. "La leadership talebana, comprese alcune delle persone che stiamo vedendo ora, è stata invitata negli Stati Uniti".

Proprio come l'invasione stessa è stata giustificata come un giro di vite contro il terrorismo, la continua presenza militare è stata venduta al pubblico occidentale dalla necessità di preservare le conquiste progressiste del governo appoggiato dagli Stati Uniti. È vero che in alcuni luoghi, come la stessa Kabul, la vita è diventata più sicura e molto più liberata che sotto il governo dei talebani. Ma l'entroterra dell'Afghanistan, dove viveva la maggior parte della popolazione del paese, rimaneva un mosaico medievale di feudi governati da signori della guerra che conservavano le loro abitudini oppressive, ha sottolineato Pilger.

“Commerciavano donne e ragazzini, gestivano il traffico di eroina. E ovviamente la CIA, che erano i loro principali sostenitori seguiti molto da vicino dall'MI6, sapeva tutto di questo", ha aggiunto il reporter.

Alcuni decenni prima, ha precisato, gli Stati Uniti non hanno avuto scrupoli a ferire i civili afgani quando hanno appoggiato le forze islamiste contro il governo del Partito Democratico Popolare dell'Afghanistan (PDPA), sostenuto dai sovietici. Alcune delle sue politiche sono state straordinariamente progressiste per l'Afghanistan, come la parità di diritti per le donne ei programmi di alfabetizzazione. Un cablogramma del 1979 dell'ambasciata degli Stati Uniti a Kabul, citato da Pilger, affermava che il più ampio interesse degli Stati Uniti "sarebbe servito dalla scomparsa del governo del PDPA, nonostante qualunque battuta d'arresto che potrebbe comportare per le future riforme sociali ed economiche in Afghanistan".

"In altre parole, i diritti delle donne potevano andare all'inferno, i diritti dei poveri potevano andare all'inferno."

 

Potrebbe anche interessarti

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale di Giorgio Cremaschi La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale

La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale

La vera storia del "default russo" spiegata bene di Marinella Mondaini La vera storia del "default russo" spiegata bene

La vera storia del "default russo" spiegata bene

Il Liquidatore entra nella fase finale di Savino Balzano Il Liquidatore entra nella fase finale

Il Liquidatore entra nella fase finale

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

L'inflazione come strumento della lotta di classe di Gilberto Trombetta L'inflazione come strumento della lotta di classe

L'inflazione come strumento della lotta di classe