Joseph Tobji, vescovo maronita di Aleppo: ‘Le cinque cose che voi occidentali dovreste fare immediatamente per porre fine alla guerra in Siria’

 Joseph Tobji, vescovo maronita di Aleppo: ‘Le cinque cose che voi occidentali dovreste fare immediatamente per porre fine alla guerra in Siria’

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!



Il Vescovo maronita di Aleppo, Joseph Tobij, è intervenuto ieri in conferenza stampa alla Camera dei Deputati alla presenza anche di Manlio Di Stefano, capogruppo della Commissione Affari Esteri del M5S, e Alberto Negri, giornalista de il Sole 24 Ore.





Anzitutto voglio dire con forza: basta con la guerra”.

 

Vivo nella parte Ovest di Aleppo. Viviamo con la morte, ogni giorno razzi, colpi di mortaio e di cannone, cecchini. I terroristi sparano ovunque. Quando riceviamo questi attacchi, non possiamo chiamare ribelli chi li compie. Solo in quest’ultima settimana abbiamo avuto 75 morti e 180 feriti. Ieri è stata colpita l’università, con tante vittime, Tutti i giorni ci sono funerali. Anche stando a casa non si è sicuri: ti crollano gli edifici in testa. Aleppo è la seconda città della Siria vi abitavano 4 milioni di persone, ora è semidistrutta (le nostre due chiese maronite non ci sono più, tante moschee, ospedali, case, fabbriche, negozi sono in macerie.

La corrente elettrica, spesso non l’abbiamo, va avanti così da quasi 5 anni., Senza elettricità è tutto fermo, né si lavora. Da 5 anni inoltre la centrale idrica è nelle mani dei terroristi. L’acqua spesso non ci arriva. Così è normale fare le code per riempire delle taniche ai pozzi, e poi, anche le persone anziane le devono portare su in casa. Le code, si fanno sotto i razzi…

C’è una grande povertà, dovuta alla guerra e anche alle sanzioni.

Si parla tanto di assedi: la parte Ovest è stata tante volte sotto assedio, l’unica strada bloccata dai gruppi armati, allora non arrivava niente, niente.

Le malattie fisiche e anche psichiche sono numerose, in quella situazione in cui tutti sono in attesa del proprio turno…di morire…

Ma i media parlano delle sofferenze dei nostri fratelli della parte Est, ma non delle nostre. Mostrano un povero bambino tirato fuori dalle macerie ma non tanti altri bambini uccisi o mutilati dai gruppi armati nella nostra zona.

SOTTOLINEO CHE NON E’ UNA GUERRA DI RELIGIONE. E La religione è strumentalizzata.

La guerra fomenta l’emigrazione. Siamo ormai senza giovani, senza futuro. Chi ricostruirà il paese? Cosa sarà la Siria fra 30 anni? Sarà di un solo colore?
 

ECCO QUELLO CHE CHIEDIAMO, PERCHE’ FINISCA LA GUERRA:

  1. Basta vendere armi

  2. Bloccare il flusso di terroristi attraverso la frontiera turca

  3. Basta pagare gli stipendi ai terroristi

  4. Togliere le sanzioni economiche, immorali.

  5. Aiutateci a costruire vita. A favorire riconciliazione e accordi fra etnie e gruppi religiosi". Mons. J. Tobij

Potrebbe anche interessarti

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso di Fabrizio Verde Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La fine dell'impunità di Israele di Clara Statello La fine dell'impunità di Israele

La fine dell'impunità di Israele

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Liberal-Autocrazie di Giuseppe Giannini Liberal-Autocrazie

Liberal-Autocrazie

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare di Michelangelo Severgnini Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Il primo dei poveri di Pasquale Cicalese Il primo dei poveri

Il primo dei poveri

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi nel Corno d’Africa di Paolo Arigotti La crisi nel Corno d’Africa

La crisi nel Corno d’Africa

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti