Julian Assange: "Vuoi essere un giornalista occidentale nel 2017? Facile, bastano queste tre mosse"

Julian Assange: "Vuoi essere un giornalista occidentale nel 2017? Facile, bastano queste tre mosse"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


Il Fondatore di Wikileaks, Julian Assange, ha rimarcato su Twitter quello che è diventato l'elemento chiave per divenire "un giornalista occidentale nel 2017". Qual è? "Accusare la Russia". 

Secondo Assange si tratta di una strategia composta sempre da tre elementi.



Primo. "Prendi un evento globale" che la stampa russa "riporterà per definizione". Essendo globale. 

Secondo. “Scrivi la storia in questo modo: lo stato russo sta segretamente dietro quest'evento globale come prova la loro stampa che lo riporta".

E terzo: "Profitto!".  
Le dichiarazioni di Assange riprendono quelle recenti fatte su The Intercept da Glenn Greenwald. "Le rivendicazioni infiammatorie riguardanti la Russia si accendono senza sforzo da parte dei media, quasi sempre basate su richieste prive di prove da parte di funzionari governativi, solo per crollare poi alla prima vera verifica, perché sono assolutamente... prive di prove", scrive Greenwald.

Da ultimo il caso del referendum in Catalogna.  Un risultato delle ingerenze russe secondo i media mainstream. "I propagandisti russi hanno ottenuto una vittoria in Spagna", arriva a scrivere Dan Boylan sul giornale di Amazon, il Washington Post. 

L'agenda Draghi-Meloni di Giorgio Cremaschi L'agenda Draghi-Meloni

L'agenda Draghi-Meloni

21 settembre. Il discorso integrale di Vladimir Putin in italiano di Marinella Mondaini 21 settembre. Il discorso integrale di Vladimir Putin in italiano

21 settembre. Il discorso integrale di Vladimir Putin in italiano

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino di Alberto Fazolo Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Dal Covid alle guerre Nato: Figliuolo "premiato" a Tripoli di Michelangelo Severgnini Dal Covid alle guerre Nato: Figliuolo "premiato" a Tripoli

Dal Covid alle guerre Nato: Figliuolo "premiato" a Tripoli

Von Der Leyen e le elezioni italiane di Pasquale Cicalese Von Der Leyen e le elezioni italiane

Von Der Leyen e le elezioni italiane

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra di Damiano Mazzotti Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti