Khamenei: L'Ucraina è un'altra vittima degli Stati Uniti

Khamenei: L'Ucraina è un'altra vittima degli Stati Uniti

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Il leader iraniano denuncia che l'Ucraina è vittima delle politiche statunitensi, oltre a definire Washington "un regime mafioso" dedito a creare crisi nel mondo.

Nel suo discorso, l'Ayatollah Seyed Ali Khamenei ha fatto riferimento alla crisi tra Mosca e Kiev, che è entrata oggi nel suo sesto giorno. "Oggi l'Ucraina è anche una vittima di queste politiche statunitensi", ha assicurato prima di denunciare che "le reti mafiose di potere negli Stati Uniti si guadagnano da vivere con le crisi che si verificano in tutto il mondo".

Ha spiegato che gli Stati Uniti hanno trascinato l'Ucraina dove si trova ora, interferendo nei suoi affari interni, creando rivoluzioni colorate e rovesciando un governo per metterne un altro al potere.

Il leader persiano ha sottolineato che la "posizione immutabile" dell'Iran è quella di opporsi alla guerra e alla distruzione in qualsiasi parte del mondo. “Ci opponiamo all'assassinio di persone e alla distruzione delle infrastrutture delle nazioni ”, ha ribadito.

“L'Iran sostiene la fine della guerra in Ucraina. Vogliamo che la guerra finisca qui, ma la soluzione a qualsiasi crisi è possibile solo se viene identificata la causa principale. La radice della crisi in Ucraina sono le politiche statunitensi che creano crisi e l'Ucraina è una vittima di queste politiche ", ha affermato l'ayatollah Khamenei.

Riferendosi alle dichiarazioni del presidente ucraino Volodymyr Zelensky e dell'ex presidente afghano Ashraf Qani, i quali hanno riconosciuto come gli Stati Uniti "li hanno lasciati soli", il leader iraniano ha ricordato che entrambi hanno avuto torto a fidarsi di Washington.

 “Una di queste lezioni [da imparare dalla situazione in Ucraina] è che il sostegno delle potenze occidentali ai loro paesi fantoccio è un miraggio e non è reale. Tutti i governi devono tenerne conto” , ha avvertito.

La seconda lezione, ha proseguito il Leader persiano, è il sostegno del popolo ai governi, poiché è il principale fattore di indipendenza dei paesi.

In un'altra parte delle sue dichiarazioni, ha criticato i doppi standard dei paesi occidentali che piangono sulla situazione in Ucraina chiedendo la fine della crisi e, dall'altra parte, sostenendo il massacro degli yemeniti.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa di Giorgio Cremaschi Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

No Tav, Green Pass e prospettive comuni di Francesco Santoianni No Tav, Green Pass e prospettive comuni

No Tav, Green Pass e prospettive comuni

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

La finanza si "aspetta un terremoto" di Pasquale Cicalese La finanza si "aspetta un terremoto"

La finanza si "aspetta un terremoto"

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Nell'Italia che vorrei... di Gilberto Trombetta Nell'Italia che vorrei...

Nell'Italia che vorrei...

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO di Michelangelo Severgnini La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti