Korybko - La de-dollarizzazione del commercio brasiliano-cinese evidenzia la grande strategia di Lula

Korybko - La de-dollarizzazione del commercio brasiliano-cinese evidenzia la grande strategia di Lula

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Background Briefing

All'inizio di questa settimana il Brasile e la Cina hanno raggiunto un accordo per la de-dollarizzazione degli scambi commerciali, che accelererà i processi di multipolarità finanziaria nel contesto della transizione sistemica globale. La tempistica è stata curiosa, tuttavia, dal momento che il ministro dell'Agricoltura brasiliano Carlos Favaro ha dichiarato ai media lo scorso fine settimana che "tutte le azioni di governo sono rinviate" a causa dell'annullamento del viaggio programmato da Lula dopo essersi ammalato. Anche se lo ha riprogrammato per l'11-14 aprile, le parti hanno deciso di firmarlo la scorsa settimana invece di aspettare fino ad allora.

Inoltre, ciò è avvenuto nella stessa settimana in cui gli Stati Uniti hanno ospitato il secondo "Vertice per la democrazia", al quale Lula non ha partecipato in video come previsto con il pretesto della sua recente malattia. Ciononostante, ha inviato una lunga dichiarazione che i media alleati hanno riportato erroneamente come filo-russa, la cui descrizione è screditata da fatti verificabili provenienti da fonti ufficiali qui e dal testo stesso che è stato poi pubblicato integralmente. La Russia non è affatto menzionata e il testo sembra una lettera d'amore ai democratici statunitensi.

L'allineamento ideologico di Lula con i liberali-globalisti statunitensi

Lula è ideologicamente allineato con i liberali-globalisti, che gli intrepidi lettori possono approfondire consultando la raccolta di articoli condivisa alla fine di questa analisi. Non sorprende quindi che nella sua lettera abbia insinuato che l'opposizione brasiliana sia "estremista", abbia condannato la "disinformazione" che, a suo dire, sta guidando quest'ultima come pretesto per imporre potenzialmente più censura nel prossimo futuro come parte della sua campagna di consolidamento del potere sostenuta dagli Stati Uniti, e abbia elogiato le persone "LGBTQIA+".

Queste agende, che il presidente ha presentato al "Summit per la democrazia", sono in linea con le cause propagandate in tutto il mondo dal finanziatore delle Rivoluzioni Colorate George Soros, che ha appoggiato entusiasticamente Lula nel suo discorso alla Conferenza sulla sicurezza di Monaco di Baviera a metà febbraio. L'ultimo paragrafo, riguardante in particolare le persone LGBTQIA+, contraddice direttamente il sostegno ufficiale della Russia ai valori morali tradizionali, come promulgato nel suo nuovo concetto di politica estera.

Nell'ottavo paragrafo, la Russia avverte che "Una forma diffusa di interferenza negli affari interni degli Stati sovrani è diventata l'imposizione di atteggiamenti ideologici neoliberali distruttivi che vanno contro i valori spirituali e morali tradizionali". Questo passaggio giustifica l'obiettivo ufficiale di difendere i valori morali tradizionali, citato una dozzina di volte, spiega perché la Russia ha vietato la propaganda LGBT+ e aggiunge un contesto alla conclusione del Presidente Putin secondo cui l'élite liberale promuove la pedofilia.

Gestire la percezione statunitense della politica di multipolarità finanziaria del Brasile

La dimensione socio-culturale della visione del mondo di Lula è quindi opposta a quella della Russia, che presumibilmente considera "bigotta" e "fascista", proprio come fanno in genere i suoi sostenitori liberal-sinistri. Tuttavia, questi due Paesi BRICS condividono l'obiettivo comune del multipolarismo finanziario, spiegando così la sua decisione di de-dollarizzare il commercio brasiliano-cinese. Tornando a questo sviluppo, la sua tempistica suggerisce che Lula ha voluto che ciò avvenisse in modo relativamente più silenzioso rispetto al suo annuncio mentre era in piedi con la sua controparte.

Poiché era già stato concordato, la sua sfida era quindi quella di gestire la percezione degli Stati Uniti, poiché non voleva rischiare di offendere i suoi colleghi “combattenti della giustizia sociale", come AOC e Bernie Sanders, entrambi incontrati durante il suo viaggio a Washington a febbraio. Lula voleva anche evitare di offendere il suo nuovo amico Biden, dopo che i due avevano concordato di rafforzare in modo globale la partnership strategica dei loro Paesi nella loro dichiarazione congiunta, che può essere letta sul sito ufficiale della Casa Bianca.

A tal fine, la sua ultima malattia è stata politicamente conveniente, nel senso che gli ha permesso di posticipare il suo viaggio programmato in modo che non coincidesse con il secondo "Vertice per la democrazia" degli Stati Uniti e quindi di autorizzare la firma dell'accordo di de-dollarizzazione in sua assenza con un'attenzione relativamente minore. Come spiegato in precedenza, ha voluto fare del suo meglio per gestire la percezione degli Stati Uniti su questo sviluppo che fa avanzare l'obiettivo del Brasile di multipolarità finanziaria a spese indiscutibili del dollaro.

Lo scenario della competizione ideologica russo-brasiliana in Africa

Per quanto i suoi alleati mediatici e i sicofanti dei social media sostengano il contrario, è comunque di fatto falso descrivere Lula come un oppositore degli Stati Uniti, come dimostra la sua dichiarazione già citata ai partecipanti al vertice della scorsa settimana e quella congiunta con Biden a febbraio. Nonostante la sua promozione del multipolarismo finanziario a spese indiscutibili del dollaro, è solidamente allineato con i liberal-globalisti al potere negli Stati Uniti, soprattutto in ambito politico e socio-culturale.

Le due dichiarazioni citate dimostrano che Lula condivide la missione liberal-globalista di Biden di delegittimare le rispettive opposizioni come "estremiste", di preparare l'imposizione di una maggiore censura con il suddetto pretesto e di propagandare le cause LGBT+ in piena collaborazione tra loro. Quest'ultima parte contraddice direttamente uno dei precetti chiave contenuti nel nuovo concetto di politica estera della Russia, ovvero la difesa dei valori morali tradizionali, e costituisce quindi una minaccia ibrida.

Comunque sia, il Brasile come Stato non è una minaccia per la Russia, ma la sua potenziale propagazione di cause LGBT+ in collusione con gli Stati Uniti in Paesi terzi in cui anche Mosca ha interessi, come quelli tradizionalmente conservatori dell'Africa come l'Uganda, potrebbe costituire una sfida asimmetrica non amichevole. Russia e Brasile potrebbero quindi trovarsi a competere per i cuori e le menti, con la prima che difende le restrizioni sulla propaganda LGBT+ e il secondo che agita i locali contro di esse.

L'equilibrio previsto dal Brasile tra Cina e Stati Uniti

Per quanto riguarda la Cina, tuttavia, non ci si aspetta che il Brasile si scontri o entri in competizione con essa in qualsiasi modo, poiché Lula prevede che il suo Paese si bilanci tra la Cina e gli Stati Uniti. Da un lato, la Cina è il principale partner economico del Brasile e un alleato nel perseguire il comune obiettivo del multipolarismo finanziario. Dall'altro lato, gli Stati Uniti sono il principale partner brasiliano in materia di sicurezza e oggi sono anche una fonte di ispirazione per i suoi liberali-globalisti, che si ispirano al Partito Democratico al potere.

La questione è stata accennata di sfuggita in una analisi, che ha interpretato l'elogio della Cina fatto dal ministro degli Esteri Vieira in un'intervista come "la possibilità che il Brasile tenti di trovare un equilibrio tra il leader statunitense del Miliardo d'oro, con cui Lula si è politicamente allineato, contro la Russia, e il motore economico cinese dell'Intesa sino-russa". A prescindere dal successo di questo approccio, gli osservatori dovrebbero notare che la Russia non dovrebbe avere un ruolo di primo piano nella grande strategia di Lula.

Il commercio continuerà probabilmente a crescere in quanto reciprocamente vantaggioso, ma i legami politici potrebbero presto peggiorare nel caso in cui Lula estradasse una sospetta spia negli Stati Uniti per affrontare le accuse invece di deportarla in Russia. Il potenziale viaggio del Ministro degli Esteri Lavrov in Brasile questo mese si concentrerà probabilmente su questo tema, esplorando anche la possibilità di espandere ulteriormente i loro legami economici, in particolare nel settore energetico, come suggerito dall'ambasciatore del Paese in Russia.

Sfatare la "grande bugia" della sinistra brasiliana

La nomina dell'ex presidente Rousseff da parte di Lula alla guida della Nuova Banca di Sviluppo (NDB) dei BRICS dovrebbe quindi essere interpretata nel contesto dell'avanzamento degli obiettivi di multipolarità finanziaria del Brasile, invece di avere a che fare con la Russia come i suoi alleati mediatici e i sicofanti dei social media stanno facendo credere. La "Grande Bugia" della sinistra brasiliana e dei suoi sostenitori all'estero è che Lula è filo-russo, anche se i fatti dimostrano che è politicamente allineato con gli Stati Uniti contro la Russia nella guerra per procura con la NATO.

Faranno girare qualsiasi cosa faccia per mentire che è segretamente alleato con la Russia contro gli Stati Uniti, nonostante i fatti citati in questa analisi da fonti ufficiali sfatino completamente questa teoria letteralmente della cospirazione. Questo fatto "politicamente scomodo" non può mai essere riconosciuto apertamente, nemmeno nell'ipotesi che Lula estradi la sospetta spia negli Stati Uniti per affrontare le accuse, invece di deportarla in Russia, poiché i propagandisti temono che ciò riveli la verità sulla visione del mondo liberal-globalista di Lula, allineata agli Stati Uniti.

Nella loro mente, la falsa percezione di Lula come "rivoluzionario multipolare che si oppone all'egemonia statunitense" deve essere mantenuta a tutti i costi, per evitare che la suddetta verità sulla sua visione del mondo provochi una rivolta politica tra la base del Partito dei Lavoratori che lo costringa a ricalibrare la sua grande strategia. Questo spiega perché stanno spingendo così attivamente l'ultima narrazione di disinformazione che sostiene falsamente che il suo accordo di de-dollarizzazione con gli Stati Uniti significhi che egli è contrario e allineato con la Russia.

Il futuro delle relazioni russo-brasiliane

In realtà, la Russia è considerata da Lula solo un partner commerciale e un Paese con cui cooperare per perseguire i comuni obiettivi di multipolarità finanziaria. È ferocemente contrario alla sua difesa ufficiale dei valori morali tradizionali e soprattutto alle mosse militari che è stata costretta a fare per difendere le sue linee rosse di sicurezza nazionale in Ucraina dopo che la NATO le ha clandestinamente oltrepassate. Lula non lo dirà mai apertamente, ma con ogni probabilità pensa che la Russia sia "bigotta", "fascista" e "imperialista".

Nonostante ciò, continuerà a cooperare con la Russia su questioni di interesse comune, come spiegato, ma nessuno dei due può fare affidamento sull'altro, come la Russia può fare affidamento sull'India, partner dei BRICS, che Lula probabilmente ritiene anch'essa guidata da "bigotti" e "fascisti", in accordo con la sua visione del mondo liberal-globalista. I limiti artificiali imposti alla loro partnership sono dovuti all'ideologia radicale del leader brasiliano, che tutti gli osservatori onesti devono riconoscere se aspirano ad analizzare accuratamente la sua grande strategia futura.

(Articolo pubblicato in inglese sulla newsletter di Andrew Korybko)

Andrew Korybko

Andrew Korybko

 

Analista politico e giornalista. Membro del consiglio di esperti dell'Istituto di studi strategici e previsioni presso l'Università dell'amicizia tra i popoli della Russia. È specializzato in questioni inerenti la Russia e geopolitica, in particolare la strategia degli Stati Uniti in Eurasia. Le sue altre aree di interesse includono tattiche di regime change, rivoluzioni colorate e guerre non convenzionali.

Potrebbe anche interessarti

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

 COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA di Leonardo Sinigaglia  COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA

COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington? di Giacomo Gabellini Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

L'UE e quel "lei deve stare molto attento!" di Marinella Mondaini L'UE e quel "lei deve stare molto attento!"

L'UE e quel "lei deve stare molto attento!"

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

La violenza del capitale di Giuseppe Giannini La violenza del capitale

La violenza del capitale

Toti e quei reati "a fin di bene" di Antonio Di Siena Toti e quei reati "a fin di bene"

Toti e quei reati "a fin di bene"

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti di Gilberto Trombetta Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Il mio messaggio a Bengasi di Michelangelo Severgnini Il mio messaggio a Bengasi

Il mio messaggio a Bengasi

Gli ultimi dati del commercio estero cinese di Pasquale Cicalese Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Escalation nucleare possibile? Cosa rischia l'Europa di Giuseppe Masala Escalation nucleare possibile? Cosa rischia l'Europa

Escalation nucleare possibile? Cosa rischia l'Europa

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard di Paolo Arigotti Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti