LA BATTAGLIA ANTICOLONIALE DI GAZA CHE NOI NON COMBATTIAMO PIÙ PERCHÉ LA NOSTRA L'ABBIAMO GIÀ PERSA

LA BATTAGLIA ANTICOLONIALE DI GAZA CHE NOI NON COMBATTIAMO PIÙ PERCHÉ LA NOSTRA L'ABBIAMO GIÀ PERSA

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!



In una famosa scena del film "La battaglia di Algeri" (1966, regia di Gillo Pontecorvo), ripresa e montata nel mio documentario "Isti’mariyah" (=colonialismo) avviene questo botta e risposta tra un giornalista francese e il rivoluzionario algerino appena arrestato per terrorismo Larbi Ben M'hidi:

"Non pensa sia da codardi usare cestini e borsette di donne per lanciare attacchi e bombe contro i civili francesi?".

Ben M’hidi risponde:
"E a voi non sembra da codardi bombardare i nostri villaggi con il Napalm che fanno molte più vittime civili ed innocenti?
Naturalmente, se avessimo i vostri aeroplani sarebbe molto più facile per noi. Dateci i vostri cacciabombardieri, e noi vi daremo i cestini.”

La battaglia contro il colonialismo che noi subiamo da 78 anni l'abbiamo già abbandonata.

Se la battaglia per l'uscita dalla NATO rimane come residuato concettuale nella memoria di qualche vecchio compagno, tranquilli, ormai l'agenda della sinistra da 20 anni si fa con i soldi dei filantropi americani (finiti i fondi sovietici, da qualche parte l'intelligencija doveva pur sfamarsi).

Se la battaglia per l'uscita dalla NATO rimane ancora a parole qua e là, tranquilli, ci sono i sussulti della coscienza del servo che ci spiegano che tanto la resistenza di Hamas l'ha pianificata Israele.

Se la battaglia per l'uscita dalla NATO rimane ancora a parole qua e là, tranquilli, ci sono i sussulti di coscienza del servo che ci dicono che però Hamas ha esagerato, ha calibrato male, alla fine ha fatto un favore ad Israele.

Questi compagni rassegnati e persi avrebbero spiegato che Ben M'hidi lavorava per i Francesi e che la sua strategia di attentati con le bombe nei luoghi affollati di Algeri avrebbe solo giustificato l'utilizzo del Napalm contro i villaggi algerini indifesi.

La mentalità del servo ti spiega che il padrone è più forte e non conviene dargli noia, anzi, meglio compiacerlo, inventandosi ogni giorno le parole giuste per fare la Resistenza dei subalterni, quella che conduce sempre al punto di partenza.

Io penso che di questi commenti i Palestinesi non se ne facciano niente. Pure del mio, ben inteso.

Però io non equiparo un bel niente.

Io sono per il diritto alla resistenza, sempre.

Ancora di più quando l'oppressore sfoggia tutta la sua ferocia. Quello è il momento in cui sta perdendo il controllo.

https://rumble.com/v3ovruz-istimariyah-controvento-tra-napoli-e-baghdad.html

Michelangelo Severgnini

Michelangelo Severgnini

Regista indipendente, esperto di Medioriente e Nord Africa, musicista. Ha vissuto per un decennio a Istanbul. Ora dalle sponde siciliane anima il progetto "Exodus" in contatto con centinaia di persone in Libia. Di prossima uscita il film "L'Urlo"

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza di Leonardo Sinigaglia Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Genocidio, il tabù della parola di Giuseppe Giannini Genocidio, il tabù della parola

Genocidio, il tabù della parola

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo di Giuseppe Masala A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo di Paolo Arigotti La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

Meno salari più spese militari di Michele Blanco Meno salari più spese militari

Meno salari più spese militari

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti