ALBA LATINA/La chiusura di Directv a causa delle sanzioni statunitensi: un bl...

La chiusura di Directv a causa delle sanzioni statunitensi: un blackout informativo contro il Venezuela

 


di Misión Verdad
 

La cessazione delle operazioni di Directv America Latina in Venezuela, una società che offre servizi di televisione satellitare in abbonamento, dopo l'annuncio della transnazionale americana AT&T Inc. è un altro elemento che si aggiunge alla guerra multiforme che viene applicata contro il Venezuela.

 

Secondo una dichiarazione della società con sede in Texas, questa decisione è dovuta a discrepanze tra le sanzioni imposte dagli Stati Uniti contro i canali venezuelani Globovisión e PDVSA TV e le condizioni stabilite per operare nel paese latinoamericano.

 

In questo modo, con una spiegazione concisa, la società che ha operato per 24 anni nel paese ha reso inutile un'intera infrastruttura che comprende antenne, cablaggi e decodificatori per quasi 2 milioni di case venezuelane.

 

Sebbene la sospensione del servizio sia stata applicata martedì 19 maggio, dall'inizio di quest'anno questa azione è stata vista come una mossa politica da parte della cerchia del deputato Juan Guaidó contro il governo del presidente Nicolás Maduro.

 

Le prime indicazioni per schierare Directv contro il presunto "apparato di propaganda della Rivoluzione Bolivariana" sono arrivate alla fine dell'anno scorso, quando il Dipartimento di Stato ha incontrato i dirigenti di AT&T nel quadro di una manovra di pressione contro la società.

 

In primo luogo, secondo l'AP, questi incontri hanno cercato di forzare la comparsa di numerosi canali che Conatel aveva precedentemente rimosso dalla griglia per aver violato le leggi venezuelane promuovendo le guarimbas violente del 2017.

 

Lo scopo di ripristinare questi canali con una spiccata tendenza anti-chavista era di usarli come un cavallo di Troia contro la presunta propaganda anti-statunitense, oltre a danneggiare la leadership di Maduro, tenendo conto della portata che la società di televisione satellitare aveva nelle comunità popolari e nelle aree dell'intero Paese.

 

Il contesto Covid-19

 

Nel contesto di Covid-19, è stato attivato l'apparato info-mercenario contro il Venezuela, che paventava il disastro a causa della presunta incapacità del governo Maduro di contenere la pandemia.

 

Questa situazione è stata anche sfruttata dal deputato Juan Guaidó per cercare di mantenere penosamente la sua immagine attraverso un governo virtuale che è stato gradualmente offuscato nel tempo.

 

Questa narrativa non ha potuto essere sostenuta nel tempo poiché quel panorama apocalittico non è mai arrivato. Le misure prese in tempo dallo Stato venezuelano per mantenere piatta la curva di contagio hanno costretto questo apparato alla ricerca di altri argomenti che potrebbero costituire fianchi deboli per il paese.

 

Da quando sono state rilevate le prime infezioni a marzo, è stato imposto un cambiamento nelle dinamiche sociali e culturali nel paese. Questo, tra le altre cose, significava stare a casa e vivere più connessi a Internet.

 

Un esempio di ciò è stato il seguire attività accademiche da casa utilizzando la televisione e Internet come strumenti fondamentali.

 

Con questo, la televisione è divenuta uno dei centri più importanti per le attività educative e ricreative.

 

Il contenimento della pandemia e il dominio del panorama mediatico hanno rappresentato una vittoria sulla guerra che è stata tentata dall'inizio.

 

Con la figura di Guaidó ridotta a immagine caricaturale, il governo venezuelano è divenuto l'unico portavoce affidabile a riferire sui progressi contro il Covid-19 nel paese.

 

Gli effetti

 

Qualsiasi evento locale o regionale è stato visto come un'opportunità per attaccare il Venezuela e intaccare il legame tra chavismo e la popolazione. Il contesto attuale propiziato dal coronavirus non fa eccezione.

 

Cancellare la principale compagnia che offre intrattenimento televisivo nelle case nel bel mezzo di una pandemia, mira a togliere la proiezione del governo venezuelano e generare un impatto psicologico sulla popolazione.

 

In totale, la copertura di Directv rappresentava il 45% di tutti coloro che vendono questo tipo di servizio, con il vantaggio di raggiungere qualsiasi angolo del paese a differenza di altre compagnie via cavo.

 

Fino ad ora, questa società era l'unica a tenere informati i settori e i quartieri più remoti a cui era difficile accedere. Da martedì 19, questa popolazione è stata isolata in questo contesto di pandemia.

 

Come previsto, Guaidó è riapparso per cercare di capitalizzare il momento offrendo "una soluzione" e di incolpare il Presidente Maduro per la decisione presa da AT&T, senza ottenere un effetto concreto al di là delle interazioni sui social network.

 

Finora il danno collaterale derivante da questa mossa è incalcolabile. Ciò che è chiaro è che gli Stati Uniti sono disposti a utilizzare tutti i mezzi a disposizione contro il Venezuela su tutti i fronti possibili.

 

(Traduzione de l’AntiDiplomatico)

 

Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa