La Cina costruirà 1000 scuole in Iraq

La Cina costruirà 1000 scuole in Iraq

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

In seguito all'accordo di ritiro delle forze della coalizione statunitensi dall'Iraq, il 16 dicembre scorso due aziende cinesi hanno concordato la costruzione di 1.000 scuole in Iraq.

Gli accordi, che comprendono 15 contratti, sono stati firmati ieri e segnano il primo passo all'interno di un più ampio accordo mediato lo scorso novembre tra Iraq e Cina per la costruzione di altre 7.000 scuole da realizzare in tutto il Paese.

Lo sforzo di costruzione totale del progetto di edilizia scolastica in Iraq sarà realizzato attraverso altre due fasi, la successiva per la costruzione di 3.000 scuole seguita dalla fase finale per la costruzione di altre 4.000.

Il funzionario del Ministero degli alloggi iracheno Hassan Mejaham ha affermato che l'Iraq ha bisogno di 8.000 scuole "per colmare il divario nel settore dell'istruzione".

Secondo l' UNICEF , ci sono attualmente circa 3,2 milioni di bambini in età scolare in Iraq che non vanno a scuola, e in zone come Diyala o Salah al-Din, la percentuale di bambini che non va a scuola raggiunge il 90%.

Gli accordi sono stati firmati ieri durante una cerimonia alla presenza di Li Daze, vicepresidente della Power Construction Corporation of China (PowerChina), e Koo Jun, direttore regionale di Sinotech.

Gli accordi sono stati firmati alla presenza di Karar Muhammad, direttore del Comitato supremo dello stato iracheno per l'edilizia scolastica.

PowerChina, un conglomerato di proprietà statali cinese, comprende circa 780 società. È la quinta impresa di costruzioni al mondo ed è rinomata per i suoi lavori sulla diga delle Tre Gole e per il treno ad alta velocità Pechino-Shanghai.

Nell'ottobre 2019, Iraq e Cina hanno concordato accordi per portare in Iraq una serie di progetti infrastrutturali cinesi in cambio della vendita di circa 100.000 barili di petrolio iracheno.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale di Giorgio Cremaschi La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale

La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale

La vera storia del "default russo" spiegata bene di Marinella Mondaini La vera storia del "default russo" spiegata bene

La vera storia del "default russo" spiegata bene

Il Liquidatore entra nella fase finale di Savino Balzano Il Liquidatore entra nella fase finale

Il Liquidatore entra nella fase finale

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

L'inflazione come strumento della lotta di classe di Gilberto Trombetta L'inflazione come strumento della lotta di classe

L'inflazione come strumento della lotta di classe

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti