La Cina non sta costruendo una base militare in Tagikistan

La Cina non sta costruendo una base militare in Tagikistan

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

La Cina costruisce basi militari in Tagikistan? Dopo la frettolosa ritirata statunitense dall’Afghanistan tutti gli attori, regionali e non, si muovono nel tentativo di stabilizzare la regione e curare anche i propri interessi. Gli Stati Uniti invece sembrano essere solo interessati a frenare l’ascesa della Cina, per questo il potente apparato mediatico statunitense è impegnato nel diffondere menzogne sulle politiche regionali della Cina.

Per questo alcuni media statunitensi spingono sulla falsa notizia che la Cina sarebbe in procinto di aprire una serie di basi militati in Tagikistan. Nello specifico, secondo il Washington Post, una base militare segreta cinese sarebbe apparsa già nel 2017 nel distretto di Murghob della regione autonoma di Gorno-Badakhshan in Tagikistan, vicino al confine con l'Afghanistan, come segnala l’analista russo Vladimir Platov su New Eastern Outlook. 

L’obiettivo è duplice: diffamare la Cina e provocare tensioni tra Pechino e la Russia. Tuttavia, afferma Platov, l’operazione non è riuscita perché «la Cina aveva precedentemente organizzato le sue azioni con la Russia attraverso canali diplomatici», spiegando che le attività cinesi nel paese centro-asiatico non hanno scopi militari ma bensì controllare il possibile movimento di militanti uiguri dall'Afghanistan in Cina e ritorno. La struttura militare in questione è di dimensioni minime, dove oltre ai tagiki erano presenti rappresentanti delle fazioni cinese e afghana.

In realtà la Cina costruirà un avamposto di polizia a distanza per il Tagikistan, questo è quanto previsto in un accordo he Dushanbe ha ratificato il 27 ottobre.

Il primo viceministro degli affari interni Abdurahmon Alamshozoda ha dichiarato al parlamento che il ministero della pubblica sicurezza cinese avrebbe speso circa 8,6 milioni di dollari per la costruzione e l'equipaggiamento della struttura prima di consegnarla a un'unità della polizia paramilitare a risposta rapida del Tagikistan, secondo quanto riferisce Asia-Plus. Nessun militare cinese sarà ospitato nel posto di polizia. 

Vale la pensa evidenziare che non solo la Cina ha avviato collaborazioni analoghe con il Tagikistan: la Russia a luglio ha reso noto di aver stanziato i fondi necessari per la costruzione di un avamposto di frontiera. E il mese scorso l'ambasciata degli Stati Uniti ha annunciato che avrebbe costruito un altro avamposto della guardia di frontiera tagika, il 13° dal 2002.

Per la struttura finanziata dalla Cina, Alamshozoda ha affermato che è stato scelto un sito a Vakhon, adiacente al corridoio Wakhan in Afghanistan e a circa 20 chilometri dalla provincia settentrionale di Khyber Pakhtunkhwa, in Pakistan.

Le discussioni sulla cooperazione in materia di sicurezza tra Cina e Tagikistan vanno avanti dal 2016 quando i due paesi concordarono che Pechino avrebbe costruito 10 strutture di confine. Uno ha aperto quell'anno nella regione di Shuroabad a est di Kulob.

Negli ultimi tempi i paesi dell’Asia centrale sono diventati riluttanti all’idea di ospitare basi militari statunitensi sui propri territori, al contrario di quanto invece avviene con la Cina, la quale preferisce lanciare progetti di cooperazione piuttosto che aprire proprie basi militari in territorio straniero. 

A tal proposito vediamo che proprio in Tagikistan sono diversi i progetti già realizzati. La Cina ha elargito un contributo economico per rafforzare la sicurezza lungo il confine tagiko-afghano. Un progetto che prevede di costruire tre sedi di comando, quattro stazioni di frontiera, quattro posti di frontiera e un centro di addestramento. Nel 2016, la Camera degli Ufficiali è stata costruita a Dushanbe con il sostegno finanziario della Cina per 19 milioni di dollari. Nel novembre 2018 è stato aperto con denaro cinese un Centro per la lotta al terrorismo, all'estremismo e al separatismo nella capitale tagika. 

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor di Pasquale Cicalese Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor

Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor

La rete di ingerenza creata dagli Stati Uniti contro Cuba di Andrea Puccio La rete di ingerenza creata dagli Stati Uniti contro Cuba

La rete di ingerenza creata dagli Stati Uniti contro Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti