World Affairs/La crisi alimentare globale può essere peggio di quella sanitaria...

La crisi alimentare globale può essere peggio di quella sanitaria e economica (ma non ne parla nessuno)

 

l'AntiDiplomatico ha bisogno del tuo aiuto. Una tua piccola donazione può essere vitale per la nostra battaglia di informazione.


di Agata Iacono


C'è un articolo che le autorità italiane dovrebbero leggere con estrema attenzione: "Countries Starting to Hoard Food, Threatening Global Trade" di Isis Almeida e Agnieszka de Sousa pubblicato da Bloomberg il 25 marzo. 
 
“I Paesi iniziano a fare conserve di alimenti, minando il commercio globale e la possibilità di approvvigionamento oltre i confini nazionali di ogni singolo Stato produttore," si legge nell'articolo.
 
Non sono solo i consumatori e gli acquirenti di generi alimentari che stanno riempiendo le dispense. Sempre più governi si stanno muovendo per garantire l'approvvigionamento alimentare nazionale per affrontare la pandemia di conoravirus. Bloomberg riporta alcuni esempi: Il Kazakistan ha interrotto le esportazioni di farina di grano, influenzando di fatto le aziende di tutto il mondo che si affidano alle forniture kazake per la produzione di pane. Il Vietnam ha temporaneamente sospeso i nuovi contratti di esportazione di riso. Il Vietnam è il terzo maggiore esportare di riso al mondo. La Serbia ha interrotto il flusso del suo olio di girasole, mentre la Russia, principale esportatore di grano al mondo, valuta divieti di esportazione.
 
Potrebbero essere indizi significativi di un'ondata di "nazionalismo alimentare" che interromperà le catene di approvvigionamento e i flussi commerciali del mercato globale? "E’ già un processo in corso - e tutto ciò che possiamo vedere è che il blocco peggiorerà", ha affermato Tim Benton di Chatman House a Bloomberg.
 
Sebbene le scorte siano ampie, gli ostacoli logistici stanno rendendo arduo garantire l'approvvigionamento e monitorare il controllo dei prezzi.

E quindi la domanda che inizia a serpeggiare con sempre più insistenza: Si potrebbero prospettare misure di razionamento come in tempo di guerra, controlli dei prezzi e scorte nazionali? La Cina, del resto, il più grande coltivatore e consumatore di riso, si è impegnato ad acquistare prevalentemente dal suo raccolto interno, anche se il governo detiene già enormi scorte di riso e grano, sufficienti per un anno di consumo. Importatori di grano come Russia e Ucraina hanno annunciato limitazioni per i prossimi mesi. Altri come Turchia e Marocco stanno preparando misure restrittive almeno fino a giugno. Anche in Argentina stanno nascendo problemi per quel che riguarda soia e grano. Qui per tutte le informazioni.
 
“Quando i governi adottano approcci nazionalistici, rischiano di interrompere un sistema internazionale che è diventato sempre più interconnesso negli ultimi decenni”. Si legge in un documento Fao: Studi sulle prospettive globali dell'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura. E ancora: "interruzioni alle frontiere e nelle catene di approvvigionamento possono causare una reazione nel sistema alimentare con effetti potenzialmente disastrosi".

Il mercato globale con i suoi trattati internazionali di libero scambio spesso capestro (leggi Ceta, Mercosur, Jefta, TTIP) si sta rivelando il peggiore nemico della sopravvivenza alimentare. In tempo di emergenza coronavirus, è palese come la maggior parte degli Stati non siano più autonomi e autosufficienti, ma specializzati in iperproduzione di prodotti da export e scambio con altri beni di prima necessità cui hanno dovuto rinunciare per logiche di mercato, esponendoli a scenari potenzialmente drammatici.  "Se i governi non stanno lavorando collettivamente e cooperativamente per garantire una fornitura globale, se stanno solo mettendo le loro nazioni al primo posto, si può finire in una situazione in cui le cose peggioreranno", ha dichiarato Benton di Chatham House sempre a Bloomberg, prevedendo un rapido aumento nei prossimi mesi.
 
E la storia ci insegna come le conseguenze possono essere gravi. L’aumento del prezzo del pane sono una delle cause principali di disordini e instabilità. Da ultimo, durante i picchi dei prezzi alimentari del 2011, si registrarono rivolte in oltre 30 paesi. "Senza l'approvvigionamento alimentare, le società si rompono completamente", ha concluso Benton
 
Nel frattempo, prosegue Bloomberg nella sua analisi, alcuni prezzi dei prodotti alimentari hanno già iniziato a salire a causa del picco degli acquisti. I futures sul grano a Chicago, punto di riferimento globale, sono saliti di oltre l'8% a marzo quando i consumatori hanno acquistato la farina. Questa settimana il manzo all'ingrosso degli Stati Uniti è salito al massimo dal 2015 e i prezzi delle uova sono più alti.

Questo avviene, inoltre, in una fase in cui il dollaro sta salendo contro una miriade di valute dei mercati emergenti. Ciò riduce il potere d'acquisto per i paesi che spediscono in materie prime, che di solito hanno un prezzo in dollari. Alla fine, ogni volta che c'è un'interruzione per qualsiasi motivo, Berg ha detto, "sono i paesi meno sviluppati con valute deboli che si fanno più male".
 
In conclusione:

Se saltano le filiere tradizionali, il governo italiano deve assolutamente avere già organizzato un piano per assicurare rifornimenti. In caso contrario, è già troppo tardi.

È urgente e indispensabile un controllo totale sulla capacità italiana di garantire la filiera agroalimentare e soddisfare le richieste basi di 56 milioni di persone. In caso di lacune è lo stato che deve indirizzare la produzione anche con scelte drastiche.

É una sovranità alimentare di emergenza che dovrà necessariamente aprirsi poi ad altri mercati di produzione, probabilmente agli stessi che sin dall'inizio dell'emergenza coronavirus hanno dimostrato concretamente solidarietà all'Italia.

Anche se l'Italia dovesse vincere prima di molti altri Stati questa sfida pandemica, il resto del mondo continuerà molto probabilmente a chiudere le frontiere e il panico genererà ulteriori strozzature nella global chain e nella filiera agro-alimentare globale. La risposta può essere solo una seria pianificazione di autosufficienza e vera sovranità alimentare.
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa