World Affairs/"La democrazia non funziona per gli americani neri della classe o...

"La democrazia non funziona per gli americani neri della classe operaia. I disordini lo dimostrano"

 

di Lisa McKenzie* - RT 
 

Un'altra risonante uccisione della polizia di un uomo di colore negli Stati Uniti ha scatenato un'altra ondata di rivolte. A chi dice che i disordini non sono la risposta ma lo è solo il voto, io rispondo loro: il voto non funziona per gli americani poveri, neri, della classe operaia.

 
Lucy Parsons, nata in Texas nel 1851, era un'attivista rivoluzionaria e anarchica della classe operaia. Afroamericana, nativa americana e messicana. È stata etichettata come la "Più pericolosa di mille rivoltosi" dalla polizia di Chicago negli anni '20. Perché? Perché ha riconosciuto che il sistema democratico negli Stati Uniti non funzionava per la classe lavoratrice. La sua chiamata alle armi fu fatta nel 1885, in un discorso a centinaia di migliaia durante una manifestazione a Chicago a seguito dell'assassinio di due lavoratori in sciopero da parte dell'esercito: Distruggiamo i viali dove vivono i ricchi.
 
 
Oggi scrivo in solidarietà con la classe lavoratrice internazionale - specialmente verso coloro che sono oggi nelle strade degli Stati Uniti che combattono contro la tirannia del proprio governo, sistema legislativo, sistema economico e il loro stato. Trenta milioni di americani sono disoccupati, non a causa del coronavirus ma perché il loro sistema non si prende cura di coloro che non possono contribuire a un sistema razzista e capitalista che può sopravvivere solo attraverso l'oppressione di coloro che hanno il minor potere.
 
Se 30 milioni di disoccupati fossero la ragione delle loro proteste - che hanno incluso disordini, l'incendio di stazioni di polizia e auto della polizia e il saccheggio dei simboli del capitalismo, come quello del negozio Louis Vuitton - sarebbe una ragione sufficiente. Tuttavia, anche la notizia che 30 milioni di americani sono senza lavoro con un sostegno statale minimo o nullo per il loro benessere è stata superata dall'esecuzione pubblica di uno dei loro cittadini, George Floyd, per le strade di Minneapolis la scorsa settimana. Il suo crimine: essere un uomo nero della classe operaia in America; i suoi carnefici: agenti di polizia bianchi.
 
Di conseguenza, le persone della classe operaia bianche e nere sono scese in strada per protestare e hanno subito più violenze da parte dello stato. Le scene sono state scioccanti, ma non inaspettate. Quando è in atto un sistema e una struttura politica che non funzionano dal tuo punto di vista - e il rituale di votare ogni quattro anni per mantenere intatto quel sistema significa che devi affrontare più o meno lo stesso - le tue uniche opzioni politiche sono nelle strade piuttosto che nella cabina elettorale . Ecco perché la rivolta - la violenza nei confronti della proprietà dello stato e i simboli di un sistema oppressivo - è legittima.
 
È comprensibile che le persone chiedano giustizia e vogliano vedere l'arresto dei carnefici, ma siamo onesti: il carnefice in questo caso, e nelle centinaia di morti afroamericani sanzionate dallo stato negli Stati Uniti, è la loro stessa amministrazione. E in che modo le persone più oppresse e impotenti terranno conto di un sistema che lavora attivamente per opprimerle? Alcuni sostengono che votare per la persona "giusta" sia la risposta, ma quella persona "giusta" rappresenta il sistema sbagliato.

Possiamo onestamente chiedere al popolo afroamericano di continuare a votare, in un sistema storicamente e istituzionalmente razzista, per bianchi più potenti - o, nel caso di Barack Obama, un uomo di colore accettabile che crede e sostiene lo stesso sistema del suo oppressore?


* Accademica e studiosa della classe operaia. È cresciuta in una città dell'estrazione del carbone nel Nottinghamshire e si è politicizzata attraverso lo sciopero dei minatori del 1984 con la sua famiglia. A 31 anni, ha frequentato l'Università di Nottingham e ha conseguito una laurea in sociologia. La dott.ssa McKenzie tiene lezioni di sociologia all'Università di Durham ed è l'autrice di "Come arrivare: proprietà, classe e cultura nell'austerità britannica". È un'attivista politica, scrittrice e pensatrice.  


(Traduzione de l'AntiDIplomatico)
Fonte: Foto Reuters
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa