La deputata Usa che vuole bloccare la guerra "illegale" della Cia ad Assad in Siria

La deputata Usa che vuole bloccare la guerra "illegale" della Cia ad Assad in Siria

Tulsi Gabbard: "Gli Stati Uniti stanno combattendo due guerre in Siria. Quella contro Assad è illegale e controproducente"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 
Il mese scorso, la deputata del Congresso nord-americano, Tulsi Gabbard, era andata alla CNN e aveva detto al pubblico statunitense la verità sulla strategia di Washington in Siria. In un'intervista con Wolf Blitzer, Gabbard aveva definito lo sforzo di Washington di destituire Assad "controproducente" e "illegale", accusando poi la CIA di armare quegli stessi terroristi che la Casa Bianca usava definire "nemici giurati". 
 
In breve, Gabbard aveva detto al pubblico americano che il governo stava per far iniziare inavvertitamente la "terza guerra mondiale". Tutto quello che il circo mediatico e i "jesuischarlie" e i "jesuisparis" dell'etere omettono sempre nella loro narrativa:
 
 
Questo prima di Parigi.
 
Sulla scia degli attacchi, riporta oggi il blog Zero Hedge, Gabbard è tornata sulla strategia vacillante di Washington nella lotta contro il terrorismo per continuare a destabilizzare Assad e ora, con un sostegno bi-partisan, la deputata democratica ha introdotto una legislazione per porre fine alla "guerra illegale" per rovesciare Assad.
 
Gabbard, che ha combattuto in Iraq due volte – in collaborazione con il deputato repubblicano Adam Scott ha preparato un disegno di legge molto interessante, riassunto così da AP. “In un'alleanza insolita, Democratici e Repubblicani si sono uniti per spingere l'amministrazione Obama a smettere di cercare di rovesciare il presidente siriano Bashar Assad e concentrare tutti i suoi sforzi sul distruggere i militanti islamici di Stato. Tulsi Gabbard, democratica, e Austin Scott, un repubblicano, hanno presentato un disegno di legge venerdì per porre fine a quello che hanno definito una "guerra illegale" per rovesciare Assad, il leader della Siria accusato di aver ucciso decine di migliaia di cittadini siriani in più di quattro anni di guerra contro gli estremisti dell'IS".
 
"Gli Stati Uniti stanno combattendo due guerre in Siria", ha detto Gabbard. "Il primo è la guerra contro l'ISIS e di altri estremisti islamici, che il Congresso ha autorizzato dopo l'attacco terroristico 9/11. La seconda guerra è la guerra illegale per rovesciare il governo siriano di Assad." Scott ha aggiunto: "Lavorare per rimuovere Assad in questa fase è controproducente per ciò che credo sia la nostra missione primaria dovrebbe essere".
 
Dal 2013, la CIA ha addestrato circa 10.000 combattenti, anche se il numero ancora in lotta con le cosiddette forze moderate non è chiaro. I ribelli appoggiati dalla CIA in Siria, che avevano iniziato a fare pressione seria sulle forze di Assad, sono ora sotto i bombardamenti russi con poche prospettive di salvataggio da parte loro patroni americani.
 
Lo sforzo della CIA è naufragato - alcuni ribelli della CIA supportati erano stati catturati, la maggior parte avevano disertato e si erano uniti ai gruppi estremisti - al punto  che durante l'estate, alcuni membri del Congresso hanno proposto di tagliare il loro bilancio. 
 
Gabbard ribdisce come lo sforzo di rovesciare Assad è controproducente, perché sta aiutando l'IS a rovesciare il leader siriano e prendere il controllo di tutta la Siria. Se i terroristi dell'IS prenderanno le armi e le infrastrutture militari siriani, il gruppo diventerà ancora più pericoloso di quanto non sia ora e la crisi dei rifugiati sarà totalmente fuori controllo.
 
La comprensione dell'assurda politica di Washington in Medio Oriente va ben oltre la Siria: Gabbard coglie pienamente il quadro complessivo dei castelli di carte creati nella regioni, crollati tutto con l'intervento russo a sostegno del governo di Damasco. Ecco cosa ha da dire sugli Stati Uniti che ovunque e sempre tentano di rovesciare paesi. "Diceva la stessa cosa di Saddam (Hussein), la stessa cosa di (Muammar) Gheddafi, i risultati di questi due tentativi falliti di un cambio di regime e la successiva costruzione della nazione sono stati in assoluto, non solo fallimenti epocali, ma hanno effettivamente lavorato a rafforzare il nostro nemico".
 
“Qualcuno chiami Langley al telefono, questa donna deve essere fermato”, conclude Zero Hedge.
 
Ecco Gabbard parlando alla CNN di questa settimana su Assad:

Da un post di Gabbard
 
"Ecco i 10 motivi per cui gli Stati Uniti devono finire la loro guerra per rovesciare il governo siriano di Assad:
 
Perché se riusciamo a rovesciare il governo siriano di Assad, si aprirà la porta per ISIS, al-Qaeda, e altri estremisti islamici per prendere in consegna tutta la Siria. Ci sarà un genocidio e la sofferenza su scala oltre la nostra immaginazione. Questi estremisti islamici assumeranno tutte le armi, le infrastrutture, e l'hardware militare dell'esercito siriano e saranno più pericoloso che mai.
 
Non dovremmo essere noi stessi alleandosi con questi estremisti islamici per aiutarli a raggiungere il loro obiettivo, perché è contro gli interessi di sicurezza degli Stati Uniti e tutta la civiltà.
 
Perché il denaro e le armi che la CIA sta fornendo per rovesciare il governo siriano di Assad sta andando direttamente o indirettamente nelle mani dei gruppi estremisti islamici, tra cui affiliati di al-Qaeda, al-Nusra, Ahrar al-Sham, e altri che sono il nemici reali degli Stati Uniti. Questi gruppi costituiscono quasi il 90 per cento delle cosiddette forze di opposizione, e sono i combattenti più dominante sul terreno.
 
Perché i nostri sforzi per rovesciare Assad sono aumentati e continueranno ad aumentare la forza di ISIS e di altri estremisti islamici, che li rende una minaccia regionale e globale più grande.
 
Perché questa guerra ha aggravato il caos e la carneficina in Siria e, insieme con il terrore inflitto da ISIS e altri gruppi estremisti islamici che lottano per prendere in consegna la Siria, continua ad aumentare il numero di siriani costretti a fuggire dal loro paese.
 
Perché dovremmo imparare dai nostri errori passati in Iraq e in Libia che le guerre degli Stati Uniti per rovesciare dittatori laici (Saddam Hussein e Muammar Gheddafi), causa ancora più caos e la sofferenza umana e aprire la porta per gli estremisti islamici di prendere in consegna in questi paesi.
 
Perché gli Stati Uniti non hanno un governo credibile o capo di governo pronto a portare ordine, la sicurezza e la libertà al popolo della Siria.
 
Perché anche lo scenario migliore, gli Stati Uniti rovesciano con successo il governo siriano di Assad, obbligherebbe Washington a spendere migliaia di miliardi di dollari e le vite di soldati americani nel futile tentativo di creare una nuova Siria. Questo è ciò che abbiamo cercato di fare in Iraq, per dodici anni, e ancora non siamo riusciti. La situazione in Siria sarà molto più difficile che in Iraq.
 
Perché la nostra guerra contro il governo siriano di Assad sta interferendo con il nostro voler sconfiggere ISIS, al-Qaeda, e gli altri estremisti islamici, che sono il nostro nemico reale.
 
Perché la nostra guerra per rovesciare il governo di Assad ci pone in diretto conflitto con la Russia e aumenta il rischio di guerra tra gli Stati Uniti e la Russia e la possibilità di un'altra guerra mondiale ".
 
E se la deputata in questione non vi dovesse essere ancora simpatica, vi mostriamo anche:
 

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La tigre di carta è nuda di Clara Statello La tigre di carta è nuda

La tigre di carta è nuda

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Libia. 10 anni senza elezioni di Michelangelo Severgnini Libia. 10 anni senza elezioni

Libia. 10 anni senza elezioni

Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi di Pasquale Cicalese Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi

Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS di Michele Blanco DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti