World Affairs/La guerra con altri mezzi: il blocco navale (non dichiarato) cont...

La guerra con altri mezzi: il blocco navale (non dichiarato) contro il Venezuela

 

MISION VERDAD* ,19 agosto 2019


Il blocco navale è sul tavolo di discussione degli architetti del colpo di stato continuo, ma nei fatti avviene in modo non dichiarato da alcuni anni.

 
Nell'anno in corso, la sua esecuzione ha preso forma nell'ambito del colpo di stato continuo e gli Stati Uniti l'hanno aggiunto alla loro strategia insieme all'attacco elettrico, all'imposizione continua di sanzioni e alla richiesta di colpi di stato militari.
 


OPZIONE CUTZ: "QUALCOSA DI BASSA INTENSITÀ COME IL BLOCCO NAVALE"
 

Il Center for International Strategic Studies (CSIS) ha convocato una riunione a porte chiuse il 10 aprile a Washington. C'erano rappresentanti attuali e vecchi del Dipartimento di Stato, del Consiglio di intelligence nazionale e del Consiglio di sicurezza nazionale come l'ammiraglio Kurt Tidd, ex comandante del Comando Sud.

 
Nell'evento chiamato "Valutazione dell'uso della forza militare in Venezuela" è stata affrontata la crisi in Venezuela e la possibilità di un blocco navale è emersa come misura di pressione per raggiungere l’obiettivo della destituzione di Nicolás Maduro.
 

A partecipare all’incontro c’era Fernando Cutz, considerato uno dei principali architetti del colpo di stato in Venezuela dal giornalista Max Blumenthal. Questo personaggio ha dichiarato al quotidiano La Vanguardia in una successiva intervista telefonica che "un'invasione non è possibile, ma qualcosa di bassa intensità, come un blocco navale, potrebbe servire a uscire da questa situazione di impasse". Ha aggiunto che "sarebbe fattibile solo se ci fosse supporto da altri paesi".
 

Cutz, ex membro del Consiglio di sicurezza nazionale del Gruppo Cohen e consigliere dell'ex ambasciatore nord-americano William Brownfield, ha elaborato una strategia per "dividere la cerchia interna di Nicolás Maduro" che però ha portato al noto fallimento del Pentagono di dividere la Forza Nazionale bolivariana (FANB) il 30 aprile, pochi giorni dopo l'incontro.
 

Tuttavia, la sua visione del blocco navale è un'espressione sotterranea di intervento militare, molto esplicita.

 
IL PRECEDENTE: MANOVRE MILITARI E AZIENDALI
 

Nel tentativo di riguadagnare rilevanza ed egemonia nei Caraibi, gli Stati Uniti hanno svolto le esercitazioni Tradewings e Unitas, rispettivamente nel 2017 e nel 2018. Il messaggio per i paesi della zona era chiaro: fare pressione su di loro come piattaforma logistica per gli attacchi contro Venezuela, Cuba e / o Nicaragua.
 

Le esercitazioni Tradewings, condotte nel giugno 2017 a 600 chilometri dalla costa venezuelana, sono state identificate come "una manovra multinazionale di sicurezza marittima e risposta ai disastri nei Caraibi" mentre gli esercizi multinazionali Unitas – con la Colombia ad ospitarle e con la partecipazione di oltre 18 paesi – servivano per "combattere il crimine transnazionale e fornire supporto durante una crisi umanitaria" attraverso uno spiegamento di esplorazioni radioelettroniche e forze aeree.
 

In entrambi i casi è stata utilizzata la scusa umanitaria con cui il Pentagono ha fallito ad Haiti dopo il terremoto del 2010, incapace di evitare l'impatto del colera e delle sue migliaia di morti, e anche in Repubblica Domenicana e Porto Rico dopo l'impatto dell'uragano Maria (verificatosi solo tre mesi dopo i Tradewings) che ha causato almeno 3.000 morti senza che gli Stati Uniti potessero agire efficacemente per evitarli.
 

Quindi, a maggio 2018, la mappa di Marine Traffic (un sito Web di monitoraggio navale) mostrava punti rossi che bloccavano gli accessi dei tre principali porti petroliferi venezuelani: c'erano 82 petroliere su larga scala che erano state sequestrate in porto per giorni. Erano state confiscate come prevenzione dalla Amministrazione Trump e dalla ConocoPhillips, una delle più grandi compagnie petrolifere del mondo.
 

Il motivo era che, settimane prima, Conoco aveva avviato azioni legali per ottenere oltre 2 miliardi di dollari che il governo venezuelano "doveva pagare" dopo aver perso un processo di arbitrato presso la Camera di commercio internazionale (un organo di risoluzione delle controversie) per la nazionalizzazione di progetti in Venezuela del 2007. "Cercheremo tutti i mezzi legali disponibili per ottenere un risarcimento completo ed equo per i nostri investimenti espropriati in Venezuela", aveva minacciato la transnazionale in una nota.
 

Per tentare di riscuotere un risarcimento, Conoco ha cercato di sequestrare diversi beni PDVSA situati fuori dal Venezuela, principalmente a Bonaire, Curaçao e San Eustacio. Tuttavia, le prime azioni sono state dirette ai carichi di petrolio e persino alle petroliere di proprietà di PDVSA.

 
Mentre il governo venezuelano ha espresso il totale rifiuto contro la transnazionale nord-americana, Reuters ha affermato che lo stato venezuelano avrebbe sospeso le sue operazioni una volta esaurite le scorte del petrolio, dal momento che non si prevedevano nuove spedizioni nei Caraibi. Inoltre, avrebbe modificato i suoi accordi commerciali per iniziare a consegnare tutto il suo petrolio per l'esportazione nelle acque venezuelane, compresi i trasferimenti da nave a nave che dovevano essere effettuati per spedire merci verso destinazioni asiatiche.

 

PIRATERIA NEI CARAIBI: SANZIONI CONTRO IL COMMERCIO GRATUITO
 

Il 5 aprile, il governo degli Stati Uniti ha applicato sanzioni a navi e appaltatori di spedizioni di PDVSA per l'esportazione di petrolio a Cuba.
 

La decisione comprendeva 34 navi con cui gli Stati Uniti avrebbero bloccato qualsiasi transazione e due compagnie di navigazione, Ballito Bay Shipping Incorporated, con sede in Grecia, e ProPer In Management Incorporated con sede in Liberia, per il loro collegamento con la nave Despina Andrianna, che, secondo le autorità statunitensi hanno consegnato petrolio venezuelano a Cuba nei mesi febbraio e marzo 2019.
 

La decisione annunciata dal vicepresidente americano Mike Pence è stata accompagnata da una dichiarazione di Steven Mnuchin, segretario del Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti.
 

La settimana seguente, il 12 aprile, il Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti ha sanzionato quattro compagnie con sede in Liberia e Italia e nove petroliere con bandiere di Italia, Malta, Grecia e Panama.
 

Il 10 maggio, dopo il fallimento del colpo di stato contro il governo venezuelano, l'Office of Foreign Assets Control (OFAC) del Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti ha sanzionato altre due compagnie di navigazione.
 

Le compagnie di navigazione sanzionate sono state la Monsoon Navigation Corporation e la Serenity Maritime Limited, la prima, con sede a Majuro, nelle Isole Marshall, proprietaria della nave Ocean Elegance, che ha consegnato petrolio greggio dal Venezuela a Cuba da fine 2018 a marzo 2019; e la seconda, con sede a Monrovia, in Liberia, proprietaria della nave Leon Dias, utilizzata anche tra la fine dell'anno scorso e marzo di quest'anno per portare il greggio venezuelano nell'isola caraibica.
 

TURBI ALL'ACQUA, INTENZIONI CHIARE


All'inizio di agosto, Donald Trump ha chiesto ai giornalisti se considerava un blocco o una quarantena contro il Venezuela e ha risposto di sì, ma senza entrare nei dettagli, come riportava Bloomberg.

 
Queste dichiarazioni sono avvenute lo stesso giorno in cui il Comando strategico operativo delle forze armate nazionali bolivariane (CEOFANB) denunciava una nuova violazione dello spazio aereo venezuelano da parte di un aereo statunitense, il 97 ° caso.
 

Il presidente Nicolás Maduro ha respinto tale minaccia dal presidente affermando - durante una giornata di supervisione del settore navale nazionale, nell'ambito della Grande Missione di trasporto - che "il Venezuela nel suo insieme, nell'unione civile-militare, ripudia e rifiuta le dichiarazioni di Donald Trump di una presunta quarantena, di un presunto blocco. All'imperialismo criminale dico: non vinceranno in Venezuela!”.  
 

Maduro ha aggiunto che il governo bolivariano avrebbe denunciato la nuova minaccia degli Stati Uniti al Consiglio di sicurezza dell'Organizzazione delle Nazioni Unite (ONU), in quanto minaccia la popolazione venezuelana, e ha invitato le forze militari a rimanere vigili sulle strategie degli Stati Uniti in violazione della sovranità dei mari dei Caraibi.
 
Giorni dopo, una nave che trasportava 25 tonnellate di soia per il Venezuela è stata fermata sul canale di Panama a causa delle sanzioni imposte dagli Stati Uniti, come denunciato su Twitter dal vicepresidente venezuelano Delcy Rodríguez.
 
Rodriguez, che l'ha descritta come una violazione del diritto internazionale e della Carta delle Nazioni Unite, ha aggiunto che una compagnia di assicurazioni aveva dichiarato al proprietario della nave detenuta che gli era stato proibito di portare merci in Venezuela a causa delle sanzioni.

Gli eventi si sono verificati dopo che Trump ha emesso un ordine esecutivo per congelare le attività dello stato venezuelano negli Stati Uniti.
 

Il fatto non ebbe un grande eco perché l'autorità del canale ha negato le accuse e i media internazionali hanno bollato il problema riferendosi a un “peschereccio venezuelano”, chiamato Blue Fin, fermato a causa di carenze tecniche riscontrate durante un'ispezione sulla costa panamense in conformità con gli standard internazionali, come riportato dall'Autorità marittima di Panama.
 
 
STRINGERE IL RECINTO
 

Una nota di Jonathan Swan pubblicata sul media Axios conferma l'ossessione di Trump per quanto riguarda l'idea di un blocco navale e come l'abbia ripetutamente sollevatA per almeno un anno e mezzo.
 

Trump ha suggerito ai funzionari della sicurezza nazionale che gli Stati Uniti avrebbero dovuto parcheggiare navi militari lungo la costa venezuelana per impedire alle merci di entrare e uscire dal paese, secondo cinque funzionari attuali ed ex che hanno sentito o sono stati informati di commenti privati diretti di Trump.
 

La pubblicazione fa riferimento a fonti che hanno commentato frasi come:
 
  • "Dico letteralmente che dovremmo eliminare le navi e fare un embargo navale", ha dichiarato una fonte che ha ascoltato in prima persona i commenti del presidente.
  • "Impedite a tutto di entrare."
  • "Suppongo che tu stia pensando alla crisi dei missili cubani."
  • "Ma Cuba è un'isola e il Venezuela è una costa enorme. E Cuba saprebbe cosa stiamo cercando di impedire di entrare. Ma di cosa stiamo parlando? Avrebbe bisogno di enormi e enormi quantità di risorse; probabilmente più di quanto la Marina americana possa fornire". 

Inoltre, affermano sempre le fonti che Trump sarebbe profondamente frustrato dal fatto che l'opposizione venezuelana non sia stata in grado di rovesciare Maduro dopo più di tre mesi di insurrezione fallita (30 aprile) e più di sei mesi che Trump ha guidato il mondo nel riconoscere Juan Guaidó come leader legittimo del Venezuela (23 febbraio).
 

Piuttosto il loro ambiente è concentrato sulla diplomazia e sulla pressione economica, hanno scarso interesse per le opzioni militari perché non hanno basi legali e assorbirebbero le risorse di una marina che è già estesa per contrastare Cina e Iran, anche se non le scartano.
 

Continuano le fonti spiegando come l'ex segretario alla Difesa James Mattis, l'ex segretario di Stato Rex Tillerson e l'ex capo dello staff John Kelly abbiano collaborato per ignorare o ostacolare quelle che consideravano le pericolose richieste di Trump. Anche come ha denunciato il suo ex consigliere per la sicurezza nazionale H.R. McMaster, chiedendogli perché non avesse prodotto le opzioni militari venezuelane che aveva richiesto, un ordine che Mattis ignorò anche se era stato formalmente invitato da McMaster a fissare una scadenza.
 

Questa dinamica è cambiata quando John Bolton e Mike Pompeo sono subentrati, tuttavia Swan afferma che, secondo alti funzionari dell'amministrazione, Trump non è più interessato a inviare truppe di terra statunitensi in Venezuela, ma ha detto loro di continuare a esercitare pressioni su Maduro e alla ricerca di "modi creativi per aiutare Guaidó" a far uscire Maduro dal potere.
 

In seguito ai sonori fallimenti, le prove tracciano una rotta verso il blocco navale con aumenti di pressione variabili, sembra che l'obiettivo sia aumentare la sfiducia delle compagnie di navigazione e in vari collegamenti dell'operazione navale per destabilizzare anche l'attività economica associata alle importazioni ed esportazioni.


Poiché l'intervento militare in stile libico, siriano, panamense o afgano è generalmente costoso, soprattutto se si tratta di realizzarlo ai propri confini, il gioco della leadership americana di turno consiste nel restringere il recinto economico e finanziario complicando l'avanzata di alleati come la Russia o la Cina nellostabilire relazioni con paesi liberi e sovrani come il Venezuela. E questo anche perché diventi una lezione per coloro che ci possano provare in futuro.


*Traduzione de l'AntiDiplomatico
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa