La guerra di Israele a Gaza: i boicottaggi danneggiano i marchi statunitensi?

La guerra di Israele a Gaza: i boicottaggi danneggiano i marchi statunitensi?

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

McDonald's ha mancato gli obiettivi di vendita in parte a causa del boicottaggio contro i suoi prodotti in alcune parti del mondo a causa del suo sostegno a Israele. Lo ha riportato Al Jazeera citando la stessa multinazionale

La guerra a Gaza “ha avuto un impatto significativo” sulla performance dell’ultimo trimestre del 2023 in alcune regioni, hanno spiegato, lunedì scorso i funzionari dell’azienda. Il primo trimestre del 2003 ha fatto registrare una crescita delle vendite in Medio Oriente, Cina e India dello 0,7%, ben al di sotto delle aspettative.

L'azienda di fast food è solo uno dei numerosi marchi statunitensi colpiti da boicottaggi e proteste per il loro percepito sostegno alla guerra di Israele a Gaza. Sui siti dei social media circolano elenchi di marchi accusati di sostenere Israele, anche se spesso i legami non vengono spiegati chiaramente. L’iniziativa fa parte di una più ampia campagna di boicottaggio, disinvestimento e sanzioni (BDS) che prende di mira i marchi favorevoli a Israele dal 2005.

Segue il riepilogo dell’emittente del Qatar sui marchi colpiti dal boicottaggio.

McDonald's

Il gigante del fast food McDonald's ha attirato l'ira dei critici di Israele, soprattutto in Medio Oriente, quando la sua filiale israeliana ha distribuito migliaia di pasti gratuiti alle truppe israeliane in ottobre, il mese in cui il paese ha lanciato il bombardamento e l'offensiva di terra a Gaza, che ha provocato l’uccisione di più di 27.000 persone, per la maggior parte donne e bambini.

Da ottobre gli attivisti hanno chiesto il boicottaggio dell'azienda in tutto il mondo. L'impatto è stato più evidente in Medio Oriente, dove è registrato almeno il 5% dei franchising McDonald's. Mentre l’obiettivo di crescita per le vendite in Medio Oriente, India e Cina era fissato al 5,5% da ottobre a dicembre, l’azienda ha ottenuto una crescita dello 0,7% e probabilmente ha visto le sue vendite ridursi solo in Medio Oriente. Nello stesso periodo le vendite globali sono cresciute del 3,4%, rispetto all’8,8% del trimestre precedente.

Franchising in Arabia Saudita, Oman, Kuwait, Emirati Arabi Uniti, Giordania, Bahrein e Turchia hanno rilasciato dichiarazioni prendendo le distanze dalla campagna alimentare per l’esercito israeliano e hanno promesso collettivamente aiuti per 3 milioni di dollari a Gaza.

L'amministratore delegato Chris Kempczinski ha affermato che la società non si aspetta cambiamenti significativi finché la guerra persisterà. "Quello che sta succedendo è una tragedia umana e penso che pesi su marchi come il nostro", ha lamentato.

Starbucks

La settimana scorsa, anche la catena di caffè Starbucks ha tagliato le previsioni di vendita annuali dopo un crollo della crescita. L’azienda ora prevede che le vendite per l’intero anno – a livello globale e negli Stati Uniti – cresceranno dal 4% al 6%, in calo rispetto al precedente range compreso tra il 5% e il 7%.

Il CEO Laxman Narasimhan ha annunciato in una conferenza stampa che Starbucks ha visto un “impatto significativo sul traffico e sulle vendite” in Medio Oriente a causa della guerra a Gaza. Le vendite sono rallentate anche negli Stati Uniti, dove i manifestanti hanno lanciato una campagna contro la società con sede a Seattle, chiedendole di prendere posizione contro Israele.

I problemi di Starbucks sono iniziati dopo che Starbucks Workers United, composto da migliaia di baristi in più di 360 bar statunitensi, ha mostrato sostegno ai palestinesi in un post X giorni dopo lo scoppio della guerra di Gaza. Il post è stato cancellato meno di un'ora dopo.

Starbucks ha citato in giudizio il sindacato in un tribunale dell'Iowa per violazione del marchio, chiedendo al sindacato di smettere di usare il suo nome e un logo simile. Il post rifletteva il "sostegno a Hamas" e aveva gravemente danneggiato la reputazione della società, aveva denunciato Starbucks nell’esposto, aggiungendo di aver ricevuto più di 1.000 chiamate di reclamo. La società ha anche riferito che alcuni dei suoi caffè sono stati vandalizzati.

Il sindacato ha risposto, chiedendo a un tribunale federale della Pennsylvania di pronunciarsi in merito all’utilizzo, oltre ad accusare Starbucks di diffamazione.

Entrambe le partigià  sono impegnate in trattative continue e difficili sulle questioni lavorative con il sindacato che chiedono una retribuzione migliore e una programmazione più coerente per i lavoratori.

Nel frattempo, molte persone in Indonesia , il paese con la più grande popolazione musulmana del mondo, hanno boicottato Starbucks e McDonald's dall'inizio della guerra.

Coca Cola

Il produttore di bevande gassate è da tempo coinvolto nel fuoco incrociato del conflitto in Medio Oriente. Dal 1967 al 1991, la Coca Cola fu ufficialmente boicottata dalla Lega Araba per aver costruito un impianto di imbottigliamento in Israele.

Ancora una volta, il logo rosso del marchio è presente negli elenchi di marchi diffusi per il boicottaggio sui canali dei social media. La società non sembra aver innescato alcun fattore scatenante recente, ma le sue passate affiliazioni con Israele e la sua reputazione di società americana sembrano essere sufficienti.

A novembre, il parlamento turco ha votato per rimuovere la bevanda dai negozi e dai ristoranti del paese. Il distributore turco della Coca Cola ha registrato un calo delle vendite del 22% nell’ultimo trimestre del 2023.

Nel frattempo, in Egitto, il boicottaggio della Coca-Cola e di altre bevande analcoliche americane ha alimentato il rilancio di un marchio locale, Spiro Spathis , che ha visto le sue vendite aumentare.

Domino’s

Anche Domino's, un produttore di pizza con sede negli Stati Uniti con franchising in tutto il mondo, sta affrontando un contraccolpo. Post sui social media ritengono che Domino's abbia anche dato cibo gratuito ai soldati israeliani, sebbene non ci siano prove a sostegno di tali affermazioni.

In Asia, le vendite del marchio nello stesso negozio sono diminuite dell’8,9% nella seconda metà del 2023, principalmente perché i consumatori in Malesia lo associano agli Stati Uniti, un alleato di Israele, ha detto un funzionario dell’azienda.

I malesi si sono mobilitati a migliaia per chiedere la fine della guerra israeliana a Gaza. L'ufficio del primo ministro Anwar Ibrahim ha anche annunciato a dicembre che tutte le navi di proprietà israeliana, battenti bandiera israeliana o destinate a Israele sono bandite dai suoi moli. Il paese non ha rapporti diplomatici con Israele.

"È risaputo che i marchi americani in Asia, e in questo caso mi riferisco soprattutto alla Malesia, sono stati colpiti da ciò che sta accadendo in Medio Oriente in questo momento", ha precisato agli analisti Don Meij, amministratore delegato di Domino's Pizza Enterprises.

-------------------

NULLA E' PIU' POTENTE DELL'ARTE E DELLA LETTERATURA. 

SCOPRI I SOGNI, LE ASPIRAZIONI E I SOPPRUSI SUBITI DAL POPOLO PALESTINESE ATTRAVERSO TRE GRANDI LIBRI AD UN PREZZO SPECIALE!


ACQUISTALI ORA

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Alle armi siam... Von Der Leyen Alle armi siam... Von Der Leyen

Alle armi siam... Von Der Leyen

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Sinistra o destra? Guerra di classe di Pasquale Cicalese Sinistra o destra? Guerra di classe

Sinistra o destra? Guerra di classe

Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti di Andrea Puccio Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti

Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti