La NATO plaude allo schieramento di armi nucleari statunitensi ai confini con la Russia

La NATO plaude allo schieramento di armi nucleari statunitensi ai confini con la Russia

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Jens Stoltenberg, il segretario generale della NATO, ha esortato gli Stati membri a rimanere impegnati nei piani che vedono le micidiali armi nucleari americane condivise attraverso la frontiera orientale del blocco militare, vicino al confine con la Russia.

Oggi, in un discorso all'Associazione atlantica tedesca, Stoltenberg ha affermato che la mossa si è  necessaria a causa della minaccia presumibilmente rappresentata da Mosca. "Il nostro obiettivo è un mondo libero dalle armi nucleari", ha detto, "ma finché gli altri le hanno, anche la NATO deve averle".

Secondo Stoltenberg, "la Russia svolge azioni aggressive, interferisce negli affari di altri paesi" e il paese ha "investito in modo significativo in capacità militari, comprese nuove armi nucleari avanzate".

“Le armi nucleari che condividiamo nella NATO forniscono agli alleati europei un efficace ombrello nucleare. Questo, ovviamente, include anche i nostri alleati orientali e sono un importante segnale di unità alleata contro qualsiasi avversario dotato di armi nucleari", ha aggiunto. 

"Quindi gli accordi di condivisione nucleare della NATO sono di particolare importanza per l'Europa".

La politica interna di condivisione delle armi del blocco guidato dagli Stati Uniti è parte fondamentale dei suoi piani per la deterrenza nucleare contro paesi come la Russia e la Cina, ampliando la copertura delle sue testate nucleari senza richiedere alle nazioni presumibilmente non nucleari di produrle da sole.

Tuttavia, con la Germania che si prepara per un nuovo governo dopo l'imminente partenza del cancelliere Angela Merkel, c'era il timore che Berlino avrebbe potuto rifiutare l'acquisto di una nuova flotta di aerei in grado di lanciare armi atomiche, per sostituire i suoi vecchi aerei da guerra. Tuttavia, Stoltenberg si è detto fiducioso che il paese rimarrà parte del patto perché offre alla Germania "un posto al tavolo".

Rispondendo al discorso del capo della NATO, il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov ha affermato che il paese si rifiuterà di chiudere un occhio di fronte alle grandi “provocazioni” del blocco e delle nazioni dell'UE.

 

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi? di Francesco Erspamer  Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Le preoccupazioni di Draghi per la Dad sono fasulle di Paolo Desogus Le preoccupazioni di Draghi per la Dad sono fasulle

Le preoccupazioni di Draghi per la Dad sono fasulle

La prima (velenosa) porcata dell'anno di Draghi e compagnia di Giorgio Cremaschi La prima (velenosa) porcata dell'anno di Draghi e compagnia

La prima (velenosa) porcata dell'anno di Draghi e compagnia

Putin ha preso la decisione di Marinella Mondaini Putin ha preso la decisione

Putin ha preso la decisione

Green Pass, quei "fascisti" di Amnesty International... di Savino Balzano Green Pass, quei "fascisti" di Amnesty International...

Green Pass, quei "fascisti" di Amnesty International...

Green Pass: si o no? di Alberto Fazolo Green Pass: si o no?

Green Pass: si o no?

Il Ventennio dell'euro di Thomas Fazi Il Ventennio dell'euro

Il Ventennio dell'euro

"Profitti zero": Siamo alla fase finale di Pasquale Cicalese "Profitti zero": Siamo alla fase finale

"Profitti zero": Siamo alla fase finale

Prima che sia troppo tardi per chiedere scusa di Antonio Di Siena Prima che sia troppo tardi per chiedere scusa

Prima che sia troppo tardi per chiedere scusa

Torna di moda la fake delle fake sulla "Germania virtuosa"... di Gilberto Trombetta Torna di moda la fake delle fake sulla "Germania virtuosa"...

Torna di moda la fake delle fake sulla "Germania virtuosa"...

Le 2 manifestazioni di Tripoli e l’accordo Salvini-Rackete sulla Libia di Michelangelo Severgnini Le 2 manifestazioni di Tripoli e l’accordo Salvini-Rackete sulla Libia

Le 2 manifestazioni di Tripoli e l’accordo Salvini-Rackete sulla Libia

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti