L'Analisi/La pandemia di Covid-19 conferma i profondi difetti nel sistema s...

La pandemia di Covid-19 conferma i profondi difetti nel sistema sanitario americano: discriminatorio e progettato per i profitti aziendali

 
Segue l'analisi di Margaret Flowers è condirettrice di Popular Resistance ed è consulente del consiglio di amministrazione dei medici per un programma sanitario nazionale. Il suo lavoro è apparso su Al Jazeera, Health Over Profit, Truthdig e altrove. Accont Twitter  @ MFlowers8
 
La crisi del coronavirus sta dimostrando perché è ora di sostituire un sistema che ha scopi puramente utilitaristici con uno che metta al primo posto la salute pubblica.

 
Per quanto riguarda il numero di casi e morti di Covid-19, gli Stati Uniti sono fuori classifica rispetto ad altri paesi. Sebbene gli Stati Uniti rappresentino il cinque percento della popolazione mondiale, hanno il 32 percento dei casi Covid-19 e il 25 percento dei decessi in tutto il mondo. Al contrario, la Cina, dove ha avuto origine il romanzo coronavirus, ha un decimo del numero di casi e decessi, nonostante abbia una popolazione quattro volte più grande.
 
Uno scenario di disastro si sta verificando in tutti gli Stati Uniti, in particolare a New York City, dove sono stati portati decine di camion frigo per trattenere i morti, centinaia di persone muoiono nelle loro case senza cure mediche ogni giorno, a cui vengono utilizzate fosse comuni conservare i corpi mentre i mortuari sono sopraffatti e gli operatori sanitari non dispongono di dispositivi di protezione individuale di base (DPI), ventilatori e macchine per dialisi.
 
Il dottor Mike Pappas, ha descritto le difficoltà che lui e altri professionisti della salute stanno affrontando. La carenza di DPI significa che medici e infermieri stanno riutilizzando maschere e abiti e talvolta lavorano senza di loro. Indossano sacchi della spazzatura sui loro corpi per proteggere se stessi e i loro pazienti dall'infezione. In un'intervista, la dott.ssa Pappas ha parlato dello stress di non avere abbastanza personale, di dover liberare i corridoi e della mensa per fare spazio sul letto e della riluttanza degli amministratori dell'ospedale ad acquistare più ventilatori.
 
Mentre le persone in America lottano con le crisi gemelle della pandemia dilagante e del collasso dell'economia, è facile incolpare solo l'amministrazione Trump per i suoi fallimenti nel prendere misure rapide ed efficaci per contenere la diffusione dell'infezione e fornire supporto finanziario. In realtà, le radici della crisi precedono Trump. Gli Stati Uniti sarebbero andati male durante una pandemia sotto qualsiasi presidente.
 
È il sistema, stupido
 
L'attuale catastrofe esiste in gran parte perché il sistema sanitario americano è l'opposto di ciò che è necessario. È frammentato, discriminatorio e progettato per i profitti aziendali, non per il benessere del pubblico. Anche prima della pandemia, gli Stati Uniti avevano il più alto numero di morti prevenibili rispetto ad altre nazioni ricche e un'aspettativa di vita in calo.
Quasi ogni aspetto del sistema, che è due volte più costoso di altri paesi sviluppati, è progettato per trarre profitto se sono le centinaia di assicuratori sanitari privati ??a competere per gli iscritti più sani evitando quelli con condizioni di salute o le società farmaceutiche che fanno pagare qualunque sia il mercato. Perfino gli ospedali stanno chiudendo dipartimenti essenziali come ostetricia e pediatria per fare spazio ad aree più redditizie come la cardiologia e l'ortopedia.
 
Due terzi dei fallimenti statunitensi sono causati da assicurazioni mediche 
 
Ora ci sono più di 30 milioni di persone senza assicurazione sanitaria. Nelle ultime cinque settimane, poiché più di 26 milioni di persone hanno presentato domanda di sussidi di disoccupazione per la prima volta, cinque milioni hanno perso la propria assicurazione sanitaria . Il numero dei non assicurati dovrebbe aumentare di oltre 13 milioni entro giugno. Inoltre, decine di milioni di persone con un'assicurazione sanitaria non possono permettersi cure a causa delle migliaia di dollari di spese vive che devono pagare prima dell'inizio delle loro prestazioni assicurative.
 
Anche se una persona ha un'assicurazione sanitaria, potrebbe non esserci un posto dove andare per le cure. Negli ultimi 45 anni, con l'aumento della popolazione degli Stati Uniti di oltre 100 milioni, il numero di letti ospedalieri si è ridotto di circa 600.000. Gli ospedali hanno chiuso nelle aree rurali perché non potevano portare entrate sufficienti per tenere aperte le porte. Altri 453 ospedali rurali stanno barcollando sull'orlo della chiusura rispetto ai 1.844 rimasti. Nelle città, gli ospedali che hanno servito le comunità povere per oltre 100 anni vengono chiusi per far posto a abitazioni di lusso o spazi commerciali in aree sfavorevoli.
 
Un altro difetto rivelato dal Covid-19 è la catena di approvvigionamento di beni e attrezzature. A febbraio e all'inizio di marzo, quando i pazienti sono andati negli ospedali con sintomi del virus, c'erano pochi o nessun test diagnostico perché gli Stati Uniti hanno scelto di creare i propri test piuttosto che acquistarli dall'Organizzazione mondiale della sanità. Vi sono state gravi carenze di dispositivi di protezione. Gli stati hanno combattuto tra loro per ottenere kit di base mentre i fornitori aumentano i prezzi fino al 1.000 percento.
 
Questa situazione ha reso più forte la richiesta di migliorare il sistema sanitario nazionale Medicare for All. Se gli Stati Uniti avessero già avuto Medicare for All, molti dei problemi riscontrati non esisterebbero. In base al sistema Medicare for All, come definito dal disegno di legge del Congresso della Camera dei Rappresentanti, ogni persona negli Stati Uniti sarebbe coperta dalla nascita alla morte senza richiedere il pagamento prima di ricevere le cure.
 
Ciò allevierebbe la vera paura dell'esperienza americana di rovina finanziaria. Ad esempio, a marzo un'infermiera ha cercato cure e test per i sintomi di Covid-19 e successivamente ha ricevuto un conto per $ 35.000 anche se non è mai stata ricoverata in ospedale. Due terzi dei fallimenti in America sono dovuti a spese mediche .
 
Mettere le persone prima dei profitti
 
C'è un caso più fondamentale per un approccio più socializzato: funziona meglio. Uno sguardo ai sistemi sanitari in tutto il mondo che hanno funzionato bene durante la pandemia ha scoperto che la copertura universale, la pianificazione centrale e il principio della salute sul profitto sono caratteristiche essenziali. Perfino i paesi che soffrono di sanzioni economiche stanno facendo un lavoro migliore nel contenere la diffusione dell'infezione rispetto agli Stati Uniti.  
Nell'ambito di un Medicare nazionale migliorato per tutti, gli ospedali non chiudono le porte o chiudono i dipartimenti che non generano entrate elevate a favore di quelli più redditizi. Ogni ospedale e struttura sanitaria riceverebbe un budget per coprire i costi operativi e le spese in conto capitale. I giorni in cui le compagnie di investimento acquistavano ospedali, facendoli fallire e lasciandoli bloccati sarebbero finiti.
 
Un'altra caratteristica chiave sarebbe che il governo federale dovrebbe acquistare prodotti farmaceutici e forniture mediche alla rinfusa per ridurre i costi e garantire agli stati ciò di cui avevano bisogno. Guerre d'offerta e speculazioni sui prezzi cesserebbero di esistere.
 
Gli Stati Uniti sono un outlier in questa pandemia in termini di numero di casi e morti di Covid-19, e un esperto prevede che il prossimo inverno sarà anche peggio all'inizio della stagione influenzale. Ma gli Stati Uniti sono stati a lungo un outlier per spendere di più in assistenza sanitaria e avere ancora scarsi risultati di salute. In tutto il mondo, i paesi che hanno gestito bene la pandemia, come Cina, Corea del Sud, Cuba e Venezuela, condividono le caratteristiche comuni dei loro sistemi sanitari: pianificazione centrale, copertura universale e attenzione alla salute pubblica.
 
Il fatto che l'America adotti alla fine un sistema simile dipende da cosa la gente fa per richiederlo, ma di certo non c'è un momento più opportuno per fare questa richiesta.
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa