/ La Serbia rafforza la collaborazione militare con Russia e Cina, ...

La Serbia rafforza la collaborazione militare con Russia e Cina, per prevenire nuove destabilizzazioni nell’area, usando il Kosovo

 
 

Il ministro della Difesa serbo Aleksandr Vulin, ha detto che a Belgrado ci sono stati incontri con Russia e Cina per l'acquisto di armi per la difesa del paese, in caso di conflitto armato nei Balcani.

“…pur ribadendo la nostra neutralità internazionale, se ci fosse un riesplodere di conflitti nei Balcani, un area dove si sa, i conflitti possono essere… guidati, nessuno potrebbe aiutarci se non noi stessi. Ma noi contiamo anche sull’aiuto della Russia e molti altri amiciNoi cercheremo di fare sempre tutto il possibile per evitare altri conflitti…”, ha dichiarato Vulin a giugno in un intervista al Life Journal.
«…Dobbiamo tornare ad essere militarmente forti e l’assistenza tecnica e militare della Federazione Russa è per noi importante. Abbiamo bisogno di pace. Ma per avere la pace, dobbiamo essere pronti a tutto…Anche la Repubblica Popolare Cinese è un paese amico su cui possiamo contare e con cui stiamo sviluppando ottime collaborazioni militari…”, ha aggiunto il ministro serbo.

Il 17 agosto anche Sergej Shoigu, dopo un incontro con Vulin a Mosca ha dichiarato che: “… La cooperazione militare tra Russia e Serbia si sta sviluppando attivamente e anche i passi in questo ambito si stanno moltiplicando di anno in anno…”, ha detto il ministro della Difesa russo.
"…In questo ultimo incontro abbiamo discusso una serie di questioni relative alla nostra cooperazione militare e tecnica. La cooperazione militare si sta sviluppando attivamente e gli avvenimenti aumentano ogni anno…i preparativi per nuove esercitazioni militari congiunte sono nelle fasi finali. Sono sicuro che si terranno con successo come è già successo prima", ha sottolineato il ministro russo.
"…La nostra cooperazione militare e tecnica si sta sviluppando in modo piuttosto spedito, nonostante tutti gli ostacoli che altri stanno ponendo sulla nostra strada. Tuttavia, tutto procede secondo i piani prefissati, ciò che è stato fissato per quest'anno sarà raggiunto…Russia e Serbia hanno in programma molti eventi per il prossimo anno, in particolare in ambito militare-tecnico, educativo e di altro genere...” ha aggiunto Shoigu.
A sua volta, il ministro serbo Vulin ha condiviso l'opinione che la collaborazione tra Russia e Serbia nella sfera militare sia ai massimi livelli della storia. Secondo lui, i due paesi non hanno mai tenuto una tale quantità di eventi comuni come ora. Quest'anno ce ne sono stati circa 90. Vulin ha anche affermato che il presidente Vucic ha invitato Shoigu a Belgrado per valutare i risultati raggiunti dall'esercito serbo. "…Il nostro presidente e comandante in capo Aleksandar Vucic ha trasmesso i più calorosi saluti e un invito personale a venire a Belgrado in Serbia, per vedere di persona quanto è migliorato l'esercito serbo nei suoi sviluppi, grazie al vostro coinvolgimento, con il risultato di essere diventato molto più esperto nelle sue capacità nel combattere… ", ha detto Vulin.
“..La nostra opinione è che più l'esercito serbo è preparato nel combattere, più ci saranno condizioni di pace nei Balcani…Come si sa, la Serbia è uno stato militarmente neutrale e rimarrà tale. Fino a quando il presidente Vucic guiderà il paese, non si unirà alla NATO, sceglierà gli amici e prenderà decisioni su come agire da sola…", ribadendo che questa è la posizione del suo paese.

In giugno la Serbia ha ospitato nella base della Brigata Speciale delle Forze armate serbe a Pancevo, delle esercitazioni militari congiunte di “Fratellanza Slava” con truppe d'élite provenienti da Serbia, Russia e Bielorussia. Paracadutisti serbi con le truppe d'élite di Russia e Bielorussia per l'esercizio della Confraternita militare slava.
Circa 600 militari, tra cui più di 200 delle Forze aeree russe, circa 300 delle forze armate serbe e circa 60 soldati dalla Bielorussia, oltre a più di 50 veicoli da combattimento, hanno preso parte alle esercitazioni.