La stoccata della Russia contro l'Unione Europea sulla questione migranti

La stoccata della Russia contro l'Unione Europea sulla questione migranti

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


"Invece di aiutare i migranti, l’Unione Europea sta conducendo loro una guerra non dichiarata, mentre il Mar Mediterraneo rimane la rotta migratoria più pericolosa del mondo". Lo ha dichiarato al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite Vasily Nebenzya, rappresentante permanente russo presso le Nazioni Unite. Lo riporta oggi TASS. 

"Dobbiamo dire che, anno dopo anno, il Mar Mediterraneo rimane la rotta migratoria più pericolosa, con il più alto livello di mortalità e che si rivela una trappola mortale per molte anime disperate", ha detto il diplomatico russo al briefing del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite sulla questione della migrazione nel Mediterraneo. riunitosi su iniziativa della Russia.

"C'è ancora una domanda. Quali misure adotta l'UE per salvare le persone in mare nell'ambito dell'operazione IRINI, se, secondo il rapporto, la stragrande maggioranza dei migranti e dei rifugiati è stata salvata o intercettata da altri organismi e strutture di cui siamo a conoscenza? Niente?", ha proseguito.

"Inoltre, come si evince dal piano recentemente annunciato dall'UE, c'è l'intenzione di rafforzare ed espandere la portata delle cosiddette operazioni navali nel Mediterraneo, che giornalisti e attivisti per i diritti umani hanno già soprannominato "'blocco navale'", ha proseguito. "L'impressione è che l'UE stia conducendo una guerra non dichiarata contro i migranti, che muoiono a causa della mancanza di rotte alternative sicure".

Nebenzya, prosegue TASS nel suo resoconto, ha menzionato una serie di tragedie avvenute quest'anno vicino alle coste della Grecia e dell'Italia e che hanno causato la morte di dozzine di persone che cercavano di raggiungere l'Europa. Queste morti avrebbero potuto essere evitate se l’assistenza alle persone in difficoltà in mare fosse stata fornita in modo tempestivo. Allo stesso tempo, l'Unione europea non considera prioritario il salvataggio di queste persone, ha aggiunto il diplomatico russo. "Molto spesso gli Stati membri dell'UE non solo non adottano misure per salvare una nave, ma addirittura vietano ad altre navi di venire in aiuto. Coloro che osano disobbedire rischiano di essere perseguiti penalmente e possono essere accusati di traffico di esseri umani. Inoltre, secondo Secondo la relazione del Segretario generale, alcuni tribunali dell'Unione europea tendono deliberatamente a spingere una nave in pericolo fuori dalla loro giurisdizione, condannando così le persone a bordo a una morte dolorosa, cioè fanno tutto il possibile per proteggere il loro "giardino fiorito" dagli ospiti provenienti da la giungla, come dice [l'Alto Commissario UE per gli Affari Esteri e la Politica di Sicurezza], [Josep] Borrell", ha continuato il diplomatico russo.

Nebenzya ha sottolineato che l’attuale afflusso di migranti verso l’Europa è stato causato dall’ingerenza dell’Occidente negli affari interni di altri stati. "L'esodo di massa di persone dal Medio Oriente e dal Nord Africa verso l'Europa è il risultato di un'interferenza irresponsabile e sconsiderata da parte dei paesi occidentali, compresa l'Unione Europea, negli affari interni di stati sovrani al fine di destabilizzarli e cambiare con la forza governi indesiderati. Sono questi paesi i principali responsabili delle conseguenze", ha affermato.

L'ambasciatore russo ha poi concluso: "in sostanza, finora l'Unione europea si è occupata delle questioni migratorie solo in relazione agli ucraini", mentre "i cittadini dei paesi del Nord Africa e del Medio Oriente ovviamente non possono aspettarsi un livello simile di solidarietà e atteggiamento umanamente da parte degli europei. È giunto il momento che Bruxelles smetta di incolpare i trafficanti per la morte delle persone e si assuma la responsabilità piuttosto che limitarsi a pronunciare parole di rammarico per la morte di un altro gruppo di migranti e rifugiati".

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito di Geraldina Colotti Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse di Clara Statello La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse

La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

L'Unione Europea nella percezione degli italiani di Leonardo Sinigaglia L'Unione Europea nella percezione degli italiani

L'Unione Europea nella percezione degli italiani

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics di Marinella Mondaini Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Un establishment a corto di credibilità di Giuseppe Giannini Un establishment a corto di credibilità

Un establishment a corto di credibilità

"L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO) di Michelangelo Severgnini "L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO)

"L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO)

A cosa serve la proposta di Putin di oggi di Giuseppe Masala A cosa serve la proposta di Putin di oggi

A cosa serve la proposta di Putin di oggi

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti