La Tunisia rifiuta fermamente la normalizzazione con Israele

La Tunisia rifiuta fermamente la normalizzazione con Israele

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Il governo tunisino ha confermato di non essere interessato a stabilire relazioni diplomatiche con Israele, rilevando che il cambiamento della posizione di altri paesi verso la normalizzazione con Tel Aviv non influenzerà la sua ferma posizione sulla Questione palestinese.

Il Ministero degli Affari Esteri tunisino ha dichiarato in un comunicato: "Tutte le accuse che circolano sulla possibilità di stabilire relazioni diplomatiche tra Tunisia e Israele sono infondate".

Hanno spiegato che ciò che viene promosso contraddice completamente la posizione ufficiale e di principio della Repubblica tunisina a sostegno della giusta causa palestinese, ed a sostegno dei legittimi diritti del popolo palestinese.

La dichiarazione ha sottolineato la ferma posizione del Presidente della Repubblica, Qais Saeed, che ha affermato in diverse occasioni che i diritti del popolo palestinese sono inalienabili e inammissibili, primo fra tutti il ??diritto all'autodeterminazione e alla creazione di uno Stato indipendente con Al-Quds (Gerusalemme Est) come capitale.

Nella dichiarazione di precisa: "Questa posizione di principio nasce dalla volontà del popolo tunisino ed esprime ciò che sente in termini di solidarietà e sostegno assoluto per i diritti legittimi del popolo palestinese, che sono stati loro garantiti da vari riferimenti internazionali e risoluzioni di le Nazioni Unite e i suoi vari organi, in particolare il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite e l'Assemblea generale, adottati da molte organizzazioni internazionali. E altri regionali ".

L'agenda Draghi-Meloni di Giorgio Cremaschi L'agenda Draghi-Meloni

L'agenda Draghi-Meloni

L’Iran come la Siria nel 2011? di Francesco Santoianni L’Iran come la Siria nel 2011?

L’Iran come la Siria nel 2011?

L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE di Marinella Mondaini L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE

L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)   di Bruno Guigue Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso" di Antonio Di Siena Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva? di Michelangelo Severgnini Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva?

Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva?

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo di Paolo Pioppi Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo

Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra di Damiano Mazzotti Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra