La Turchia è diventata una superpotenza dei droni

La Turchia è diventata una superpotenza dei droni

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Difesa e Intelligence è anche su Telegram. Clicca qui per entrare nel canale e restare sempre aggiornato

 

La Turchia è un paese che ha deciso di agire in maniera decisa nel campo dell’industria della difesa per rendersi autonoma e riuscire ad esportare i propri prodotti. Ankara ha inoltre deciso di sopperire al mancato arrivo dei caccia stealth F-35, a causa dell’acquisto degli S-400 russi, producendo a livello domestico il proprio caccia stealth di quinta generazione, il TF-X. 

Ma c’è un settore dove la Turchia primeggia ed è divenuta una vera e propria potenza mondiale. L’esercito turco - evidenzia The National Interest - gestisce circa 130 droni armati di diversi tipi, tra cui cinque versioni dell'Anka più il Karayel e il Bayraktar TB2. Si tratta dei droni che hanno permesso all’Azerbaigian di avere la meglio sull’Armenia nel Nagorno-Karabakh, dei velivoli senza pilota attualmente in azione nei cieli dell’Ucraina. 

La Tunisia a metà marzo 2020 ha siglato un contratto da 240 milioni di dollari con le Industrie Aerospaziali Turche per sei droni Anka-S più tre stazioni di controllo a terra e tecnologie associate.

Anka-S è più o meno analogo al drone Reaper della US Air Force, che a sua volta è una variante più grande dell'iconico drone Predator.

TAI ha iniziato a sviluppare Anka-S nel 2013. L'aereo senza pilota ha volato per la prima volta nel 2016.

Lungo circa 26 piedi con un carico utile di circa 400 libbre, l'Anka-S controllato dal satellite trasporta un radar ad apertura sintetica, un SAR inverso e un radar indicatore di bersagli mobili per rilevare, identificare e tracciare bersagli a terra. 

Il drone può volare per più di 24 ore di fila e sparare piccoli missili di precisione tra cui il Roketsan Smart Micro Munition e il razzo guidato Cirit da 2,75 pollici.

L'esercito turco gestisce armati di diversi tipi, comprese cinque versioni dell'Anka più il Karayel e il Bayraktar TB2. 

La strategia della Turchia coi droni armati segnala un approccio alternativo per costruire una potenza aerea significativa in un momento in cui i velivoli con equipaggio più avanzati stanno diventando sempre più difficili da acquisire per le potenze medie.

La Turchia prima del 2019 era un membro del gruppo multinazionale che sviluppava e costruiva il caccia stealth F-35. Ma l'insistenza di Ankara sull'acquisto di sistemi di difesa aerea di fabbricazione russa ha portato il programma F-35 a espellere la Turchia come membro e annullare il suo ordine per ben 100 F-35. 

Bayraktar TB2

Il drone più famoso ed efficace di Ankara è il Bayraktar TB2, sviluppato e prodotto da un'azienda turca, Baykar Technology. L'azienda appartiene a due fratelli ed è stata fondata nel 1986. Nel corso del tempo è cresciuta fino a diventare un gigante della produzione di armi turca, appartenente alla famiglia Bayraktar. Il genero del presidente turco Recep Tayyip Erdogan, Selcuk Bayraktar, è il chief technology officer dell'azienda.

Secondo la società stessa, le sue esportazioni sono cresciute di sette volte tra il 2006 e il 2021. I media affermano che la TB2 ha ricevuto ordini commerciali da 16 paesi, tra cui Ucraina, Azerbaigian, Marocco, Tunisia, Qatar, Kirghizistan e Turkmenistan. La Polonia è stato il primo membro della NATO ad acquistare il drone l'anno scorso, aggiungendone 24 al suo arsenale.

La TB2 ha volato per più di 420.000 ore in luoghi come Siria, Libia e Iraq. Molti analisti ritengono che il drone sia stato un'arma decisiva durante il conflitto del Nagorno-Karabakh tra Armenia e Azerbaigian nel 2020.

Il TB2 è stato recentemente utilizzato anche in Etiopia.

Il Bayraktar TB2 è lungo 6,5 metri (21 piedi) e ha un'apertura alare di 12 metri. Può rimanere in aria fino a 24 ore e viaggia a una velocità massima di 220 chilometri orari (135 miglia orarie). Inoltre, il TB2 è meno costoso di altri droni simili.

Akinci

Altro prodotto top di gamma della Turchia è il Bayraktar Akinci. È noto che la Turchia ha sviluppato questo drone in collaborazione con specialisti ucraini. I dipendenti della società Ukrspetsexport, che fa parte della società di difesa statale Ukroboronprom, hanno preso parte allo sviluppo del nuovo UAV d'attacco. La parte ucraina ha contribuito al progetto del drone principalmente con motori e materiali compositi. Il progetto ha anche tenuto conto dell'esperienza dei progettisti di aeromobili ucraini nella progettazione di grandi velivoli.

L’UAV d'attacco ha effettuato il suo primo volo indipendente il 6 dicembre 2019; il drone ha quindi trascorso solo 16 minuti in aria. I test sono stati effettuati presso l'aeroporto di Corlu, situato nel nord-ovest della Turchia, nella provincia di Tekirdag. È qui che si trova il centro di addestramento al volo del produttore. Il secondo volo di prova è stato completato il 10 gennaio 2020 ed è durato più di un'ora. Nell'agosto 2020, il secondo prototipo Bayraktar Akinci ha iniziato a volare. In totale, i rappresentanti della compagnia Baykar Makina hanno già condotto almeno cinque test di successo di due prototipi di volo del nuovo drone d'attacco. Compresi i voli a un'altitudine di 30 mila piedi (circa 9150 metri).

In termini di prestazioni di volo e dimensioni, il drone dell'industria della difesa turca è notevolmente superiore al suo predecessore Bayraktar TV2. In termini di dimensioni, il Bayraktar Akinci è paragonabile all'UAV da ricognizione e attacco statunitense MQ-9 Reaper ("Reaper"), superando il veicolo USA in termini di peso massimo al decollo. Allo stesso tempo, in termini di prestazioni di volo, Akinci non è all'altezza della sua controparte nordamericana, sebbene rappresenti un significativo passo avanti per l'industria della difesa turca. Allo stesso tempo, in termini di capacità di combattimento, Akinci è il più vicino possibile al "Reaper", e in qualche modo, forse, lo supera.

Il nuovo UAV è un veicolo aereo senza pilota a lungo raggio da ricognizione e attacco ad alta quota. Il drone è abbastanza grande, basti pensare che supera i caccia F-15 / F-16 in apertura alare. L'apertura alare di Bayraktar Akinci è di 20 metri, e l'altezza è di 4,1 metri. Il peso massimo al decollo dichiarato dal costruttore è di 5500 kg. In questo caso, la massa massima del carico utile è di 1350 kg (il "Reaper" - 1700 kg). In questo caso le armi, secondo i materiali presentati sul sito ufficiale del produttore, possono essere appoggiate su otto punti di sospensione esterni.

Le prestazioni di volo sono molto elevate. L'altitudine operativa dichiarata è di 30 piedi (circa 9150 metri) e il tetto di servizio dell'aeromobile è di 40 piedi (circa 000 metri). In questo caso, il drone può rimanere in aria per un massimo di 12 ore. Come il suo predecessore, il drone ha un'IA abbastanza avanzata e può volare in modalità completamente automatica. Il dispositivo atterra da solo, decolla, vola in modalità crociera.

I motori sono stati sviluppati dagli specialisti dell'impresa Ivchenko-Progress. Il drone d'attacco Akinci ha una velocità di volo massima di 195 nodi (circa 360 km/h), e una velocità di crociera di 130 nodi (circa 240 km/h).

Gli ingegneri turchi hanno aumentato la sopravvivenza dell'apparato grazie al sistema di software e hardware a tripla ridondanza. Da sottolineare l'installazione di sistemi di disturbo anti-elettronico sugli UAV. Tali sistemi sono particolarmente rilevanti quando il nemico utilizza apparecchiature di guerra elettronica. Bayraktar Akinci è un drone con un proprio sistema di intelligenza artificiale, che dovrebbe massimizzare l'autonomia di volo, nonché il livello di consapevolezza della situazione sulla rotta di pattuglia, compresa l'identificazione del bersaglio e la determinazione delle loro coordinate.

Il nuovo drone turco è progettato per effettuare attacchi aerei contro bersagli di terra nemici, oltre a condurre ricognizioni aeree strategiche operative. Oltre alle armi missilistiche guidate e alle bombe aeree guidate, il drone può trasportare vari mezzi di ricognizione elettronica. Una caratteristica del drone sarà la presenza a bordo di un radar con un array di antenne phased attivo, che consentirà al drone di identificare in modo indipendente i bersagli aerei. Inoltre, il dispositivo riceverà una stazione di avviso di collisione aerea e un radar ad apertura sintetica per ottenere immagini radar della superficie terrestre, indipendentemente dalle condizioni meteorologiche. Il drone trasporterà anche il sistema ottico di ricognizione, sorveglianza e puntamento Aseslan CATS.

La gamma di munizioni usate è piuttosto ampia. Bombe a caduta libera Mk-81, Mk-82, Mk-83, anche nella versione di conversione in armi ad alta precisione (JDAM), e bombe guidate di piccole dimensioni MAM-L e MAM-C, che sono le armamento principale per il drone Bayraktar TV2 e missili CIRIT a guida laser da 70 mm, nonché l'ATGM L-UMTAS nella versione aerea con un raggio di lancio di 8 chilometri.

Akinci può diventare un vettore dei missili turchi Gokdogan (Sapsan) e Bozdogan (Krechet), creati in Turchia per sostituire i missili aria-aria USA AMRAAM e Sidewinder sui caccia F-16. Questi sono i primi missili di questa classe creati in Turchia. Sono stati sviluppati come parte del programma di sostituzione delle importazioni in corso del paese per le armi statunitensi. UR Gokdogan si riferisce ai missili da corpo a corpo ed è dotato di una testa di riferimento a infrarossi. A sua volta, Bozdogan è un missile a medio raggio, dotato di un cercatore radar.

Tra le caratteristiche del drone, gli sviluppatori turchi attribuiscono il fatto che Akinci è il primo UAV disponibile in commercio in grado di lanciare un missile da crociera lanciato dall'aria. L'arsenale di questo drone include il missile da crociera turco SOM-A. Un missile da crociera con una lunghezza di 4 metri e un peso di 620 kg è in grado di colpire bersagli a una distanza massima di 250 km. La massa della testata a frammentazione altamente esplosiva è di 230 kg. Sistema di guida - inerziale, combinato con GPS.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Marmolada: strage del sistema di Giorgio Cremaschi Marmolada: strage del sistema

Marmolada: strage del sistema

Ecco chi pagherà (veramente) la ricostruzione dell'Ucraina di Marinella Mondaini Ecco chi pagherà (veramente) la ricostruzione dell'Ucraina

Ecco chi pagherà (veramente) la ricostruzione dell'Ucraina

Il Liquidatore entra nella fase finale di Savino Balzano Il Liquidatore entra nella fase finale

Il Liquidatore entra nella fase finale

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai