Lavrov: "Il Pentagono è preoccupato di perdere il controllo dei laboratori militari di Odessa e Kiev"

Lavrov: "Il Pentagono è preoccupato di perdere il controllo dei laboratori militari di Odessa e Kiev"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Dal 2 gennaio la nostra pagina Facebook subisce un immotivato e grottesco blocco da "fact checker" appartenenti a testate giornalistiche a noi concorrenti. Aiutateci ad aggirare la loro censura e iscrivetevi al Canale Telegram de l'AntiDiplomatico

 

Il ministro degli esteri russo Sergey Lavrov ha parlato in conferenza stampa nel giorno in cui è atteso il secondo round di trattative tra la delegazione russa e quella ucraina in Bielorussia: "La gente sta morendo e la delegazione ucraina vuole un posto più comodo per le trattative", ha dichiarato il ministro degli esteri russo. 

"La Russia è pronta al dialogo sulla base dell'uguaglianza e tenendo conto dei reciproci interessi", ha proseguito, aggiungendo come le richieste della Russia sono minime e che il presidente Putin è stato coerente con la sua posizione. "Come può un presidente non razzista firmare un documento che vieta la lingua russa nell'istruzione e nella vita di tutti i giorni?", riferendosi al regime di Kiev. 
 
Non sono mancati attacchi all'occidente: "Perché la NATO dovrebbe determinare per noi ciò che è necessario per la nostra sicurezza?". E ancora: "La NATO ha deciso, sia a nome della Germania che dell'Europa, che il Nord Stream 2 non è necessario per garantire la sicurezza energetica dell'UE."

"Sono sicuro che si stanno escogitando piani di guerra contro la Russia. Si parla di possibilità di una guerra nucleare. Non da parte della Russia, ma della Nato e dell'Ucraina.", ha sottolineato.

"Putin ha dichiarato in infinite occasioni che il nemico era arrivato alle nostre frontiere". E ancora: "Non si può analizzare la situazione in Ucraina non considerando il contesto delle intere relazioni tra Russia e Occidente negli ultimi trent'anni. Un giorno dovremo accordarci con l'Occidente, ma alla pari. Per ora non sono pronti a questo."

Rispondendo alle domande dei giornalisti Lavrov ha prima dichiarato come è convinto che "l'isteria occidentale finirà e la Russia sarà pronta a riprendere il dialogo" e poi sul comportamento della Nato: "ha assicurato che non si sarebbe espansa verso est, e poi in 5 occasioni ha semplicemente ignorato quelle garanzie". 

Rispondendo ad un altro giornalista sulla situazione sul campo Lavrov ha sostenuto come: "Ogni vita umana è sacra, qualsiasi evento militare è accompagnato da vittime. Il nostro esercito ha ordini severi di distruggere solo le infrastrutture militari". E ancora, rivolgendosi alla stampa occidentale: "perché non avete mai affrontato con lo stesso entusiasmo la situazione in Iraq o in Libia, in cui sono morti centinaia di migliaia di civili?"

Una nota anche sui famosi e misteriosi laboratori biologici Usa installati in Ucraina dopo il golpe del 2014. "Abbiamo informazioni secondo le quali il Pentagono sarebbe preoccupato per la situazione dei laboratori militari statunitensi a Kiev e Odessa, perché potrebbero perderne il controllo", ha precisato Lavrov.

 

Dal 2 gennaio la nostra pagina Facebook subisce un immotivato e grottesco blocco da "fact checker" appartenenti a testate giornalistiche a noi concorrenti. Aiutateci ad aggirare la loro censura e iscrivetevi al Canale Telegram de l'AntiDiplomatico

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon di Paolo Desogus Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

In Bolivia, tornano i carri armati di Geraldina Colotti In Bolivia, tornano i carri armati

In Bolivia, tornano i carri armati

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta di Leonardo Sinigaglia Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Public enemy di Giuseppe Giannini Public enemy

Public enemy

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

"L'Urlo" adesso è davvero vostro di Michelangelo Severgnini "L'Urlo" adesso è davvero vostro

"L'Urlo" adesso è davvero vostro

Zelensky: gli aiuti occidentali non sono sufficienti di Andrea Puccio Zelensky: gli aiuti occidentali non sono sufficienti

Zelensky: gli aiuti occidentali non sono sufficienti

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti