Le bombe a grappolo statunitensi continuano a perseguitare i vietnamiti

Le bombe a grappolo statunitensi continuano a perseguitare i vietnamiti

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

di Giulio Chinappi

A quasi cinquant’anni dalla fine del conflitto, le bombe a grappolo lanciate dagli Stati Uniti continuano ad uccidere in Vietnam. Di seguito la traduzione dell’articolo pubblicato il 16 luglio dall’agenzia stampa cinese Xinhua.

Tornando a casa da scuola nella provincia settentrionale di S?n La, in Vietnam, due bambini hanno raccolto inconsapevolmente uno strano oggetto metallico che si sarebbe rivelato essere una bomba a grappolo inesplosa rimasta dalla guerra del Vietnam.

Scambiandolo inizialmente per un giocattolo, Vi Hoàng Kh?i e suo fratello Vi Hoàng Khiêm portarono l’oggetto a casa. Quando l’hanno lasciato cadere accidentalmente, la bomba è esplosa, causando gravi ferite a entrambi i bambini.

“I medici hanno detto che troppi frammenti e pallini d’acciaio sono finiti sopra o sono passati attraverso i corpi dei nostri bambini, causando gravi lesioni al fegato, allo stomaco, all’intestino e alle gambe. Grazie ai grandi sforzi dei medici ora dopo ora, giorno dopo giorno, i nostri bambini alla fine sono riusciti a fuggire alla morte“, ha ricordato il padre delle vittime Vi V?n Quy?n, un operaio elettrico.

La famiglia di Quyen ha sofferto molto dall’incidente avvenuto nell’agosto 2022. Ma si considerano fortunati rispetto a molti altri che hanno perso la vita o hanno subito ferite mortali a causa di ordigni inesplosi (UXO) della guerra del Vietnam.

?? Th? Th?, un’impiegata civile nel settore della polizia nella provincia di Kon Tum, negli altopiani centrali, ha condiviso una storia straziante su due ragazzi della famiglia del suo vicino.

Molto tempo fa, due fratelli della famiglia del mio vicino sono andati a radunare anatre nella risaia, hanno raccolto alcune bombe a grappolo e ci hanno giocato come giocattoli. Una bomba è esplosa, uccidendo il fratello maggiore e ferendo il fratello minore“, ha detto Th?. “Perdendo un occhio e un braccio nell’esplosione, da allora ha sopportato molti dolori fisici e mentali e vive con una costante paura di incidenti simili“.

Mentre lavorava nel suo campo di manioca, A Nhi, un agricoltore di 24 anni nel distretto di ??k Hà di Kon Tum, trovò delle munizioni inesplose e le portò a casa di suo suocero. Ha colpito la bomba con un machete per controllare il contenuto all’interno, ma è questa esplosa all’improvviso, uccidendolo all’istante. Più tardi, suo figlio di quattro anni rimasto ferito e il fratello minore di sua moglie sono morti in ospedale.

La cosa più dolorosa è che i bambini costituiscono la maggior parte delle vittime degli UXO. Con la loro natura iperattiva e la mancanza di comprensione, spesso giocano, muovono e lanciano UXO, in particolare bombe a grappolo, provocando esplosioni“, ha detto Thu a Xinhua.

Questi incidenti devastanti non si limitano ai soli bambini. Tra le vittime ci sono persone coinvolte nella raccolta di rottami metallici, compresi i capifamiglia che fanno affidamento su questa pericolosa occupazione per il loro sostentamento.

Il 22 marzo 2022, un raccoglitore di rottami di 41 anni nel distretto di Qu?ng X??ng della provincia centrale di Thanh Hoá è rimasto ucciso quando l’UXO che stava segando è esploso.

Il 18 agosto 2017, un UXO è esploso quando delle persone nel distretto di Khánh S?n della provincia centrale di Khánh Hòa lo hanno scambiato per metallo. L’esplosione ha ucciso sul colpo sei persone, tra cui quattro bambini.

Il 19 marzo 2016, i commercianti di rottami nel distretto di Hà ?ông, nella capitale Hà N?i, tentando di estrarre il metallo da una bomba inesplosa di oltre 100 kg, ma hanno innescato un’esplosione mortale, uccidendo quattro persone, ferendone altre 10 e danneggiando 131 appartamenti.

Le tragedie associate agli UXO si sono verificate in varie città e province del Vietnam per molti anni.

La guerra del Vietnam si è conclusa nel 1975 dopo un conflitto di quasi due decenni, ma secondo un recente sondaggio del Centro tecnologico per l’eliminazione di bombe e mine sotto il comando di ingegneria dell’esercito vietnamita, ogni anno oltre 2.000 persone muoiono o restano ferite a causa delle esplosioni di UXO a livello nazionale.

Il sondaggio classifica la causa di queste esplosioni, con il 38% derivante da bambini che giocano con UXO, il 30% da raccoglitori di rottami che li segano per il recupero e il 18% dall’accensione accidentale da parte di individui, come gli agricoltori che zappano nelle loro risaie.

La maggior parte delle vittime di incidenti UXO sono persone in età lavorativa e bambini. Anche coloro che sopravvivono affrontano disabilità a lungo termine, diventando un peso per le loro famiglie e per la società nel suo insieme.

Secondo un sondaggio sugli UXO, prima del programma nazionale di bonifica degli UXO 2010-2020, l’inquinamento da UXO copriva 6,1 milioni di ettari di terreno in Vietnam, pari al 18,8% della superficie totale del Paese del sud-est asiatico.

Nel periodo 2010-2020, il Vietnam ha bonificato 485.000 ettari di terreno contaminato da UXO con un costo totale di 12.614 trilioni di ??ng vietnamiti (534,5 milioni di dollari USA), secondo i dati diffusi in una conferenza sul piano d’azione nel febbraio 2022.

Di conseguenza, l’area contaminata da UXO è scesa a 5,6 milioni di ettari, pari al 17,7% della superficie terrestre del Vietnam.

Gli UXO lasciati dalla guerra in Vietnam rappresentano una minaccia quotidiana per il popolo, un problema scottante del Paese, che causa molte difficoltà nella produzione e nella vita e ostacola lo sviluppo“, ha detto il primo ministro Ph?m Minh Chính alla conferenza di revisione.

Secondo statistiche incomplete, dal 1975, quando finì la guerra del Vietnam, all’inizio del 2022, circa 40.000 persone sono rimaste uccise e altre 60.000 ferite a causa di esplosioni di UXO.

In media, ogni anno si registrano oltre 1.000 decessi e 1.300 persone che subiscono lesioni permanenti a seguito di tali incidenti.

Secondo un monitoraggio internazionale, i militari statunitensi hanno sganciato 413.130 tonnellate di munizioni a grappolo sul Vietnam tra il 1965 e il 1973. In concomitanza con la guerra del Vietnam, gli aerei da guerra degli Stati Uniti hanno sganciato circa 260 milioni di bombe a grappolo sul vicino Laos, rendendo il Laos “la nazione più pesantemente bombardata della storia”.

Ricordo ancora che gli Stati Uniti bombardarono terribilmente Hà N?i nel 1967 e nel 1972. Dovevamo indossare cappelli fatti con paglia di riso essiccata e mettere spessi strati di paglia sui rifugi antiaerei per evitare di essere uccisi o feriti dalle bombe a grappolo“, Nguy?n Th? V??ng, una residente di 70 anni del distretto di Thanh Trì ad Hà N?i, ha detto a Xinhua.

Ma non tutti gli abitanti del suo villaggio sono stati fortunati. Oltre 30 persone sono morte e dozzine di altre sono rimaste ferite dopo che i bombardieri statunitensi hanno sganciato bombe blockbuster e bombe a grappolo nei due anni, ha ricordato.

Con le lacrime agli occhi, l’anziana signora ha espresso il suo sincero desiderio di un mondo libero dai bombardamenti, non solo in Vietnam ma in tutti i Paesi colpiti da tale devastazione.

CLICCA QUI PER LA PAGINA FACEBOOK

Copyleft © Tutto il materiale è liberamente riproducibile ed è richiesta soltanto la menzione della fonte e del link originale.

Alle armi siam... Von Der Leyen Alle armi siam... Von Der Leyen

Alle armi siam... Von Der Leyen

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Sinistra o destra? Guerra di classe di Pasquale Cicalese Sinistra o destra? Guerra di classe

Sinistra o destra? Guerra di classe

Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti di Andrea Puccio Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti

Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La guerra non conviene, mai! di Michele Blanco La guerra non conviene, mai!

La guerra non conviene, mai!

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti