Le liberalizzazioni selvagge del mercato energetico sono il problema (ma continuano a non dirvelo)

Le liberalizzazioni selvagge del mercato energetico sono il problema (ma continuano a non dirvelo)

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Sulle tasche degli Italiani rischia di abbattersi la scure di aumenti vertiginosi delle bollette di elettricità e gas. La maggiore domanda industriale post-lockdown, ci raccontano, ha fatto lievitare i prezzi delle materie prime da cui dipende la produzione energetica. Questa è una concausa ma la realtà è ben più complessa: negli anni abbiamo assistito in Italia e in altre parti d'Europa alla liberalizzazione del mercato energetico, all'accantonamento del ruolo pubblico, alla devoluzione della fornitura di energia elettrica a società private.

Contestualmente i tanto attesi benefici nei prezzi delle tariffe non sono mai arrivati. Abbiamo assistito e stiamo assistendo tutt'ora alla smantellamento del mercato tutelato e alla spinta al passaggio al libero mercato. I paesi europei si sono accodati spesso anche contrariamente ai propri interessi, agli Stati Uniti nel sanzionare paesi fornitori di gas e petrolio come la Russia o l'Iran solo per fare degli esempi, con conseguente effetto boomerang nell'approvvigionamento e nei prezzi di tali materie prime.

Ora, chi pensa che la soluzione si esaurisca puntando esclusivamente sulle rinnovabili non ha chiaro la natura del problema: attualmente infatti anche i produttori non fossibili (rinnovabili o nucleari), come ha scritto lo scorso 15 di settembre Il Sole 24 ore "che non devono comprare il combustibile da bruciare cercano di estrarre il margine più alto possibile collocando le offerte appena sotto i termoelettrici, e intascando così margini lucrosissimi". 

Il problema è dunque di sistema e si chiama capitalismo.

 

Francesco Fustaneo

Francesco Fustaneo

Laureato in Scienze Economiche e Finanziarie presso l'Università degli Studi di Palermo.
Giornalista pubblicista dal 2014, ha scritto su diverse testate giornalistiche e riviste tra cui l'AntiDiplomatico, Contropiano, Marx21, Quotidiano online del Giornale di Sicilia. 
Si interessa di geopolitica, politica italiana, economia e mondo sindacale

Potrebbe anche interessarti

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire di Francesco Erspamer  Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale di Giorgio Cremaschi Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Covid 19: la situazione in Russia di Marinella Mondaini Covid 19: la situazione in Russia

Covid 19: la situazione in Russia

Per me questa è resistenza di Savino Balzano Per me questa è resistenza

Per me questa è resistenza

Caffè: i prezzi andranno alle stelle di  Leo Essen Caffè: i prezzi andranno alle stelle

Caffè: i prezzi andranno alle stelle

Il Nodo gordiano dei Taleban Il Nodo gordiano dei Taleban

Il Nodo gordiano dei Taleban

Camilla e la città di Omelas di Antonio Di Siena Camilla e la città di Omelas

Camilla e la città di Omelas

"Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund di Gilberto Trombetta "Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund

"Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund

I migranti in Libia: “Riportateci a casa” di Michelangelo Severgnini I migranti in Libia: “Riportateci a casa”

I migranti in Libia: “Riportateci a casa”

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti