Le sanzioni alla Russia, la fame nel mondo e il tripudio di ipocrisia occidentale

Le sanzioni alla Russia, la fame nel mondo e il tripudio di ipocrisia occidentale

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Più volte abbiamo rilanciato gli allarmi degli organismi internazionali sulle catastrofiche conseguenze globali della guerra ucraina. Riprendiamo dal Guardian: “In tutto il mondo, i paesi a basso e medio reddito stanno affrontando una triplice crisi: la pandemia, l’aumento del costo del loro debito e l’aumento dei prezzi di cibo e carburante causato dall’invasione russa dell’Ucraina”.

E riferisce le paure espresse a suo tempo da David Malpass, presidente della Banca Mondiale: “Sono profondamente preoccupato per i paesi in via di sviluppo. Stanno affrontando improvvisi aumenti dei prezzi dell’energia, dei fertilizzanti e del cibo, insieme a probabili incrementi dei tassi di interesse. Tutti questi fattori li stanno colpendo duramente”.

“L’ONU – continua il Guardian – ha cercato di quantificare il problema. Il suo braccio commerciale e per lo  sviluppo, l’UNCTAD, ha comunicato in un recente rapporto che ci sono 107 paesi che stanno affrontando almeno uno dei tre shock: aumento dei prezzi dei generi alimentari, aumento dei prezzi dell’energia o situazioni finanziarie più critiche. Tutti e tre questi eventi scioccanti hanno colpito 69 paesi: 25 in Africa, 25 in Asia e nel Pacifico e 19 in America Latina”.

Il Guardian stranamente non lo riferisce (forse perché non può dirlo), ma a risultare devastante per il mondo non è tanto lo scontro militare, quanto le sanzioni che si sono abbattute sulla Russia, uno dei più grandi esportatori globali di energia, fertilizzanti, materie prime e grano.

La guerra in sé, in realtà, al di là delle non meno importanti sofferenze umane, ha conseguenze sul resto del mondo solo nell’ambito della circolazione del grano, essendo l’Ucraina uno dei più importanti esportatori di questo cereale vitale.

Insomma, sanzionando la Russia, si è condannato il mondo alla fame e all’insicurezza, perché le crisi alimentari portano con sé agitazioni dal basso, che possono andare fuori controllo.

È quanto sta avvenendo in Sri Lanka, dove la crisi ha provocato proteste che hanno provocato scontri causando le dimissioni del governo. Quanto avvenuto nell’isola dell’Oceano Indiano non rappresenterebbe altro che la caduta della prima tessera di un domino che rischia di replicarsi altrove.

Da questo punto di vista, il Guardian scrive che all’Fmi si teme che “lo Sri Lanka sia il canarino nella miniera di carbone”, l’uccellino che portavano con sé i minatori per segnalare le fughe di gas.

Quando l’amministrazione Usa ha definito le sanzioni contro Mosca come “infernali” forse non aveva compreso appieno la congruità del termine, dal momento che il combinato disposto della crisi causata dell’ondata pandemica con quella innescata dalle sanzioni anti-russe rischia di scatenare l’inferno in terra, con tumulti generalizzati senza precedenti.

Così che non sarà la guerra atomica a decimare la popolazione mondiale, ma le carestie e le violenze diffuse. E mentre Gli Stati Uniti si ergono a difensori della libertà contro le tirannidi, una tragica ironia vuole che le criticità di cui sopra rischiano di portare nuovi regimi tirannici nel mondo, come spesso accade nei momenti tumultuosi che spesso aprono la via all’ascesa di uomini forti.

Peraltro, le sanzioni contro la Russia, pur garantendo buoni affari alle imprese statunitensi, in particolare quella del gas di cui l’America è diventato il primo esportatore mondiale, e un proficuo guadagno geopolitico,  facendo dei Paesi europei non più alleati ma servi, non inciderà sull’andamento del conflitto.

Infatti, non dissuaderà affatto la Russia dall’azione intrapresa, come descrive in maniera dettagliata un articolo di Foreign Policy al quale rimandiamo, né la indebolirà ulteriormente, potendo contare sull’appoggio economico-finanziario della Cina, che al netto delle sciocchezze che si scrivono in Occidente, non può permettersi il collasso dell’alleato perché sa bene che precederebbe il proprio, essendo anch’essa nel mirino dell’America.

Come dimostra, peraltro, proprio la crisi dello Sri Lanka, strettamente legata a Pechino e che ora brucia anche grazie a quanti in questa temperie hanno soffiato sul fuoco. Ma al di là del destino dell’isola, resta il problema del disastro che la crisi ucraina sta provocando nel mondo, con criticità crescenti.

Non c’è altra via per prevenire tale disastri se non porre fine alla guerra e attutire il regime sanzionatorio. Ma anche qui c’è chi soffia sul fuoco, Il discorso dimesso di Putin in occasione delle celebrazioni della vittoria sul nazismo, indica che Mosca è pronta a negoziare (come spiega al Messaggero l’ambasciatore Ferdinando Nelli Feroci). Ma a Zelensky non è permesso (né a nessun altro ucraino, a quanto pare, ché di guerra o pace parla solo lui e due suoi fedelissimi… a proposito di uomini forti).

Sul punto riportiamo un commento di Dagospia: “Togliete a Zelensky il copione che gli scrive il suo sceneggiatore americano – mentre l’Europa spinge per un negoziato e Putin abbassa la cresta, il presidente ucraino aizzato da Washington punta il mirino verso il Cremlino: “Il vero Hitler è a Mosca” – Ufficialmente il primo obiettivo diplomatico è ottenere il cessate il fuoco, ma con inglesi e americani determinati a battere i russi sul campo, chi dovrebbe togliere per primo il dito dal grilletto?”

A proposito di Gran Bretagna, ieri Boris Johnson ha chiamato Macron, il quale, dopo aver vinto le elezioni, ha riproposto la via del negoziato. Questo il passaggio chiave della conversazione riferita dal governo britannico: “Il Primo Ministro [britannico] ha parlato della sua visita a Kiev del mese scorso e ha condiviso la sua convinzione che l’Ucraina avrebbe vinto, supportata dal giusto livello di assistenza militare difensiva. Ha poi esortato a evitare qualsiasi negoziato con la Russia che potesse in qualche modo accreditare la falsa narrativa del Cremlino usata per l’invasione, ma ha sottolineato che tale decisione spettava al governo ucraino”. Il cenno finale è un tripudio di ipocrisia…

Alle armi siam... Von Der Leyen Alle armi siam... Von Der Leyen

Alle armi siam... Von Der Leyen

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Sinistra o destra? Guerra di classe di Pasquale Cicalese Sinistra o destra? Guerra di classe

Sinistra o destra? Guerra di classe

Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti di Andrea Puccio Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti

Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti