Le tensioni azero-iraniane avranno conseguenze di vasta portata per l'Eurasia

Le tensioni azero-iraniane avranno conseguenze di vasta portata per l'Eurasia

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Le tensioni sono recentemente aumentate tra l'Azerbaigian e l'Iran dopo che quest'ultimo ha avviato esercitazioni militari vicino al confine accompagnate da forti parole dei suoi funzionari. Compreso il Leader Supremo Khamenei che pubblica messaggi tramite il suo account Twitter come:

“La sicurezza di un Paese è l'infrastruttura fondamentale per tutte le attività di progresso. Coloro che pensano che affidandosi ad altri possono garantire la loro sicurezza dovrebbero sapere che presto subiranno un duro colpo per aver affidato la loro sicurezza agli stranieri”.

"Le questioni riguardanti i vicini nordoccidentali dell'Iran dovrebbero essere risolte saggiamente facendo affidamento sulle nazioni, attraverso la cooperazione degli eserciti dei paesi vicini ed evitando la presenza di forze militari straniere".

“Nelle questioni riguardanti il ??nord-ovest dell'Iran, le forze armate iraniane agiscono con autorità e saggezza. È bene che anche gli altri agiscano con saggezza e non permettano alla regione di dover affrontare problemi. 'Coloro che scavano una fossa per i loro fratelli saranno i primi a caderci dentro’”.

Gli osservatori concordano generalmente sul fatto che quattro fattori spiegano le recenti mosse dell'Iran:

* L’alleanza de facto dell'Azerbaigian con il rivale iraniano "Israele"

* Il futuro corridoio di Zangezur che riduce l'importanza dell'Iran per facilitare il commercio azero-turco

* La detenzione da parte dell'Azerbaigian di camionisti iraniani in transito nel suo territorio appena liberato in rotta verso l'Armenia

* Recenti esercitazioni militari trilaterali in Azerbaigian con Pakistan e Turchia che l'Iran teme militarizzino la regione

Ciò che questi fattori hanno in comune è che l'Iran è sempre più preoccupato che siano in gioco i suoi interessi di sicurezza nazionale. La Repubblica Islamica è ora intrappolata in un dilemma di sicurezza con l'Azerbaigian a seguito dell'esito della guerra del Karabakh dello scorso anno, nonostante abbia sostenuto politicamente Baku durante il conflitto.

L'Azerbaigian percepisce ciascuno di questi quattro fattori nel modo seguente:

* Ha il diritto sovrano di collaborare con chi vuole e questo non è diretto contro nessun paese terzo

* L'Azerbaigian mira a posizionarsi al crocevia delle rotte commerciali nord-sud ed est-ovest dell'Eurasia

* I camionisti iraniani devono rispettare la legge azera nei territori appena liberati

* Le esercitazioni militari multilaterali si stanno stabilizzando a livello regionale, basate sulla pace e sul diritto sovrano dell'Azerbaigian

Dal punto di vista iraniano:

* "Israele" sta usando l'Azerbaigian come trampolino di lancio dell'intelligence per destabilizzare l'Iran settentrionale

* L'Iran non vuole che il corridoio Zangezur sostituisca completamente il ruolo dell'Iran settentrionale lungo le rotte commerciali est-ovest

* L'Azerbaigian sta detenendo arbitrariamente camionisti iraniani per motivazioni a somma zero nei confronti dell'Armenia

* L'Iran avrebbe dovuto essere invitato a partecipare a quelle esercitazioni per rassicurarlo sulle intenzioni di quei paesi

In risposta, la replica dell'Azerbaigian potrebbe essere questa:

* L'Iran è paranoico e quindi forse gioca la carta "israeliana" per motivi interni egoistici

* Non è colpa di Baku se l'economia dell'Iran settentrionale non può sostituire il ruolo di quella rotta commerciale est-ovest

* L'Iran è solidale con l'Armenia e potrebbe armarla segretamente sotto la copertura di regolari trasporti su autocarri

* L'Iran non è stato invitato perché quei tre paesi non si fidano completamente di esso per ragioni che sono solo colpa dell'Iran.

La posizione iraniana attesa sarebbe questa:

* "Israele" è una minaccia credibile per l'Iran e la stretta cooperazione militare dell'Azerbaigian con esso solleva seri sospetti

* Nessuno aveva previsto il corridoio di Zangezur, quindi l'Iran non ha avuto il tempo di adattarsi a questo nuovo corridoio di connettività

* L'Iran persegue una politica equilibrata a livello regionale e sostiene l'Azerbaigian politicamente nonostante alcune pressioni interne

* I legami dell'Iran con questi tre vicini sono complicati e non è interamente da biasimare per la conseguente sfiducia

Se questi sospetti reciproci persistono, per l'Eurasia sono previste le seguenti conseguenze di vasta portata:

* Il corridoio di trasporto nord-sud (NSTC) diventerà politicamente impraticabile

* Il processo di pace di Astana potrebbe essere influenzato negativamente se l'Iran crede che la Turchia stia incoraggiando l'Azerbaigian

* L'Iran potrebbe fomentare problemi anti-talebani in Afghanistan per fare un dispetto al Pakistan per procura

* Le visioni di integrazione eurasiatica complementari di Cina e Russia faranno fatica a essere soddisfatte

Non si prevede che le tensioni azerbaigiano-iraniane diminuiscano per i seguenti motivi:

* Entrambe le parti credono di agire nell'ambito dei loro diritti sovrani nel perseguimento dei loro interessi di sicurezza nazionale

* Il loro dilemma di sicurezza preesistente e parzialmente risolto è stato rianimato a causa di eventi recenti

* Entrambe le parti credono che l'altra stia cercando di fare pressione e di imporre concessioni che porteranno a perdere la faccia

* Attori esterni come "Israele" e gli Stati Uniti potrebbero cercare di alimentare le fiamme della sfiducia ai fini del divide et impera

Non esiste una soluzione realistica a queste tensioni perché:

* Le loro azioni sono coerenti con la loro identità geopolitica e la prospettiva regionale delle loro leadership

* Le tensioni e la sfiducia reciproca ribollivano già da un po' e alla fine erano destinate a traboccare

* Ogni parte ha bisogno di apparire forte per il proprio pubblico domestico e non scendere a compromessi su nessun problema in questo momento

* Queste tensioni sono per lo più gestibili poiché nessuna delle parti vuole la guerra in quanto non raggiungerà i loro obiettivi

Per espandere l'ultimo punto, questo è perché:

* Le ostilità formali rafforzeranno la percezione negativa dell'altro da parte di ciascuna parte

* Un conflitto azero-iraniano probabilmente porterà la Turchia e forse anche "Israele" a sostenere direttamente Baku

* La minaccia di una guerra più ampia è in contraddizione con gli interessi di tutte le parti interessate regionali a parte "Israele"

* L'Azerbaigian finirà per moltiplicare le politiche di cui l'Iran è così preoccupato dopo la fine di ogni possibile guerra

Presumendo un periodo indefinitamente esteso di tensioni regionali, sono possibili le seguenti soluzioni alternative:

* Il NSTC può diventare più multimodale attraverso la connettività transcaspica per tagliare fuori l'Azerbaigian

* La visione del W-CPEC+ della Cina può essere sostituita dal “corridoio persiano” per tenere conto delle tensioni iraniano-pakistane

* L'Iran è per lo più messo da parte da Astana così com'è e potrebbe anche essere in uscita dalla Siria nel prossimo futuro

* La Cina può gestire contemporaneamente corridoi complementari Est-Ovest attraverso l'Azerbaigian e l'Iran

Nel frattempo, sarebbe meglio se:

* Le parti interessate regionali responsabili come la Cina e la Russia riaffermano le loro speranze che le tensioni possano essere gestite

* Stakeholder irresponsabili come "Israele" e gli Stati Uniti evitano di alimentare le fiamme con una retorica che divide

* Funzionari azeri e iraniani attenuino la loro retorica

* Entrambe le parti rivendicano ufficiosamente la vittoria per motivi politici interni, quindi evitano di peggiorare le tensioni in seguito

Nel complesso, è chiaro che le tensioni azerbaigiano-iraniane avranno conseguenze di vasta portata per l'Eurasia, anche se si spera che rimarranno gestibili, salvo l'improbabile scenario di una guerra per errore di calcolo. I loro problemi dimostrano che la causa comune dell'integrazione eurasiatica è molto più difficile da raggiungere che da discutere.

(Articolo pubblicato in inglese su One World)

Andrew Korybko

Andrew Korybko

 

Analista politico e giornalista. Membro del consiglio di esperti dell'Istituto di studi strategici e previsioni presso l'Università dell'amicizia tra i popoli della Russia. È specializzato in questioni inerenti la Russia e geopolitica, in particolare la strategia degli Stati Uniti in Eurasia. Le sue altre aree di interesse includono tattiche di regime change, rivoluzioni colorate e guerre non convenzionali.

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire di Francesco Erspamer  Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale di Giorgio Cremaschi Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Covid 19: la situazione in Russia di Marinella Mondaini Covid 19: la situazione in Russia

Covid 19: la situazione in Russia

Per me questa è resistenza di Savino Balzano Per me questa è resistenza

Per me questa è resistenza

Il Nodo gordiano dei Taleban Il Nodo gordiano dei Taleban

Il Nodo gordiano dei Taleban

Polizia, fascisti e Cgil: 3 domande senza risposta di Antonio Di Siena Polizia, fascisti e Cgil: 3 domande senza risposta

Polizia, fascisti e Cgil: 3 domande senza risposta

Italia unico paese europeo con i salari minori rispetto al 1990 di Gilberto Trombetta Italia unico paese europeo con i salari minori rispetto al 1990

Italia unico paese europeo con i salari minori rispetto al 1990

I migranti in Libia: “Riportateci a casa” di Michelangelo Severgnini I migranti in Libia: “Riportateci a casa”

I migranti in Libia: “Riportateci a casa”

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti