L'escalation del presidente Trump in Siria è illegale e destinata al fallimento. Ron Paul

L'escalation del presidente Trump in Siria è illegale e destinata al fallimento. Ron Paul

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 La scorsa settimana il presidente Trump ha intensificato in modo significativo la presenza militare degli Stati Uniti in Siria con lìinvio di circa 400 marines a Raqqa, roccaforte dell' ISIS, e diverse dozzine di Army Rangers nella zona contesa intorno Manbij. Secondo quanto riporta la stampa, circa 2.500 truppe statunitensi saranno di stanza in Kuwait per essere poi utilizzate in Iraq e la Siria. 

Non solo è illegale secondo il diritto internazionale inviare truppe in un altro paese senza permesso, ma è anche contro la legge degli Stati Uniti che il presidente Trump porti il paese in guerra senza una dichiarazione. Ma non solo la prima grande guerra di Trump è illegale: è destinata al fallimento, perché non ha senso, sostiene Ron Paul

Il Presidente Trump sostiene che lo scopo della escalation è quello di sconfiggere l'ISIS in Raqqa, la sua "capitale" in Siria. Tuttavia l'esercito siriano con i suoi alleati - la Russia e l'Iran -sono già vicini a sconfiggere ISIS in Siria. Perché inviare l'esercito statunitense quando l'esercito siriano sta già vincendo? Trump vuole occupare la Siria orientale e istallare
un governo ribelle sostenuto da Washington? Qualcuno ha detto al presidente Trump che questo avrebbe un prezzo economico e in termini di vite umane, tra cui vite americane? Come questo governo ribelle sostenuto dagli Stati Uniti rispondere al metodo di un esercito siriano sostenuta dai militari russo?  

Trump sta progettando Trump di consegnare la Siria orientale ai curdi, che hanno sostenuto gran parte dei combattimenti nella zona? Come fa a pensare  che la Turchia accetterebbe un   Kurdistan de facto all'interno della Siria e a confine con le aree curde della Turchia meridionale? 

E poi, con quale diritto Washington o qualsiasi altro paese potrebbe spartirsi la Siria? 

O Trump sta per rinunciare alla politica di "cambio di regime"? Se questo è il caso, perché sprecare vite americane e denaro, se i siriani e i loro alleati stanno già facendo il lavoro? Da candidato Trump aveva detto che era perfettamente felice che Russia e Siria si stessero sbarazzando dell'ISIS. Se la politica degli Stati Uniti si sta spostando verso l'accettazione di una vittoria di Assad, potrebbe essere raggiunta ponendo fine forniture di armi ai ribelli e ritirandosi

Non sembra che il presidente Trump o i suoi consiglieri abbiano pensato a ciò che succederà dopo che l'esercito americano avrà ripreso Raqqa, Siria. Qual è il finale di partita? Forse i neocons gli hanno detto che sarebbe stato un "gioco da ragazzi", come hanno promesso prima dell' invasione del 2003 in Iraq. 

Parte del problema è che i consulenti del Presidente Trump ritengono che il "surge" Usa in Iraq e in Afghanistan è stato un grande successo e ripeterlo determinerebbe quella vittoria che è sfuggita ad Obama con il suo affidamento a droni e forze militari per procura. Una grande dimostrazione di forza militare degli Stati Uniti sul terreno è ciò che è necessario in Siria, sostengono questi esperti. Se questo schema ha funzionato così bene perché Afghanistan e Iraq sono ancora un disastro? 

L'escalation del presidente Trump in Siria è destinata al fallimento. Si sta facendo risucchiare in un pantano dai neocon che distruggeranno decine di vite, costerà agli Usa una fortuna, e potrebbe rovinare la sua presidenza. Occorre una de-escalation prima che sia troppo tardi.

Una rosa bianca in onore di José Martí di Geraldina Colotti Una rosa bianca in onore di José Martí

Una rosa bianca in onore di José Martí

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

 COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA di Leonardo Sinigaglia  COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA

COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington? di Giacomo Gabellini Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico" di Marinella Mondaini FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico"

FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico"

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

La violenza del capitale di Giuseppe Giannini La violenza del capitale

La violenza del capitale

Toti e quei reati "a fin di bene" di Antonio Di Siena Toti e quei reati "a fin di bene"

Toti e quei reati "a fin di bene"

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti di Gilberto Trombetta Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Gli ultimi dati del commercio estero cinese di Pasquale Cicalese Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Gli ultimi dati del commercio estero cinese

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard di Paolo Arigotti Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Thomas Piketty e il capitalismo finanziario di Michele Blanco Thomas Piketty e il capitalismo finanziario

Thomas Piketty e il capitalismo finanziario

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti