L’Europa viva: la Repubblica del Silenzio

L’Europa viva: la Repubblica del Silenzio

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

di Declan Hayes - Strategic Culture

"Non siamo mai stati così liberi come sotto l'occupazione tedesca. Avevamo perso tutti i nostri diritti, e prima di tutto il diritto di parola. Ci insultavano in faccia ogni giorno e noi dovevamo tenere la lingua a freno".

Così inizia Paris Alive: The Republic of Silence, l'eccellente articolo di Jean-Paul Sartre nell'edizione di The Atlantic del dicembre 1944, in cui perpetuava il mito dell'eroica resistenza francese all'occupazione tedesca. Scum of the Earth di Arthur Koestler rafforza quell'immagine hollywoodiana quando racconta il destino di uno straccio di intellettuali europei (e non solo) intrappolati tra la disfatta della Terza Repubblica francese e l'inarrestabile giogo nazista.

Sebbene Le Vernet, a differenza di Dachau o Auschwitz, non fosse il cuore del terrore nazista, gli internati di Scum of the Earth con Koestler erano già stati presi a calci da una parte all'altra e non erano nello stato d'animo giusto per resistere al duplice assalto dei regimi di Hitler e Vichy che attendevano tutti.

O quasi, perché l'occupazione nazista di una persona è la scala degli stracci alla ricchezza di un'altra. Dimenticate le giovani donne francesi che si fecero rasare la testa dai loro compagni collaborazionisti dopo la liberazione del 1944 (sic) e pensate piuttosto a serial killer come il dottor Marcel Petiot, che offriva agli ebrei e ad altri sfortunati un passaggio sicuro per il Mondo Libero, ma in realtà li spediva all'altro mondo facendoli fuori. Petiot ha i suoi equivalenti moderni nelle masse di ONG che Soros e altri personaggi allineati alla NATO armano per evirare l'Europa inondandola con la feccia della terra di oggi. Quando si pensa alla resistenza della Georgia alle ONG della CIA, basta notare che in Irlanda ci sono oltre 8.000 di questi gruppi conniventi della CIA che cannibalizzano le nostre anime.

Per quanto riguarda la caduta della Francia, la maggior parte dei francesi ha collaborato per una ragione mercenaria o per l'altra e solo circa 150 truppe francesi hanno raggiunto le spiagge della Normandia il D Day. Ci furono più parigini a festeggiare la vittoria della Francia nella Coppa del Mondo di calcio che a salutare De Gaulle nel suo ingresso a Parigi nell'agosto del 1944. E, per quanto riguarda l'Esercito francese, il grande Esercito francese come Churchill lo aveva precedentemente descritto, alla fine della guerra fu rimpolpato con veterani delle Waffen SS e coscritti della Wehrmacht alcasiana come Guy Sajer, in modo che gli statunitensi potessero unirsi a De Gaulle nel fingere che i francesi avessero ancora un esercito e che potessero quindi usare la Francia come un ulteriore ostacolo contro i sovietici nel Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite.

Ma, così come Guy Sajer in The Forgotten Soldier ha dovuto attestare che gli USA avevano la stoffa per essere soldati migliori dei tedeschi e dei russi, allo stesso modo avrebbe dovuto affermare che erano colonialisti di maggior successo. Tralasciando cose come il fatto che hanno dato di meno ma hanno ottenuto di più dalla Seconda guerra mondiale e anche mettendo da parte le loro precedenti buffonate nelle Filippine, a Cuba e in America centrale, hanno colonizzato l'Europa occidentale a un livello che Hitler non avrebbe mai potuto immaginare, per non parlare di emulare.

Sebbene questo processo sia iniziato ai tempi della Grande Guerra, si è intensificato quando la Gran Bretagna e le sue colonie si sono opposte da sole a Hitler. Non solo gli inglesi dovettero consegnare le loro riserve d'oro e tutti i loro segreti militari ai loro padroni yankee, ma il famoso discorso di Churchill "Fight Them On the Beaches" (Combatteteli sulle spiagge) affermava chiaramente che era disposto a vedere "questa nazione insulare" cancellata dalla faccia della terra, purché "il Nuovo Mondo" continuasse a combattere.

Questa lotta globale, che continua ancora oggi, si manifesta in modo molto controverso con l'afflusso di masse di maschi in età da combattimento nel giardino europeo di Josep Borrell. Prima del crollo del Muro di Berlino e della successiva spinta della NATO verso est, avevamo essenzialmente tre blocchi demografici distinti, quelli dell'Unione Europea, dei Paesi del Patto di Varsavia e del mondo arabo e asiatico, con una migrazione gestibile tra questi blocchi.

La globalizzazione e altri espedienti della NATO hanno trasformato quel rivolo in un'inondazione. Mentre la Germania Ovest aveva bisogno dei tedeschi dell'Est per svolgere i loro lavori fisici e per procreare, le masse stanche, povere e accalcate della Statua della Libertà che anelavano alla libertà, i miseri rifiuti delle coste brulicanti dell'Afro-Asia vengono traghettati nell'Unione Europea in quantità insostenibili.

Circa 5 milioni di ucraini si sono uniti a questo flusso dove, in Paesi come l'Irlanda, i loro benefici sociali superano di gran lunga tutto ciò che gli aborigeni irlandesi potrebbero mai sognare, per non dire pretendere. In Svizzera, nel frattempo, gli zingari rom sono arrivati a frotte con passaporti ucraini falsi per reclamare per sé alcuni dei benefici che gli svizzeri hanno riservato alle cheerleader di Zelensky.

I rom non sono gli unici a questa manovra. Dopo la presa della regione siriana di Idlib, sono stati rubati circa 50.000 passaporti siriani vergini e so, per certo, che molti di questi passaporti sono stati utilizzati dagli attivisti dell'ISIS per garantire asilo politico in Gran Bretagna e Irlanda, con un contingente di oltre 300 di questi selvaggi di merda che vivono a meno di 3 chilometri da me, uno dei loro critici più coerenti, implacabili e accessibili.

Non che mi lamenti di loro perché, in un certo senso, sono come i francesi sotto l’occupazione tedesca, anche se sono sotto un’occupazione più invidiosa, dove la Big Tech yankee distorce l’intera economia irlandese ed europea verso i propri fini egoistici e ci inonda di queste masse accalcate, che lavorano per i bottoni e le cui normali necessità contribuiscono a mantenere in attivo il settore della vendita al dettaglio della NATO, nonché il settore edile e quello del noleggio in Europa.

Poiché l’edilizia (di appartamenti da affittare a queste masse accalcate) è in forte espansione, c’è molto lavoro in questo schema Ponzi della NATO per attirare più lavoratori e, come nel caso dell’edilizia, quel denaro dà rapidamente una dose di caffeina all’economia, permettendo di passare da un colpo veloce all'altro come un pollo senza testa e apparentemente senza direzione.

Ma questa gallina europea senza testa è in realtà una marionetta controllata dagli americani che sanno esattamente cosa vogliono e cosa hanno sempre voluto. Si tratta di un'Europa castrata con buon cibo (bonjour la France e ciao Italia), alcune birre artigianali (Germania, Repubblica Ceca e Belgio per i più golosi), un cambio di ritmo (Iberia), Buckingham Palace, Harry Potter e un po' di buon yogurt (se le multinazionali olandesi non finiscono prima l'industria greca).

Anche se la Legione straniera francese può ancora passeggiare sugli Champs Élysées il giorno della Bastiglia e gli inglesi possono accendere l'ultimo dei loro Spitfire ogni D Day, questi sono i parametri USA entro i quali operiamo. Come i francesi sotto la svastica, possiamo giocare ad essere liberi ma non possiamo esserlo e non c'è bisogno di credere alle mie parole sul Nordstream.

Leggete questo brillante articolo di Stephen Karganovic sulla Slovacchia di Robert Fico e chiedetevi se non ci sia anche un proiettile della NATO con il vostro nome. In fin dei conti, la logica è semplice come lo era in Francia o nei campi più a est durante l'occupazione, quando il Reich era alla ricerca del lebensraum. Se si pensa come Fico o, se non altro, come Karganovic, allora si ostacola la ricerca del lebensraum di Monsanto, Raytheon e degli altri capisaldi della NATO e questo può avere le stesse conseguenze fatali che ha avuto per molti bravi francesi nei primi anni Quaranta. Tuttavia, proprio come a Paree gay, anche oggi ci sono conversazioni silenziose in tutta Europa e la speranza non espressa è, come fu in Francia dal '40 al '44, che questa volta saremo noi, il popolo, a vincere, indipendentemente dal prezzo in vite perse che le legioni di pistoleri solitari della NATO ci chiederanno mentre scaliamo la cima della montagna di Martin Luther King Jr verso la sua Terra Promessa. La Garde meurt mais ne se rend pas! Vive la liberté! Vive la Slovacchia! Vive la Hongrie! Vive la Repubblica del silenzio!

(Traduzione de l’AntiDiplomatico)

 

Potrebbe anche interessarti

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Il macronismo al suo ultimo atto? di Paolo Desogus Il macronismo al suo ultimo atto?

Il macronismo al suo ultimo atto?

Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*       di Geraldina Colotti Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*      

Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*  

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Il pericoloso bluff della NATO - Andrea Gaiani di Giacomo Gabellini Il pericoloso bluff della NATO - Andrea Gaiani

Il pericoloso bluff della NATO - Andrea Gaiani

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Il "mastino della guerra" degli Stati Uniti colpirà ancora di Giuseppe Masala Il "mastino della guerra" degli Stati Uniti colpirà ancora

Il "mastino della guerra" degli Stati Uniti colpirà ancora

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti