L'immagine liberale del Canada intrappolata da 11,5 miliardi di dollari di accordi con l'Arabia Saudita

L'immagine liberale del Canada intrappolata da 11,5 miliardi di dollari di accordi con l'Arabia Saudita

Un epilogo drammatico con l'Arabia Saudita ha costretto il primo ministro canadese Justin Trudeau a entrare nella mischia pubblica nel tentativo di calmare gli animi. Ma ciò che preoccupa il Canada è la possibile perdita di un importante contratto per le armi saudite.

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


Secondo il giornalista Finian Cunningham, la crisi drammatica con l'Arabia Saudita ha costretto il primo ministro canadese Justin Trudeau a entrare nella mischia pubblica nel tentativo di calmare gli animi. Ma ciò che preoccupa il Canada è la possibile perdita di un importante contratto per le armi saudite.
La crisi è scoppiata lo scorso fine settimana quando il ministro degli Esteri canadese Chrystia Freeland ha emesso un severo rimprovero all'Arabia Saudita per l'arresto di attivisti per i diritti delle donne nel regno ricco di petrolio. Uno degli arrestati, Samar Badawi, ha legami familiari con cittadini canadesi.  
I sauditi rispondono immediatamente con una feroce risposta. Riyadh ha detto che stava espellendo l'ambasciatore canadese e ha richiamato il suo inviato da Ottawa. L'Arabia Saudita ha anche avvertito che avrebbe cancellato tutti i nuovi scambi e investimenti in Canada.  
 
Inizialmente, il Canada Freeland si è rifiutato di arrendersi, affermando che il suo paese avrebbe "sempre difeso i diritti umani".  
I sauditi hanno poi intensificato la disputa annunciando nuove misure restrittive. Riyadh ha avvertito che avrebbe sospeso i voli della compagnia aerea statale da e per Toronto, oltre a cancellare le importazioni di orzo e grano canadesi, e ricordato che migliaia di studenti sauditi, medici tirocinanti e pazienti che sono stati ospitati nel paese.  
Nonostante i provocatori commenti pubblici di lunedì scorso, il giorno successivo il principale diplomatico canadese avrebbe cercato di sistemare le cose attraverso conversazioni telefoniche private con il ministro degli Esteri saudita Abdel al Jubeir. Questi sforzi concilianti sono falliti.  
 
All'inizio di mercoledì, il ministro saudita avrebbe poi detto che "non ci sarebbe stata alcuna mediazione". Ha insistito sul fatto che il Canada deve "correggere il suo errore" di " interferire negli affari interni sauditi". 
 
È stato inoltre riferito che la banca centrale saudita stava cedendo azioni, obbligazioni e liquidità canadesi.  
Ma era la velata minaccia saudita di un'azione più punitiva che forse allarmava di più il governo canadese. Il ministro degli Esteri saudita ha affermato che il suo paese sta esaminando " ulteriori misure contro il Canada.”
È un chiaro segreto che i sauditi si riferivano a un importante contratto di armi che si sta concludendo con il Canada. L' accordo sulle armi ha un valore di 11,5 miliardi di dollari ($ 15 miliardi canadesi). Prevede la vendita di circa 900 veicoli da combattimento con un accordo di supporto di 14 anni.  
Per mettere questa cifra in prospettiva, il totale degli scambi bilaterali annuali tra Canada e Arabia Saudita è stimato in 4 miliardi di dollari. Il contratto per le armi saudite è quindi un grosso problema per il Canada.  
I funzionari canadesi avevano ipotizzato che i sauditi avrebbero rescisso il contratto di armamento come parte della sua rappresaglia sull'ultima fila di arresti di attivisti per i diritti umani. Ora sembrava che le "misure aggiuntive " menzionate in modo enigmatico dal ministro degli Esteri saudita fossero effettivamente un riferimento all'accordo sugli armamenti.  
Dopo giorni di silenzio sulla crisi, il primo ministro Trudeau è entrato nella mischia nel tentativo di placare le tensioni. Trudeau non ha offerto pubbliche scuse come richiesto in precedenza dal ministro saudita, ma ha fatto appello alla diplomazia e al dialogo.  
"Il Canada parlerà sempre con forza e chiarezza in privato e in pubblico su questioni relative ai diritti umani. Non desideriamo avere relazioni scadenti con l'Arabia Saudita. I colloqui diplomatici continuano" , ha dichiarato Trudeau.
 
È stato anche riferito all'inizio di questa settimana che Ottawa ha fatto appello alla Gran Bretagna per mediare nell'impasse diplomatica. Ciò ha fatto seguito a un rifiuto a sorpresa da parte di Washington, il quale ha affermato che non sarebbe stato coinvolto nella disputa e che spetta al Canada e all'Arabia Saudita risolvere il problema.  
Sembra, quindi, che il Canada venisse lasciato appeso ad asciugare dal suo vicino nordamericano. Allarmati dalle crescenti minacce di danni economici, i canadesi hanno chiesto aiuto alla Gran Bretagna per usare i suoi legami di lunga data per placare i governanti sauditi.  
Diversi osservatori hanno notato come il principe ereditario saudita Mohammed bin Salman sia diventato più assertivo nei rapporti con l'estero - in particolare per quanto riguarda il respingere i governi occidentali che si lamentano dei diritti umani nella monarchia assoluta.  
Lo scorso anno, i sauditi hanno  frenato i legami commerciali con le compagnie tedesche dopo che Berlino aveva fatto commenti critici sulle relazioni di Riyad con il Libano e la sua apparente interferenza con l'ufficio del primo ministro libanese Saad Hariri.  
Un altro fattore è che il principe ereditario saudita è stato incoraggiato dall'avere stretti rapporti con il presidente degli Stati Uniti Donald Trump e l'inviato in Medio Oriente della Casa Bianca Jared Kushner. Il patrocinio di Trump ha dato al giovane governante saudita una licenza per fare colpo sui critici sia in patria che all'estero.  
Quando Trump ha verbalmente malmenato Trudeau in Canada al summit del G7 in Quebec a giugno, è stato senza dubbio notato dai sauditi. 
Quindi, quando il ministro degli esteri canadese ha rilasciato i suoi commenti pubblici sull'arresto di attivisti per i diritti delle donne, i sauditi sapevano di avere la possibilità di schiacciare l'immagine " liberale " canadese. I sauditi stanno anche dimostrando ad altri governi occidentali di guardarsi le loro bocche e tenere il naso fuori dai loro affari interni.  
Inoltre, i sauditi sanno di avere il sopravvento sul Canada a causa del lucroso accordo sulle armi in corso. Ottawa subirà un duro colpo se perderà 11,5 miliardi di dollari su quel contratto - e le migliaia di posti di lavoro che conseguono con l'affare.  

Inoltre, i sauditi probabilmente suppongono che le loro tattiche sempre più impegnative pagheranno con il governo Trudeau perché il suo impegno nei confronti dei diritti umani e dei cosiddetti valori liberali sembra essere superficiale e opportunistico.  
Da quando Trudeau è stato eletto nel 2015, ha promesso di rendere i valori " liberali " un fulcro del suo governo. Ha difeso la parità di genere nel suo gabinetto e ha dichiarato che la politica estera canadese è "femminista".
 
Inaspettatamente, il governo di Trudeau ha fermamente respinto le richieste dei gruppi canadesi per i diritti umani per la cancellazione dell'accordo sulle armi con l'Arabia Saudita. Questo accordo è stato creato dalla precedente amministrazione conservatrice di Stephen Harper. Tuttavia, fu il partito liberale di Trudeau a firmare l'esportazione dei veicoli corazzati.  
L'adesione di Ottawa all'accordo sulle armi saudite è stata mantenuta nonostante le notizie imbarazzanti dello scorso anno che veicoli militari canadesi forniti in precedenza sono stati utilizzati dal regime saudita in una repressione contro le comunità sciite minoritarie. 
 

Potrebbe anche interessarti

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Il macronismo al suo ultimo atto? di Paolo Desogus Il macronismo al suo ultimo atto?

Il macronismo al suo ultimo atto?

Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*       di Geraldina Colotti Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*      

Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*  

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Il pericoloso bluff della NATO - Andrea Gaiani di Giacomo Gabellini Il pericoloso bluff della NATO - Andrea Gaiani

Il pericoloso bluff della NATO - Andrea Gaiani

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Il "mastino della guerra" degli Stati Uniti colpirà ancora di Giuseppe Masala Il "mastino della guerra" degli Stati Uniti colpirà ancora

Il "mastino della guerra" degli Stati Uniti colpirà ancora

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti