"L'isteria anti-Russia è diventata cronica": il Primo Ministro Medvedev critica il divieto della WADA contro gli atleti russi

"L'isteria anti-Russia è diventata cronica": il Primo Ministro Medvedev critica il divieto della WADA contro gli atleti russi

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


Il divieto generale agli atleti russi sembra essere una continuazione della geopolitica di oggi, basata dalla "paura della Russia" per un po'di tempo, ha dichiarato oggi il Primo Ministro russo. Indicando i persistenti tentativi di punire il paese e i suoi atleti.


 
"Il fatto che tali decisioni vengano prese ripetutamente - e spesso in relazione agli atleti che sono già stati puniti in un modo o nell'altro - suggerisce che questa è la continuazione dell'isteria anti-russa, che ha già assunto una forma cronica", ha denunciato.
 
 
Gli sportivi russi hanno avuto problemi con il doping, che sono "impossibili da negare", ha ammesso Medvedev. Ma la dura decisione della WADA dovrebbe essere appellata, ha detto il Primo Ministro, invitando i funzionari e le organizzazioni che supervisionano gli sport professionistici a contestarla in tribunale.
 
Il comitato esecutivo dell'Agenzia mondiale antidoping ha votato all'unanimità per dichiarare non conforme l'Agenzia russa antidoping (RUSADA) e ha bandito il paese dai Giochi olimpici e dai campionati mondiali per quattro anni. Il divieto segue le accuse secondo cui i dati, forniti alla WADA da un laboratorio antidoping di Mosca all'inizio di quest'anno, sono stati manomessi.
 
RUSADA ha 21 giorni per contestare il divieto. Il ministro dello sport russo Pavel Kolobkov ha dichiarato che presenterà un ricorso.
 
 

Potrebbe anche interessarti

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA di Giorgio Cremaschi 80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

I vaccini non sono la risposta definitiva al Covid. Parola di Fauci di Francesco Santoianni I vaccini non sono la risposta definitiva al Covid. Parola di Fauci

I vaccini non sono la risposta definitiva al Covid. Parola di Fauci

Uscire dal lockdown delle menti Uscire dal lockdown delle menti

Uscire dal lockdown delle menti

Ma perché "con l'Europa" ce l'abbiamo fatta? di Antonio Di Siena Ma perché "con l'Europa" ce l'abbiamo fatta?

Ma perché "con l'Europa" ce l'abbiamo fatta?

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti