Lo stato dell'arte - Il festival dell'altra canzone

Lo stato dell'arte - Il festival dell'altra canzone

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

 

Negli ultimi anni si assiste ad una certa rivalutazione, oltre gli eventuali meriti, del festival di S.Remo.Non è che di colpo siano emersi geni o artisti particolarmente degni di nota, ma si spinge forte, sopra ogni misura, cercando di unificare un Paese diviso da mille faccende, in un sentire comune, indotto e propinato con tutti i mezzi.

Fenomeno nazional-popolare al pari di Miss Italia o della nazionale di calcio.

Premesso che la kermesse straconosciuta nasce come mezzo di promozione della canzone italiana (non della musica), con una sua costruzione melodica, dando poi luogo ad una forma standardizzata, a volte melensa e strappa lacrime, senza particolari pretese di autorialità, ma con orchestrali con i controcoglioni, e ogni tanto, di passaggio personaggi degni di nota, bisogna ammettere che via via si è trasformato sempre più in una vetrina spettacolo.

E' ovvio che per farsi conoscere passare da lì può facilitare il percorso (quando esistevano i discografici!), ma adesso, con tutto il rispetto per chi ci va o lo segue siamo ad un punto di non ritorno.

Questo tipo di festival al pari di talent e format scopritori di nuove voci è puro marketing.

E poi ci sarebbero tante altre questioni extramusicali che ne minano la credibilità.

In ogni caso, chi ama la musica, in tutte le sue molteplici forme espressive, non ha bisogno di seguirlo.E' sempre esistita una canzone pop, la cd. musica leggera in grado di arrivare al largo pubblico, popolare appunto, che le radio commerciali ma anche i locali proponevano. E i costruttori di quella leggerezza oggi sono inarrivabili.

Esisteva la musica dal vivo nei club, locali e concerti - originale, non questi cloni e coverband - si vendevano i dischi, e c'era di che scegliere.

Dal beat degli anni '60 ai gruppi di impronta prog; dai cantautori impegnati agli sperimentatori.E poi la musica colta.

Il mainstream è stato affiancato negli anni '90 dall'alternative.

Siamo chiari, i modelli di riferimento sono sempre stati quelli anglosassoni, tanto nel commerciale quanto nell'indipendente.Forse un pò di originalità l'aveva, parodossalmente, proprio la canzone all'italiana, nella tradizione dei migliori chansonnier.Infine la musica folk e popolare, diventata ahimè fenomeno modaiolo.

Oggi però assistiamo ad un'involuzione nel panorama musicale, data da quella non forma chiamata trap, che al pari del gangsta rap di qualche decennio fa, perlopiù ostenta un linguaggio violento, a base di risse e che vede il ruolo della donna svilito a puro oggetto.La differenza è che l'hip hop delle origini, piaccia o meno, nasceva nelle strade e portava avanti rivendicazioni sociali.

E cosa dire dei neomelodici? Fenomeni da baraccone al pari di tutti quelli che si entusiasmano e corrono a vedere i cinepanettoni.

Quindi, pur volendo accettare i gusti altrui, non è una questione anagrafica o di generi.Ogni stile ha sempre espresso cose notevoli.Ed anche oggi, fuori dai circuiti che contano, esistono musicisti giovani e non che hanno qualcosa da dire, sperimentano, ed anche se forse non riusciranno mai a vivere di musica, almeno sono onesti.Capisco pure chi dopo anni di sacrifici scende a compromessi perchè ha famiglia.

E' una questione culturale. I tempi sono barbari ed anche la musica ne risente, ma si può sempre scegliere.

Alle armi siam... Von Der Leyen Alle armi siam... Von Der Leyen

Alle armi siam... Von Der Leyen

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

Gli "utili idioti" del sistema? di Leonardo Sinigaglia Gli "utili idioti" del sistema?

Gli "utili idioti" del sistema?

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

La Hybris umana e il miraggio della Pace di Giuseppe Masala La Hybris umana e il miraggio della Pace

La Hybris umana e il miraggio della Pace

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Tassare i ricchi di Michele Blanco Tassare i ricchi

Tassare i ricchi

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti