World Affairs/L'Occidente è "forte" o "si è indebolito"? Le posizioni opposte e...

L'Occidente è "forte" o "si è indebolito"? Le posizioni opposte espresse da Pompeo e Macron a Monaco

 

Allo stesso tempo, il presidente della Germania, Frank-Walter Steinmeier, ha affermato che gli Stati Uniti rifiutano "il concetto stesso di comunità internazionale" e raggiungono i suoi obiettivi a spese dei suoi alleati


Il segretario di Stato americano, Mike Pompeo, e il presidente della Repubblica francese, Emmanuel Macron, hanno espresso opinioni assolutamente diverse sulla situazione nel mondo occidentale durante i loro interventi di sabato nell'ambito della Conferenza sulla sicurezza di Monaco.

 
Pompeo ha colto l'occasione per rispondere al presidente della Germania, Frank-Walter Steinmeier, che un giorno prima aveva accusato Washington di raggiungere i suoi obiettivi a spese dei suoi alleati. "Il nostro più stretto alleato, gli Stati Uniti, sotto l'attuale amministrazione,  respinge il concetto stesso di comunità internazionale" , aveva dichiarato Steinmeier. "'Di nuovo, fantastico', ma a spese dei vicini e dei partner ', ha aggiunto, in un apparente riferimento all'iconico slogan della campagna di Trump,' Rendi l'America di nuovo grande ').
 
"Sono qui questa mattina per raccontarvi i fatti. Queste dichiarazioni semplicemente non incidono in modo significativo o riflettono la realtà", ha risposto Pompeo.
"Sono felice di riferire che [le dichiarazioni sulla] morte dell'Alleanza transatlantica sono  molto esagerate . L'Occidente sta vincendo e stiamo vincendo insieme", ha precisato.
 
L '"indebolimento" dell'Occidente
 
D'altra parte, Macron, che nel novembre dello scorso anno ha dichiarato che la NATO sta attualmente vivendo una "morte cerebrale", ha espresso un parere opposto a Pompeo e ha indicato che ora c'è un "indebolimento" dell'Occidente.
 
"Esiste una politica americana che è iniziata alcuni anni fa, e non solo sotto questa amministrazione, che include un tipo di ritiro,  il riesame delle sue relazioni con l'Europa " , ha anche sottolineato durante il suo discorso.
 
Allo stesso tempo, il presidente francese ha sottolineato la necessità che i paesi europei riprendano il dialogo con Mosca . "C'è una seconda opzione, che deve essere impegnativa e ripristinare un dialogo strategico perché oggi parliamo sempre meno, i conflitti si moltiplicano e non siamo in grado di risolverli", ha avvertito.
 
 
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa