L’OPCW accusa L’ISIS per l’attacco chimico in Siria nel 2015

L’OPCW accusa L’ISIS per l’attacco chimico in Siria nel 2015

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

L'Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche (OPCW) ha dichiarato  che esistono "fondati motivi" per ritenere che l'Isis abbia perpetrato attacchi con armi chimiche sulla città di Marea, vicino ad Aleppo, nel 2015.

La squadra di investigazione e identificazione (IIT) dell'autorità di vigilanza ha stabilito che i miliziani dell'Isis hanno utilizzato gas mostarda negli attacchi in varie parti della città il 1° settembre 2015.

Secondo quanto di legge nel report dell'OPCW, le unità dell'ISIS hanno utilizzato iprite allo zolfo attraverso le loro munizioni di artiglieria sulla città di Marea tra le 21:00 e le 24:00. Nel documento dell'OPCW si precisa: "L'agente chimico è stato effettuato utilizzando uno o più cannoni di artiglieria".

L'IIT ha scoperto che 11 persone esposte a una "sostanza nera e nociva" presente nei proiettili sul luogo dell'attacco hanno mostrato sintomi corrispondenti all'esposizione all'iprite solforosa.

Il recente resoconto è emerso dopo che per anni l’occidente ha sempre accusato il governo siriano di aver condotto attacchi chimici all'interno dei propri confini, circostanza negata da Damasco con veemenza.

Nel 2014, la Siria ha ceduto il proprio arsenale di armi chimiche nell’ambito di uno sforzo di collaborazione tra gli Stati Uniti e l’OPCW, che ha poi supervisionato lo smantellamento di queste armi.

Damasco sostiene che l'attacco chimico è stato “organizzato” per esercitare pressione e screditare il governo del presidente Bashar al-Assad.

Lo scorso agosto, il rappresentante siriano delle Nazioni Unite ha affermato che Washington ha fornito armi chimiche a gruppi estremisti nelle province occidentali dello stato arabo, oltre ad addestrarli per operazioni sotto false flag. 

David Schenker del Washington Institute for Near East Policy (WINEP) aveva già osservato in precedenza che Washington ha utilizzato Al Tanf come campo di addestramento per i gruppi armati di opposizione in Siria, agendo come risorsa strategica nelle ampie discussioni sul futuro della nazione.

In un articolo  dell'agenzia Reuters, nel 2018, l'ex ministro degli Esteri siriano, Walid Muallem, ribadì che le accuse precedentemente divulgate dall'OPCW secondo cui il governo siriano avrebbe utilizzato armi chimiche contro i suoi civili erano prive di qualsiasi prova.  

Tuttavia, l’OPCW ha ritrattato la sua dichiarazione a seguito delle pressioni degli Stati Uniti. Diversi commentatori politici, tra i quali Noam Chomsky, hanno ribadito che l’organizzazione aveva “soppresso” le informazioni secondo cui l’attacco chimico del governo siriano a Douma nel 2018 non era avvenuto.

Più recentemente, il giornalista statunitense Seymour Hersh ha riferito nel 2021 che un briefing riservato della Defense Intelligence Agency (DIA) degli Stati Uniti nel giugno 2013 indicava che il Fronte Al-Nusra manteneva una cellula di produzione di sarin e stava tentando uno sforzo di produzione su larga scala in Siria.

 

------------------------------

"CAPIRE LA PALESTINA": NUOVA IMPERDIBILE PROMOZIONE IN COLLABORAZIONE CON EDIZIONI Q

LA STORIA NON E' INIZIATA IL 7 OTTOBRE. TRE LIBRI FONDAMENTALI PER CONOSCERLA A FONDO (AD UN PREZZO SPECIALE)

VAI ALLA PROMO

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso di Fabrizio Verde Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La fine dell'impunità di Israele di Clara Statello La fine dell'impunità di Israele

La fine dell'impunità di Israele

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Liberal-Autocrazie di Giuseppe Giannini Liberal-Autocrazie

Liberal-Autocrazie

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare di Michelangelo Severgnini Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Il primo dei poveri di Pasquale Cicalese Il primo dei poveri

Il primo dei poveri

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi nel Corno d’Africa di Paolo Arigotti La crisi nel Corno d’Africa

La crisi nel Corno d’Africa

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti