Lula incontra il presidente dell'Egitto per discutere del conflitto israelo-palestinese

Lula incontra il presidente dell'Egitto per discutere del conflitto israelo-palestinese

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Il presidente del Brasile, Luiz Inácio Lula da Silva, ha iniziato un tour in Africa per rinnovare le relazioni che il gigante sudamericano aveva già con questo continente e che sono state trascurate durante il governo di Jair Bolsonaro.

Nei suoi primi due mandati, dal 2003 al 2011, Luiz Inácio Lula da Silva ha portato il Brasile in ogni angolo del mondo, compreso il continente africano. Ha viaggiato 30 volte, ha aperto ambasciate in Liberia, Sierra Leone e Ghana, poi chiuse da Bolsonaro. Adesso ha già annunciato la riapertura di queste e altre sedi diplomatiche e, anche se non lo dice espressamente, i suoi viaggi in questa regione del mondo, e nello specifico la sua politica estera africana, hanno un obiettivo a lungo termine, come spiega ai microfoni di RFI Natalia Barceló, docente universitaria ed esperta di politica estera brasiliana.

"Ci sono molti Paesi in Africa che hanno proiezioni di crescita economica molto positive. E credo che il Brasile abbia saputo approfittare di questa ‘bonanza’ in termini di cooperazione economica e commerciale e di scambi. Dopo la Cina, il Brasile è uno dei Paesi con il maggior numero di investimenti diretti esteri in Africa. Il Brasile ha svolto un ruolo fondamentale nell’inclusione di questo continente nel prendere decisioni rilevanti per il mondo. Ecco perché ritengo che il tour che il Presidente Lula da Silva sta iniziando nel continente sia di grande importanza”.

Anche l'Africa guarda con favore al Brasile. Lo dimostra il fatto che l'Unione Africana è entrata a far parte dell'esclusivo blocco del G20 grazie al sostegno del presidente brasiliano.

"Qui non dobbiamo dimenticare che Lula parteciperà anche a quello che è un vertice dei capi di Stato e dell'Unione Africana in Etiopia, di blocchi che in qualche modo cercano di progettare e coordinare gli aspetti legati all'integrazione energetica e infrastrutturale. Ebbene, questo adattamento e questa necessità di avere più voci, di avere un mondo più multipolare, credo che nel caso del Brasile, ma anche nel caso dell'Unione Africana, sia stato adottato come linea guida da sviluppare e che in questo terzo governo di Lula da Silva sia stato ripreso con molta più forza, con più vigore", sottolinea Natalia Barceló.

Le Nazioni Unite stimano che entro il 2050 l'Africa rappresenterà un quarto della popolazione mondiale.

La visita di Lula in Egitto comprende anche una visita presso la sede della Lega degli Stati Arabi. È previsto che Lula parli ai rappresentanti dei Paesi membri della Lega sui rapporti politici ed economico-commerciali tra il Brasile e sulla guerra genocida di Israele a Gaza. 

 Il leader brasiliano si incontrerà con  il segretario generale della Lega Araba, Ahmed Aboul Gheit, e discuterà dei conflitti in Siria e dell'attuale situazione politica in Medio Oriente.

La Lega Araba, fondata nel 1945, riunisce i seguenti paesi: Arabia Saudita, Algeria, Bahrein, Qatar, Comore, Gibuti, Egitto, Emirati Arabi Uniti, Yemen, Iraq, Giordania, Kuwait, Libano, Libia, Marocco, Mauritania, Oman, Palestina, Siria, Somalia, Sudan e Tunisia.

Lula vede anche il padrone di casa, il suo omologo egiziano Abdel Fattah al-Sisi. L'Egitto è stato un paese importante nell'evacuazione dei brasiliani e delle loro famiglie dalla Striscia di Gaza dopo l'inizio del conflitto e svolge un ruolo importante nella negoziazione di un accordo tra Israele e il gruppo della resistenza palestinese Hamas. Come sottolinea O Globo, Lula ribadisce la sua disponibilità a mediare per un accordo di pace.

Egitto e Brasile dovrebbero firmare accordi bilaterali nei settori della bioenergia e della scienza, tecnologia e innovazione.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso di Fabrizio Verde Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Liberal-Autocrazie di Giuseppe Giannini Liberal-Autocrazie

Liberal-Autocrazie

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare di Michelangelo Severgnini Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Il primo dei poveri di Pasquale Cicalese Il primo dei poveri

Il primo dei poveri

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi nel Corno d’Africa di Paolo Arigotti La crisi nel Corno d’Africa

La crisi nel Corno d’Africa

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti