ALBA LATINA/L'ultima crociata di Guaidò, il golpista in quarantena politica

L'ultima crociata di Guaidò, il golpista in quarantena politica

 

l'AntiDiplomatico ha bisogno del tuo aiuto. Una tua piccola donazione può essere vitale per la nostra battaglia di informazione.

 

di Augusto Marquez - Mision Verdad


Nei giorni scorsi si è appreso che una delegazione diplomatica del Regno di Norvegia è arrivata in Venezuela per monitorare la situazione politica e sanitaria.

 

L'informazione è stata confermata in prima persona dall'esperto diplomatico e mediatore del paese nordico, Dag Halvor Nylander, attraverso il suo account Twitter.
 

Nylander era responsabile della mediazione della Norvegia al tavolo dei negoziati tra il governo venezuelano e l'opposizione lo scorso anno, con quartier generale sull'isola di Barbados e Oslo, un forte sforzo diplomatico interrotto dopo l'imposizione di un embargo petrolifero da parte dell'amministrazione Trump contro il Venezuela il 5 agosto 2019.
 

Come sempre accade quando emerge il "fantasma del dialogo", la corrente anti-Chavista riunita attorno al deputato Juan Guaidó ha indicato in modo affrettato che non c'è nulla da dire su un nuovo ciclo di negoziati.
 

I diplomatici norvegesi devono chiedersi di che cosa si tratti questa affermazione, quando la loro missione, hanno affermato, è esplorativa e senza obiettivi definiti per ora.
 

Guaidó ha dovuto fare questa dichiarazione per calmare i troll di Twitter che gli hanno chiesto di rifiutare qualsiasi tentativo di negoziazione che potesse prendere in considerazione. Per evitare un nuovo linciaggio, il vago deputato ha affermato con la sua posizione che il percorso del settore che rappresenta si sta astenendo dai parlamentari, rispettando gli ordini emessi da Washington.
 

Ma l'affermazione di Guaidó non dimostra fermezza o forza, al contrario.
 

Ci sono due eventi che segnano la linea di vita del parlamentare uscente: la pandemia di Covid-19 e i movimenti di Trump. Entrambi i fattori tracciano un crocevia che si restringe mentre il clima politico avanza verso quelli parlamentari.
 

Cominciamo con la pandemia.
 

L'emergenza sanitaria causata da Covid-19 in Venezuela ha portato all'erosione della sua figura. Ma questa erosione, che si è intensificata dall'inizio dell'anno, non è simile a quella generata quando i tentativi di colpo di stato contro Maduro sono falliti in rapida successione.
 

Questa volta è molto più profondo e decisivo.
 

Prima della pandemia, Guaidó poteva almeno mantenere alcuni degli elementi che hanno modellato la sua simulazione come presidente fittizio: piccoli raduni a Caracas, viaggi all'estero per ottenere supporto diplomatico per farlo uscire dalla stagnazione e altre azioni simili volte a dimostrare forza. Ma con la pandemia questa possibilità di simulare un fine in sé è stata rovinata. È stato limitato alle dichiarazioni e alle comparsate inefficaci dal suo computer, il che ha contribuito alla sua esclusione dalla mappa politica e dei media.
 

D'altra parte, il Covid-19 ha ribaltato la situazione politica: le leve del potere, messe in discussione dal colpo di stato guidato da Guaidó, sono state trasferite nel loro luogo di origine.
 

L'emergenza della pandemia ha richiesto un immenso dispiegamento a livello sanitario di tutte le istituzioni dello stato venezuelano, l’attuazione di un dispositivo di gestione territoriale e l'applicazione di una serie di protocolli straordinari all'attenzione di Covid-19.
 

Guaidó aveva messo in dubbio il dispiegamento di questa autorità e la pandemia è arrivata a spezzare il mito del suo "governo provvisorio".
 

Il Covid-19 lo ha messo da parte, in quarantena politica e con credibilità asintomatica.
 

La disillusione si intensifica nei suoi seguaci, e ora deve amministrare quella poca benzina che ha lasciato nel serbatoio per combattere contro i settori dell'opposizione che si strofinano le mani in attesa della sua caduta finale.
 

Di fronte alla cosiddetta "comunità internazionale", il nome d'arte che il sistema di vassalaggio internazionale di Washington ha preso dal 2019, Guaidó è stato lasciato in una situazione molto grave: mentre Maduro prende decisioni strategiche, guida la creazione di ospedali di emergenza, dirige i ritmi della quarantena e monopolizza l'informazione della pandemia che viene riconosciuta fuori dalla porta, il deputato è diventato un altro utente youtuber o Twitter dell'opposizione, senza alcuna capacità organica di decidere praticamente altro che la gestione utilitaristica del risorse rubate dal paese.
 

L'altro fattore è Trump.
 

Qualche settimana fa ha affermato in Florida, nel contesto degli eventi della sua campagna, che "Guaidó stava perdendo potere" e che loro (il governo) avrebbero sostenuto chiunque avesse il sostegno della gente. In un semplice linguaggio politico, questa affermazione implica un affondo per il deputato.
 

Trump, noto per la sua "arte del patto", sembra aver fatto due passi indietro con l'obiettivo di mettere un nuovo elemento sul palco: il "progetto Guaidó" non è stato creato dal presidente e viene ascoltato nuovo.
 

Con quella dichiarazione, Trump ha ridotto l'impegno pubblico del suo governo nei confronti di Guaidó. E la ragione per sostenerlo risiede nella sua figura pseudo-legale con cui Washington può gestire i beni venezuelani all'estero come un meccanismo per l'arricchimento illecito e la pressione politica.


In questo contesto, Guaidó non aveva altra scelta che diventare intransigente. E questo è dimostrato dalla sua rigida dichiarazione davanti ai mediatori norvegesi. È risuscitato di fronte a Trump che non si fida della sua credibilità. Gioca con la posizione minacciosa per vedere se contribuisce a ristabilire la fiducia perduta nel capo della Casa Bianca.
 

Il fallimento dell'operazione Gideon ha spezzato la fiducia e la fiducia nel "progetto Guaidó".
 

Ma la verità è che è troppo tardi e a Washington non sanno molto bene come invertire la situazione. Le sanzioni che indeboliscono l'economia e le forniture del paese sono le uniche carte sul tavolo in assenza di un coerente piano a medio termine.
 

Guaidó sta lottando per rimanere a galla e dalla Casa Bianca, con il loro ritiro, stanno diventando abbastanza chiari con il messaggio: o colpisci il colpo con gli strumenti a portata di mano e che potremmo fornirti o ci sarà un cambiamento di piani. L'operazione Gideon non può essere ripetuta.


La lotta di Guaidó è contro il tempo.
 

La cosa pericolosa è che in questa disperazione si aprono sempre le peggiori opzioni ed è forse ciò che Washington alla fine spera
.

Per questo, il presidente Nicolás Maduro ha avvertito ancora recentemente che i cecchini vengono addestrati dalla Colombia per assassinarlo. Ci sono 15 milioni di dollari sul tavolo e l'assassinio presidenziale è già stato istituzionalizzato dal premio offerto dal Dipartimento di Stato.


E Juan Guaidó sta promuovendo eccessivamente le sue alleanze con il governo del Duque. Le opzioni criminali sono molto probabilmente testate come un modo per reinterpretare questo momento di crisi nel progetto di cambio di regime.


Perché l'unica cosa che abbiamo di sicuro è che, per salvare la sua pelle e rispettare gli impegni presi con gli Stati Uniti, non gli dispiace firmare un documento e spendere milioni di risorse per rendere praticabili gli omicidi politici e condurre il paese alla guerra. E il suo fallimento ha solo raddoppiato la sua disperazione.


Sappiamo anche che non ha nulla da cercare nelle elezioni parlamentari.


(Traduzione dell'AntiDiplomatico)
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa