L'Unione europea prolunga il suo embargo contro la Siria per un altro anno

L'Unione europea prolunga il suo embargo contro la Siria per un altro anno

L'Unione europea (UE) ha esteso gli embarghi contro il governo della Repubblica araba siriana per un altro anno fino al 1 giugno 2020.

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Il Consiglio europeo ha annunciato, oggi, in una dichiarazione la decisione dell'UE, in conformità con la sua strategia per la Siria, di mantenere in vigore i suoi embargo contro Damasco e i suoi sostenitori. Le attuali "sanzioni" includono restrizioni nei settori del petrolio, del commercio e degli investimenti, nonché l'immobilizzazione delle merci nell'UE della Banca Centrale della Siria.


 
Dopo lo scoppio della crisi causata da gruppi terroristici in Siria nel marzo 2011, l'UE ha adottato una campagna di embarghi che si estende ogni anno e che restano in vigore dal 1° dicembre dello stesso anno.
 
Così come il blocco europeo, gli USA hanno esteso il loro stato di emergenza nazionale ogni anno nei confronti della Siria e mantengono gli embarghi contro il paese. Washington ha intensificato le "sanzioni" dopo l'inizio della crisi per costringere il presidente siriano Bashar al-Asad a dimettersi.
 
Tuttavia, il governo siriano ha ripetutamente chiarito che non cederebbe mai all'assedio illegale degli Stati Uniti e dei suoi alleati, né permetterà ai suoi nemici di ottenere con le pressioni economiche ciò che non hanno ottenuto sul campo di battaglia.
 

Potrebbe anche interessarti

A voi che vi indignate per le parole di Renzi... di Paolo Desogus A voi che vi indignate per le parole di Renzi...

A voi che vi indignate per le parole di Renzi...

Ancora lo chiamate incidente? Ma vergognatevi è un omicidio di Giorgio Cremaschi Ancora lo chiamate incidente? Ma vergognatevi è un omicidio

Ancora lo chiamate incidente? Ma vergognatevi è un omicidio

Lo Stato stratega, motore del successo cinese   di Bruno Guigue Lo Stato stratega, motore del successo cinese

Lo Stato stratega, motore del successo cinese

La Stampa parla apertamente di "governo militare" di Thomas Fazi La Stampa parla apertamente di "governo militare"

La Stampa parla apertamente di "governo militare"

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti