/ M. Curtis, lo storico inglese che metterà online i segreti (crimi...

M. Curtis, lo storico inglese che metterà online i segreti (crimini) inglesi. Prima puntata: il ruolo di Londra nell'ascesa di Pinochet

 

"Voglio che tutti siano in grado di vedere almeno alcuni dei documenti che ho visto io perché raccontano una storia molto più vera del ruolo di questo paese nel mondo di quanto non sentano sulla BBC o leggono sul The Telegraph"


"Declassified" è il nuovo database online creato dallo storico inglese Mark Curtis con l'obiettivo di divulgare all'opinione pubblica i lati oscuri dei rapporti internazionali del governo britannico nel corso degli anni. "Il pubblico britannico non ha la minima idea di cosa sia stato fatto per conto loro", ha dichiarato Curtis in un'intervista rilasciata a Rachel Lang per RT.




"Declassified"  può essere definito come un vero e proprio dizionario A-Z di tutti i rapporti segreti tra la Gran Bretagna e praticamente ogni paese del mondo. L'elenco completo di documenti, provenienti principalmente dagli Archivi nazionali del Regno Unito, mira a fornire una "istantanea della vera storia della politica estera britannica dal 1945", ha precisato Curtis.

"Voglio che tutti siano in grado di vedere almeno alcuni dei documenti che ho visto io perché raccontano una storia molto più vera del ruolo di questo paese nel mondo di quanto non sentano sulla BBC o leggono sul The Telegraph", ha proseguito Curtis. "Certo, non raccontano una storia completa - soprattutto perché i funzionari britannici hanno distrutto molti dei documenti relativi alle loro politiche del passato, per coprire deliberatamente i loro crimini. Va anche detto che, nella serie di file che ho visionato e sto pubblicando, ci sono molti documenti che sono ancora censurati. Si può solo immaginare cosa ci sia dentro", ha aggiunto.

Curtis, che sta diffondendo i documenti attraverso il suo sito, sostiene che affronterà alcuni degli "episodi ignorati" nella politica estera britannica - come il sostegno del Regno Unito al golpe di Idi Amin in Uganda nel 1971, il ruolo attivo nel golpe militare di Pinochet in Cile, l'operazione segreta per rovesciare Sukarno in Indonesia alla fine degli anni '50 e la guerra segreta del Regno Unito nello Yemen negli anni '60. Attraverso la sua ricerca, ha prosguito lo storico, emerge  la vera mentalità britannica quando si tratta di affrontare le relazioni internazionali nel mondo post-bellico. "Non c'è alcun interesse per i diritti umani delle persone che vivono in regioni come il Medio Oriente, l'Africa o l'Asia - la politica britannica riguarda la geopolitica, la promozione degli interessi commerciali e il mantenimento dello stato di potere della Gran Bretagna", ha detto Curtis.

 



"Un'altra questione è che il pubblico britannico è in gran parte considerato come una minaccia e quindi non dovrebbe essere loro permesso di sapere cosa viene fatto nel loro nome, quindi i funzionari rivelano regolarmente nei file che stanno agendo per mantenere nascoste quelle politiche. Il pericolo è che il pubblico possa deviare le élite dal loro corso politico - questo è inaccettabile ma assolutamente coerente con la successiva censura dei documenti", ha concluso. 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa