Maduro: "L'unico vincitore è la sovranità della patria, sconfitti USA ed Exxon Mobil"

Maduro: "L'unico vincitore è la sovranità della patria, sconfitti USA ed Exxon Mobil"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Dalla Plaza Bolívar di Caracas, il Presidente della Repubblica Bolivariana del Venezuela, Nicolás Maduro Moros, ha celebrato la partecipazione del popolo venezuelano al referendum consultivo tenutosi questa domenica in difesa della Guyana Esequiba.

"Il referendum è stato indetto per una causa nazionale, abbiamo mosso i primi passi di una nuova tappa storica per lottare per ciò che è nostro, per recuperare ciò che i liberatori ci hanno lasciato, e il popolo venezuelano ha parlato forte e chiaro. Questa vittoria appartiene al popolo venezuelano, senza discriminazioni, senza partigianeria", ha affermato il presidente Maduro.

Si è poi congratulato con i deputati dell'Assemblea Nazionale, "per aver indicato la strada in mezzo alla diversità dell'Assemblea stessa. Hanno indicato un percorso", ha detto, ricordando che la consultazione è stata promossa dall'interno dell'Assemblea Nazionale affinché fosse il popolo a decidere la linea d'azione di fronte alle provocazioni del governo della Guyana,

"Ci siamo adeguati, il referendum si è tenuto ed è stato un successo totale per il nostro Paese e la nostra democrazia. Una vittoria schiacciante per il SÌ in tutto il Venezuela, con un livello significativo di partecipazione, ha sottolineato il capo di Stato. Questa vittoria appartiene a tutto il popolo venezuelano, senza discriminazioni o partigianerie", ha aggiunto.

Si è poi congratulato con tutti i movimenti sociali, i giovani, i lavoratori, i musicisti, gli artisti, gli atleti, gli sportivi, i leader delle comunità, i cosiddetti ‘jefes de calles’, i leader delle comunità e delle Unità di Battaglia Bolívar-Chávez, i governatori, i sindaci e i settori del Paese che si sono uniti in questa storica giornata in difesa del territorio dell'Esequibo.

Si è inoltre congratulato con il popolo venezuelano per la sua partecipazione, con il Plan República e con il Consiglio Nazionale Elettorale per lo svolgimento di una giornata elettorale in cui tutto il popolo si è espresso in pace. “Il Venezuela ha un sistema elettorale trasparente e affidabile", ha rimarcato.

Il Presidente ha ringraziato il lavoro svolto dal Comando de Campaña Venezuela Toda, per la dedizione e l'impegno profusi per il trionfo di questa campagna. Li ha nominati uno per uno: "persone che lavorano sodo e si impegnano. Li ringrazio per il loro lavoro instancabile”.

Nelle sue dichiarazione post-voto Maduro ha inoltre evidenziato il lavoro svolto dalla vicepresidente della Repubblica, Delcy Rodríguez e dal suo team nella partecipazione alla Corte Internazionale di Giustizia.

"Ci hanno messo anche del denaro, Exxon Mobil, il governo degli Stati Uniti per fermare e sabotare il referendum, anche del denaro per cercare di comprare i politici e limitare il diritto del popolo di tenere questo referendum consultivo, basato sulla Costituzione nazionale, così come altri piani che siamo riusciti a fermare in tempo e che commenteremo in seguito".

Maduro ha ricordato le tappe dell'evoluzione della controversia sul territorio in disputa con la Guyana: la formazione del territorio, con il Congresso Costituente del 1811; l'espropriazione, coronata dal fraudolento Lodo di Parigi del 1822. "Ma nel 1966 la coscienza nazionale cominciò a risvegliarsi e fu firmato l'Accordo di Ginevra”.

Ha poi evidenziato la fase dedicata alla creazione dello Stato della Guyana fino ai giorni nostri, caratterizzata dalla cospirazione della Exxon Mobil, "i profitti di questa compagnia per un pozzo ammontano a 22 miliardi di dollari e lo Stato guyanese ha ricevuto solo 3 miliardi di dollari. Hanno venduto l'anima alla Exxon Mobil", ha affermato a tal proposito.

"Era necessario fare un salto per iniziare una nuova fase, nel pieno esercizio della sovranità nazionale, della Costituzione nazionale. Abbiamo fatto i primi passi sulla strada dell'unità nazionale, per unire tutto ciò che può essere unito per la patria, per il futuro del Venezuela, per combattere per il nostro Paese e in questo momento per combattere per il nostro Esequibo, per combattere per la pace".

In questo contesto, ha elogiato la partecipazione e il sostegno dell'opposizione venezuelana che ha aderito al referendum. "Saluto l'audacia, il coraggio e il patriottismo dei leader dei partiti politici di opposizione, tendiamo loro la mano e diciamo loro che questa vittoria appartiene anche a voi", ha detto il presidente.

Maduro ha anche sottolineato l'unità nazionale che si è prodotta in difesa della patria. "Oggi non ci sono né vincitori né vinti, l'unico vincitore è la sovranità del Venezuela e i perdenti sono la Exxon, il governo della Guyana e l'impero statunitense. Il risveglio di un popolo, di una coscienza, ha vinto e dobbiamo esserne orgogliosi, perché stiamo scrivendo una nuova storia".

"La questione della Guyana Esequiba ha smesso di essere solo per gli specialisti, che sono necessari e abbiamo i migliori, e ora è anche una questione che appartiene a tutto il popolo del Venezuela", ha infine affermato dopo aver ringraziato ciascuno dei settori che hanno partecipato al referendum.

Possiamo affermare senza tema di smentita che il referendum consultivo in difesa della Guyana Esequiba svolto in Venezuela è emerso come una manifestazione straordinaria della democrazia nel paese. Nonostante le critiche dei media occidentali che dipingono il Venezuela come un regime autocratico, il presidente Nicolás Maduro ha evidenziato la partecipazione del popolo venezuelano, sottolineando la vittoria schiacciante del "SÌ" con un notevole livello di partecipazione. Questo risultato rappresenta un trionfo della democrazia, dimostrando la volontà del popolo di difendere un territorio che gli appartiene come ampiamente dimostrato su basi legali e storiche.

La lotta per l'Esequibo è una battaglia che va oltre i confini nazionali, inserendosi nell'ambito della de-colonizzazione e della lotta anti-imperialista. Il presidente Maduro ha evidenziato la cospirazione di attori esterni, come la Exxon Mobil e il governo degli Stati Uniti, nel tentativo di sabotare il processo referendario. Nonostante questi ostacoli, il popolo venezuelano, unito in difesa della patria, ha dimostrato un notevole grado di coesione nazionale.

La partecipazione dell'opposizione al referendum è stata elogiata come un atto di audacia e patriottismo, sottolineando l'importanza dell'unità nazionale in questa causa. La vittoria rappresenta senza dubbio un trionfo per la sovranità del Venezuela, come evidenziato dal presidente Maduro il quale ha affermato che non ci sono vincitori né vinti, ma solo la vittoria della coscienza del popolo venezuelano. In conclusione, il Venezuela ha scritto una nuova pagina nella sua storia, riaffermando il suo carattere democratico e la determinazione a difendere i propri diritti sovrani contro forze esterne mosse da interessi gretti e predatori.

 

Fabrizio Verde

Fabrizio Verde

Direttore de l'AntiDiplomatico. Napoletano classe '80

Giornalista di stretta osservanza maradoniana

Potrebbe anche interessarti

Alle armi siam... Von Der Leyen Alle armi siam... Von Der Leyen

Alle armi siam... Von Der Leyen

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Sinistra o destra? Guerra di classe di Pasquale Cicalese Sinistra o destra? Guerra di classe

Sinistra o destra? Guerra di classe

Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti di Andrea Puccio Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti

Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti