"Marchio occidentale". Mosca: più di 20 nazioni possiedono oltre 140 sostanze come il "Novichok"

"Marchio occidentale". Mosca: più di 20 nazioni possiedono oltre 140 sostanze come il "Novichok"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Il famigerato agente nervino 'Novichok' descritto come l'arma letale della Russia è stato presentato per la prima volta al mondo dagli americani e da allora è stato replicato da 20 dei loro alleati, ha dichiarato il ministero degli Esteri russo.


 
La struttura di una sostanza che da allora è nota al mondo come 'Novichok' è stata svelata per la prima volta dall'Istituto Nazionale di Standard e Tecnologia degli Stati Uniti nel 1998 sulla base dei dati forniti dal Pentagono, ha ricordato ieri il ministero russo, in risposta all'ennesima dichiarazione-accusa del ministro degli Esteri tedesco Heiko Maas.
 
Nel corso degli anni, la formula è stata utilizzata dagli americani e da più di 20 altre nazioni occidentali per produrre un cluster di ben 140 variazioni della tossina che può essere attribuita al gruppo 'Novichok', ha precisato il ministero, aggiungendo che l'intero lotto di questi non sono coperti dalla Convenzione sulle armi chimiche. 
 
"'Novichok' è un marchio occidentale" , si legge nella dichiarazione del ministero. "Non ce l'abbiamo."
 
Mosca ha ricordato che tutte le armi chimiche in suo possesso sono state distrutte nel 2017 sotto il "rigoroso controllo internazionale" supervisionato dall'Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche (OPCW).
 
La dichiarazione è arrivata in risposta a un discorso pronunciato da Maas nel parlamento tedesco all'inizio di questa settimana. Il ministro tedesco ha nuovamente accusato la Russia di non aver fornito risposte chiare sul caso di Alexey Navalny, una figura dell'opposizione russa presumibilmente avvelenata dal famigerato agente nervino e successivamente curata in una clinica di Berlino. Maas ha anche minacciato Mosca di sanzioni per l'incidente. 
 
La Russia, a sua volta, ha affermato di non poter avviare un'indagine sul caso senza alcuna prova che il presunto avvelenamento abbia avuto luogo. Il ministero ha ricordato che né i medici russi, che hanno salvato la vita di Navalny nelle prime ore cruciali, né i medici tedeschi, che lo hanno curato ulteriormente, hanno trovato tracce di avvelenamento da agenti nervini. Quelli sarebbero stati trovati solo presumibilmente quasi una settimana dopo dai militari tedeschi, ha aggiunto Mosca.
 
Tuttavia, Berlino non ha finora fornito alcuna prova materiale a sostegno della narrativa dell'avvelenamento alla Russia.
 

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA di Giorgio Cremaschi 80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

I vaccini non sono la risposta definitiva al Covid. Parola di Fauci di Francesco Santoianni I vaccini non sono la risposta definitiva al Covid. Parola di Fauci

I vaccini non sono la risposta definitiva al Covid. Parola di Fauci

Uscire dal lockdown delle menti Uscire dal lockdown delle menti

Uscire dal lockdown delle menti

Ma perché "con l'Europa" ce l'abbiamo fatta? di Antonio Di Siena Ma perché "con l'Europa" ce l'abbiamo fatta?

Ma perché "con l'Europa" ce l'abbiamo fatta?

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti