Middle East Eyes: in arrivo Ucraina i famigerati "ribelli siriani"

Middle East Eyes: in arrivo Ucraina i famigerati "ribelli siriani"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Dal 2 gennaio la nostra pagina Facebook subisce un immotivato e grottesco blocco da "fact checker" appartenenti a testate giornalistiche a noi concorrenti. Aiutateci ad aggirare la loro censura e iscrivetevi al Canale Telegram de l'AntiDiplomatico

 

Siccome in Siria come in Libia la situazione è di stallo apparente, i mercenari che hanno commesso crimini in questi paesi devono pur trovare una collocazione. Ecco il fronte ucraino, dove i paesi occidentali cercano di inviare Brigate di volontari.

Avevamo paventato questa ipotesi, ora come ha riferito il portale Middle East Eyes, "combattenti stranieri provenienti da vari paesi hanno iniziato a dirigersi verso l'Ucraina in risposta alla richiesta di aiuto di Kiev per combattere l' invasione russa , ma per i ribelli siriani che cercano il passaggio nell'Europa orientale, la battaglia è intensamente personale."

Si paventa quindi la possibilità di una rivincita contro la Russia che intrvenne in Siria nel 2015 su richiesta del governo siriano

Diversi combattenti siriani nel nord della Siria e in Turchia hanno detto a Middle East Eye che stanno cercando di viaggiare e prendere le armi contro la Russia.

Secono il portale, "L'opportunità di vendicarsi della Russia altrove è stata troppo bella per lasciarla sfuggire per alcuni ribelli. In particolare, alcuni dicono, poiché gli accordi di cessate il fuoco mediati dall'estero hanno impedito loro di lanciare attacchi contro le forze russe in Siria."

Fra quelli disposti a recarsi in Ucraina c'è "Suheil Hammoud, un uomo comunemente noto con il suo soprannome onorifico Abu TOW, un cenno al suo prolifico record nell'uso di missili anticarro.

Secondo quanto riferito, Hammoud ha distrutto 145 obiettivi usando missili TOW, inclusi i moderni carri armati russi. Ma i suoi più grandi scalpi sono stati due caccia russi MiG-23, che dice di aver colpito all'aeroporto militare di Aleppo ."

"Sono in contatto con diverse parti per uscire dalla Siria e raggiungere l'Ucraina, per affrontare le forze russe insieme ai miei fratelli ucraini", ha dichiarato Hammoud a MEE dall'ultimo bastione dei terroristi in Siria, la provincia di Idlib.

“Sto cercando di andare di persona in ogni modo. Non ho intenzione di andare con tutta la mia squadra, per la loro sicurezza".

"È sicuramente una battaglia dura e feroce, ma sono pronto a combattere fino all'ultimo soldato russo in Ucraina, o fino al ritorno dei combattimenti in Siria", ha ribadito Hammoud.

Finché avrà il sostegno della NATO, può stare tranquillo potrà combattere in ogni parte del mondo in cui questa organizzazione genocida lo voglia.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

L'agenda Draghi-Meloni di Giorgio Cremaschi L'agenda Draghi-Meloni

L'agenda Draghi-Meloni

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)   di Bruno Guigue Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA di Alberto Fazolo 28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA

28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA

Torna a salire la tensione tra Grecia e Turchia di Antonio Di Siena Torna a salire la tensione tra Grecia e Turchia

Torna a salire la tensione tra Grecia e Turchia

Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico di Gilberto Trombetta Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico

Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia di Giuseppe Masala Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia

Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra di Damiano Mazzotti Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti