Militari ucraini che massacrano soldati russi feriti. Il New York Times conferma l'autenticità di un video

Militari ucraini che massacrano soldati russi feriti. Il New York Times conferma l'autenticità di un video

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Il New York Times ha confermato, ieri, l'autenticità di un video che è stato trasmesso sui social network lunedì, dove si vedono militari ucraini che massacrano soldati russi feriti.

Si ritiene che il filmato, verificato dal quotidiano statunitense, "sembra mostrare un gruppo di soldati ucraini che uccide i soldati russi catturati alla periferia di una città a ovest di Kiev". Il media indicano che gli eventi sono stati documentati intorno al 30 marzo a circa 11 chilometri a sud-ovest della città di Bucha durante il ritiro delle truppe russe dall'area vicino alla capitale ucraina.

Nel video si può vedere come l'esercito ucraino spara due volte contro un soldato russo presumibilmente ferito che "apparentemente è vivo e respira ancora". Quando vedono che è ancora vivo gli sparano di nuovo e poi il soldato smette di muoversi. Accanto a lui si possono vedere i corpi di almeno altri tre soldati, presumibilmente assassinati; uno di loro ha un evidente trauma cranico e le sue mani sono legate dietro la schiena. Inoltre, tutti i defunti indossano uniformi mimetiche e tre di loro hanno sulle braccia i caratteristici segni bianchi usati dalle truppe russe, riporta il New York Times, aggiungendo che alcuni sembrano essersi tolti giacche, scarpe o stivali ed elmetti.

Il giornale indica che le vittime giacciono su una strada a pochi metri da un BMD-2, un veicolo da combattimento di fanteria utilizzato dalle unità aviotrasportate russe. Più lontano si possono vedere altri veicoli distrutti. "Questi non sono nemmeno umani ", dice un soldato ucraino nel video mentre cammina tra i veicoli distrutti, aggiungendo che due luogotenenti russi erano stati fatti prigionieri, secondo il quotidiano statunitense.

Il New York Times spiega che i soldati ucraini sono identificabili dalle toppe della bandiera e dai nominativi blu ; ripetono anche più volte "gloria all'Ucraina". "La loro divisione non è chiara, ma nel video degli omicidi, uno degli uomini si riferisce ad alcuni di loro come 'ragazzi Belgravia', probabilmente riferendosi a un complesso di appartamenti chiamato Belgravia, situato a poche centinaia di metri dall'accaduto", si aggiunge.

Le uccisioni sono state il risultato di un'imboscata ucraina , presumibilmente perpetrata il 30 marzo, scrive il giornale, citando il giornalista freelance Oz Katerji, che ha scritto su Twitter il 2 aprile che i soldati ucraini gli avevano raccontato che i russi erano caduti in un'imboscata ore prima, e postato video e immagini della colonna distrutta. Anche il ministero della Difesa ucraino ha twittato della distruzione del convoglio russo, definendolo "un lavoro preciso" da parte delle forze ucraine.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Le "non persone" di Gaza di Paolo Desogus Le "non persone" di Gaza

Le "non persone" di Gaza

L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei di Fabrizio Verde L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei

L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei

Il Venezuela alle urne per il compleanno di Chávez di Geraldina Colotti Il Venezuela alle urne per il compleanno di Chávez

Il Venezuela alle urne per il compleanno di Chávez

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio di Marinella Mondaini Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio

Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mannaia dell'austerity di Giuseppe Giannini La mannaia dell'austerity

La mannaia dell'austerity

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

20 anni fa a Baghdad: quando cominciò la censura di Michelangelo Severgnini 20 anni fa a Baghdad: quando cominciò la censura

20 anni fa a Baghdad: quando cominciò la censura

La crisi del debito Usa, Trump e le criptovalute di Giuseppe Masala La crisi del debito Usa, Trump e le criptovalute

La crisi del debito Usa, Trump e le criptovalute

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi (senza fine) della fu "locomotiva d'Europa" di Paolo Arigotti La crisi (senza fine) della fu "locomotiva d'Europa"

La crisi (senza fine) della fu "locomotiva d'Europa"

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti