Ministro esteri Venezuela Delcy: "Macri vuole distruggere il Mercosur su ordine degli Usa"

Ministro esteri Venezuela Delcy: "Macri vuole distruggere il Mercosur su ordine degli Usa"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Da Telesur

Delcy Rodríguez ha accusato formalmente il neo-presidente argentino, Mauricio Macri, di seguire la politica estera degli Stati Uniti e ha assicurato che il Venezuela non permetterà la distruzione del Mercosur.

Il ministro degli esteri del Venezuela, Delcy Rodríguez, ha denunciato questo mercoledì che Macri vuole distruggere il Mercosur (Mercato Comune del Sud) su ordine degli Stati Uniti. Dopo aver ribadito che Carcas esercita la presidenza pro-tempore dal 29 luglio, quando l'Uruguay ha terminato il suo semestre, Rodriguez ha sottolineato che il comportamento dei presidenti di Brasile, Argentina e Paraguay ha impedito il pieno passaggio di consegne. "L'arrogante sordità di Macri", ha proseguito la cancelliera, "non gli permette di ascoltare il popolo argentino, oggi sottomesso alla non speranza di un governo neo-liberale e antidemocratico".

Lo scorso 5 agosto, Delcy Rodríguez ha denunciato l'esistenza di una "triplice alleanza" tra Argentina, Paraguay e governo golpista di Brasile per distruggere l'integrazione regionale, opera dei governi progressisti dell'America Latina. 

Lo statuto del Mercosur stabilisce una presidenza pro-tempore al Venezuela per i prossimi sei mesi. Il corrispondente di teleSUR a Montevideo, Mauricio de los Santos, ha denunciato che in forma ufficiosa si è saputo che i rappresentanti di Paraguay, Brasile e Argentina, stanno studiando una serie di proposte per evitare la presidenza di Caracas nel Mercosur. Una delle proposte prevede il passaggio della presidenza all'Argentina, un'altra un triunvirato congiunto per i prossimi sei mesi. 
 

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La tigre di carta è nuda di Clara Statello La tigre di carta è nuda

La tigre di carta è nuda

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Libia. 10 anni senza elezioni di Michelangelo Severgnini Libia. 10 anni senza elezioni

Libia. 10 anni senza elezioni

Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi di Pasquale Cicalese Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi

Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS di Michele Blanco DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti