Ministro interni serbo Aleksandar Vulin: "L'Ue ci ricatta"

Ministro interni serbo Aleksandar Vulin: "L'Ue ci ricatta"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Da RT

(Traduzione dal canale telegram @LauraRuHK)


Il ministro dell'interno Aleksandar Vulin ha detto che i serbi dovrebbero accettare il fatto che Bruxelles non li vuole e rafforzare invece le relazioni con Russia e Cina, paesi che non ricattano.

”La domanda non è se vogliamo aderire all'UE, ma se l'UE vuole la Serbia", ha detto Vulin a Novosti. "A giudicare dal folle ricatto a cui ci stanno esponendo non ci vogliono. Prima accetteremo il fatto che non ci vogliono e che noi non apparteniamo all'UE, meglio staremo.”

Alleato tradizionale della Russia, la Serbia ha subito forti pressioni da parte dell'Occidente per sostenere il regime sanzionatorio contro Mosca. Il Parlamento europeo ha preso in considerazione il congelamento dei colloqui di adesione per il rifiuto di Belgrado di sostenere i suoi otto round di sanzioni economiche, i media statali statunitensi hanno riferito il mese scorso, mentre Germania e Francia si sono offerte di “accelerare” il percorso della Serbia verso l'adesione all'UE se riconosce l'indipendenza della provincia del Kosovo, "Quanto ci rispetterebbero i nostri amici se ci vedessero trascurare i nostri interessi di fronte alla forza nemica?" ha chiesto Vulin.

"Chi combatterebbe per noi se decidessimo di non combattere per noi stessi? "Le relazioni con la Russia, la Cina e altri paesi liberi che ci accettano senza ricatti e condizioni sono il futuro della Serbia”, ha continuato.

"Credo che l'amicizia con la Russia sia della massima importanza e che senza di essa rischiamo la scomparsa della Serbia.” Secondo un sondaggio effettuato a marzo, circa il 61% dei serbi si oppone a qualsiasi cooperazione con l'alleanza NATO guidata dagli Stati Uniti, in gran parte a causa del sostegno del blocco atlantico per l'indipendenza del Kosovo e la sua campagna di bombardamenti del 1999 che ha portato alla fine della Jugoslavia. Inoltre, mentre la Serbia ha presentato domanda di adesione all'UE nel 2009, l'adesione sembra per ora essere fuori discussione.

L'ultimo pacchetto di sanzioni dell'UE che riguarda le esportazioni di petrolio russo sembra destinato a costare a Belgrado centinaia di milioni di euro, ha detto Vulin la scorsa settimana, descrivendolo come il “primo pacchetto di sanzioni dell'UE contro la Serbia.” L'Ungheria ha risposto alle sanzioni annunciando un nuovo oleodotto per aiutare la Serbia a sfruttare la fornitura di petrolio greggio russo. 

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO di Leonardo Sinigaglia Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor di Pasquale Cicalese Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor

Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor

Anche la Danimarca chiude l'indagine sul Nord Stream di Andrea Puccio Anche la Danimarca chiude l'indagine sul Nord Stream

Anche la Danimarca chiude l'indagine sul Nord Stream

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative di Michele Blanco OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative

OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti