Mintpress: The Guardian sapeva ed ha taciuto su spionaggio contro Assange

Mintpress: The Guardian sapeva ed ha taciuto su spionaggio contro Assange

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Secondo quanto riferito, il quotidiano The Guardian era a conoscenza del presunto spionaggio ai danni di Julian Assange da parte di una società di sicurezza collegata alla CIA molto prima che diventasse di dominio pubblico – e ha coperto l'azienda per avere informazioni invece di denunciare lo spionaggio.

Le accuse contro la principale pubblicazione del Regno Unito sono state sollevate dal sito web di notizie Mintpress. Ha citato le comunicazioni tra la società di sicurezza UC Global e The Guardian. La società è attualmente processata in Spagna per il suo presunto ruolo nella sorveglianza clandestina di Assange presso l'ambasciata ecuadoriana a Londra, cosa che secondo quanto riferito ha svolto per conto della CIA.

Uno scambio particolare è avvenuto tra l'azienda e la corrispondente del Guardian Stephanie Kirchgaessner, che è stata coautrice di una storia del settembre 2018 secondo cui i funzionari russi ed ecuadoriani avevano pianificato un'operazione per "trasportare" Assange in Russia.

Secondo Mintpress, nel novembre 2018, la giornalista del Guardian ha interrogato una fonte in UC Global, chiedendo la trascrizione di una conversazione che coinvolgeva Assange e Rommy Vallejo, allora capo del Segretariato nazionale dell'intelligence dell'Ecuador, noto anche come Senain.

Vallejo ha visitato l'ambasciata nel dicembre 2017 per discutere con Assange la logistica del suo possibile trasferimento in un paese terzo. 

La natura della conversazione è stata confermata a Mintpress da Aitor Martinez, un avvocato che ha supervisionato il tentativo dell'Ecuador di far uscire Assange dall'ambasciata sotto protezione diplomatica.

I paesi suggeriti sarebbero stati Cina, Serbia, Grecia, Bolivia, Venezuela o Cuba, ha affermato l'avvocato. Ha raccontato, tra l'altro, che la Russia non era stata considerata una destinazione adatta dal team di Assange a causa delle ovvie ramificazioni del Russiagate. Quando il ministero degli Esteri ecuadoriano ha tentato di nominare Assange come diplomatico in Russia, i suoi avvocati hanno rifiutato. "Abbiamo detto, 'È pazzesco, di cosa stai parlando?'" 

La richiesta di una trascrizione mostra che Kirchgaessner era ben consapevole che UC Global stava spiando Assange e registrando le sue conversazioni più delicate, ha evidenziato Mintpress. Invece di riportare questo fatto all'opinione pubblica, il giornale "ha promosso una narrazione secondo cui la squadra di Assange stava cospirando con la Russia per fuggire illecitamente dall'ambasciata", si legge nel rapporto.

Mintpress ha posto una serie di domande a The Guardian sulla sua copertura di Assange, chiedendo se avesse usato fonti imperfette per spacciare la narrativa del Russiagate mentre nascondeva le prove del contrario. Ha detto che il giornale si è astenuto dal commentare l'articolo prima della sua pubblicazione.

 

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori di Giorgio Cremaschi Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano di Savino Balzano Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino di Alberto Fazolo Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato di Pasquale Cicalese Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato

Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato

La nuova psicologia del Totalitarismo di Damiano Mazzotti La nuova psicologia del Totalitarismo

La nuova psicologia del Totalitarismo

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"... di Antonio Di Siena In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti