Morawiecki: "Non trasferiamo più armi all'Ucraina, ora stiamo armando la Polonia"

Morawiecki: "Non trasferiamo più armi all'Ucraina, ora stiamo armando la Polonia"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

La Polonia non fornisce più armi all'Ucraina perché il paese si sta armando attivamente, ha annunciato, ieri, il primo ministro polacco Mateusz Morawiecki al canale televisivo Polsat.

"L'Ucraina si sta difendendo da un brutale attacco della Russia, e capisco questa situazione, ma come ho detto, stiamo difendendo il nostro Paese. Non trasferiamo più armi all'Ucraina perché ora stiamo armando la Polonia", ha commentato Morawiecki.

Tuttavia, il primo ministro ha assicurato che il centro operativo nella città polacca di Rzeszów, attraverso il quale passano le forniture all'Ucraina, "continuerà sempre a svolgere lo stesso ruolo".

La Polonia era il terzo fornitore mondiale di armi all'Ucraina, dopo gli Stati Uniti e il Regno Unito. Alla fine di luglio è stato riferito che Varsavia aveva fornito aiuti militari alle forze armate ucraine per un valore di tre miliardi di euro.

Durante la visita avvenuta ieri alla fabbrica di armi Lucznik, situata nella città di Radom, Morawiecki ha sottolineato che la Polonia intende investire nello sviluppo del suo esercito, stanziando "fondi record" per la difesa. Ecco perché si prevede che entro il 2024 il bilancio sarà pari al 4,2% del PIL.

"Voglio che l'esercito polacco disponga di armi, soprattutto efficaci e moderne, ma anche polacche", ha sottolineato il presidente.

Le dichiarazioni di Zelenskyj

Nella stessa giornata il Ministero degli Affari Esteri polacco ha convocato l'ambasciatore ucraino nel paese, Vasili Zvarych, a causa del disagio della parte polacca per le dichiarazioni del presidente ucraino Vladimir Zelensky, in cui criticava il fatto che alcuni paesi europei fingessero di essere solidali con Kiev.

Il giorno prima, Zelenskyj aveva dichiarato durante il suo discorso davanti all'Assemblea generale delle Nazioni Unite che alcuni paesi in Europa "minano la solidarietà e creano un teatro politico, trasformando [la fornitura di] grano [ucraino] in un thriller". "Potrebbe sembrare che svolgano un ruolo proprio, ma invece aiutano a preparare il terreno per l'attore moscovita", ha lamentato.

Da parte sua, il presidente della Polonia, Andrzej Duda,  ha affermato che le autorità ucraine si comportano come una persona che sta annegando e "si aggrappa a tutto ciò che può", che può "trascinare negli abissi" chiunque voglia aiutarle.

 

 

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito di Geraldina Colotti Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse di Clara Statello La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse

La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

L'Unione Europea nella percezione degli italiani di Leonardo Sinigaglia L'Unione Europea nella percezione degli italiani

L'Unione Europea nella percezione degli italiani

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics di Marinella Mondaini Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Un establishment a corto di credibilità di Giuseppe Giannini Un establishment a corto di credibilità

Un establishment a corto di credibilità

"L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO) di Michelangelo Severgnini "L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO)

"L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO)

A cosa serve la proposta di Putin di oggi di Giuseppe Masala A cosa serve la proposta di Putin di oggi

A cosa serve la proposta di Putin di oggi

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti